Un virus chiamato burnout

La sera alle dieci il mouse del computer vola con Karacho fino al muro. Christian Schmidt *, copywriter in un'agenzia pubblicitaria, sta scoppiando il colletto. L'occasione: un errore di ortografia in una presentazione - in realtà un po '. Tali reazioni eccessive sono tipiche di un fenomeno che è in aumento da anni: il burnout - una stanchezza fisica, emotiva e mentale, di solito causata da sovraccarico di lavoro.

Un virus chiamato burnout

La sera alle dieci il mouse del computer vola con Karacho fino al muro. Christian Schmidt *, copywriter in un'agenzia pubblicitaria, sta scoppiando il colletto. L'occasione: un errore di ortografia in una presentazione - in realtà un po '. Tali reazioni eccessive sono tipiche di un fenomeno che è in aumento da anni: il burnout - una stanchezza fisica, emotiva e mentale, di solito causata da sovraccarico di lavoro.

Il 41enne con la barba bionda non rende il suo lavoro divertente per molto tempo. Solo la sua squadra lo tiene al palo che non vuole abbandonare. "Non fingere, non sei un buono a nulla", continua a ripetersi, anche se il suo corpo invia da tempo segnali di allarme: crampi muscolari, tensione, mal di schiena, mal di testa ogni notte.

Essere stressati diventa un dovere

Nella sua azienda, Schmidt non è l'unico a sentirsi bruciato. Un misterioso virus sembra diffondersi inesorabilmente nell'agenzia pubblicitaria: sempre più colleghi sono stressati e sopraffatti. Infettano gli altri con la loro stanchezza emotiva e la loro ridotta efficienza.

Diventa particolarmente discutibile quando essere stressati diventa un dovere: "In alcune aziende, si sta sviluppando una cultura jammer", afferma il professore psicologo Jörg Fengler a The-Health-Site. Chiunque ritorni alla vacanza dopo la vacanza con le parole "Sono completamente in forma e non vedo l'ora di lavorare" viene poi punito con gelido silenzio. Molto diversa è la reazione ai colleghi che recitano nella prima settimana di lavoro con voce grave, sentita di non essere mai stata in vacanza. Raccolgono pietà e sostegno. "Ad un certo punto, ero solo sensibile al negativo", afferma Schmidt. "In questo modo, interi team spesso cadono nella fase discendente", conferma Fengler.

Lo stress può danneggiare la salute. Cosa provoca nel corpo.

Il tuo stress è il mio stress

Certamente, non esiste un virus del burnout che infetta i colleghi mentre starnutisce. Ma gli stati emotivi possono sicuramente saltare da una persona all'altra. La ragione: siamo esseri enfatici che soffrono e simpatizzano.

Ad esempio, lo stress, che è un fattore importante nel burnout, è in realtà contagioso in qualche modo. Osservando solo le situazioni stressanti aumenta l'ormone dello stress cortisolo nel corpo. Lo dimostra un recente studio del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences di Lipsia. In uno stress test, i soggetti, in quanto presunti analisti comportamentali, dovevano guardare gli altri a sudare mentre intervistavano o risolvevano compiti difficili che toccavano il cervello. Il risultato: il 26% degli osservatori, che a loro volta non sono stati esposti a stress, ha mostrato un aumento significativo del cortisolo.

"Lo stress dei nostri simili non ci lascia intatti", dice Fengler. Soprattutto quando un leader diffonde lo stress, questo non lascia i dipendenti senza lasciare traccia. Alcuni sono più ricettivi a tale trasmissione dello stress, altri rimangono più calmi.

Funzione buffer mancante, escalation della domanda eccessiva

Un altro motivo per cui il burnout può diffondersi in un'azienda è facile da capire: se una o più persone in una squadra falliscono a causa del burnout, aumenta la tensione sugli altri. "In primo luogo, i più deboli reagiscono con un esaurimento, in seguito rompono anche i più stabili", dice Fengler, che ha sperimentato questo fenomeno nella sua funzione di allenatore aziendale più spesso. Dinamiche simili possono svilupparsi quando i lavori vengono tagliati in grande stile.

  • Immagine 1 di 7

    Burnout: i migliori consigli per bruciare!

    Burnout incontra molte persone. Ma come può il burnout essere riconosciuto in tempo e impedito all'inizio?

  • Immagine 2 di 7

    Rilassamento mirato

    Il carosello del pensiero a comando può disattivarne solo alcuni. Ma il rilassamento mirato può essere imparato. Yoga, allenamento autogeno o rilassamento muscolare progressivo secondo Jacobson sono le tecniche più conosciute. Oppure provate questo semplice esercizio: Trovare un posto tranquillo, stendersi sul pavimento e inspirare ed espirare coscientemente. Col tempo, sentirai i tuoi arti diventare pesanti e rilassare i tuoi muscoli.

  • Immagine 3 di 7

    Dì anche "no"

    "No!" dire se diventa troppo: il capo, il collega, l'uomo o la fidanzata - che non può mai rifiutare un posto di lavoro o favore a un sacco di strambate a volte. Un "no" chiaro e amichevole costa il superamento, ma è accettato dalla maggior parte delle persone.

  • Immagine 4 di 7

    Time out consapevole

    Non c'è tempo? Anche se costantemente correre come il Bianconiglio di Alice nel paese delle meraviglie in seguito tutti gli appuntamenti: Voi pale volutamente pochi minuti al giorno di riposo che appartiene solo a voi! Presto vedrai quanto bene è questa rottura. Ad esempio, invece di riattaccare il bucato velocemente la sera, prova a fare il bagno, a leggere o ad ascoltare la musica, tanto per cambiare.

  • Immagine 5 di 7

    Scaricare la pressione interna

    Lo stress è un fattore importante per il burnout. Ma non sempre è solo la pressione che viene dall'esterno. Anche fattori interni come la propria personalità possono avere un ruolo. I seguenti suggerimenti possono aiutare, in modo che non si esaurisca completamente.

  • Immagine 6 di 7

    Scappa dallo stress

    scappare dallo stress che funziona davvero: Per guidare regolare esercizio aerobico all'aria aperta come il jogging, andare in bicicletta o il nuoto è pari a due volte sani: L'attività fisica non solo riduce gli ormoni dello stress in eccesso, ma aiuta anche a combattere i sintomi legati allo stress come mal di testa, mal di schiena o insonnia.

  • Immagine 7 di 7

    Addio al perfezionismo

    Dare sempre il meglio: le persone con un alto rischio di burnout spesso hanno impulsi interiori che li costringono a esibirsi al loro meglio. Solo quelli che conoscono il loro personale ufficiale interno possono metterlo al suo posto. Sii chiaro: nessuno può essere sempre perfetto, perché gli errori fanno parte della vita. Non puoi sempre fare tutto bene per tutti. Dopo tutto, i tuoi bisogni sono importanti quanto quelli dei tuoi simili.

Problema mentale con fattore di freschezza

Il fatto che tu abbia sentito parlare di burnout così spesso in questo momento ha un'altra ragione. Il burnout è meno imbarazzante della depressione. "Il burnout non è visto come un segno di debolezza, ma piuttosto come un'indicazione di un uso eccessivo", spiega Fengler. Una malattia con fattore di freschezza così. Alcuni, che in realtà soffrono di depressione, li avvolgono nel cappotto socievole di un burnout.

Hunt per il riconoscimento

Tutti sanno quanto è alto il loro rischio personale di burnout. Decisivo è il tuo atteggiamento. A rischio, per esempio, ci sono persone che sono molto perfezioniste e che hanno fame di riconoscimento dall'esterno. Lo conferma anche Schmidt: "Da bambino, sono stato ricompensato per tutto quello che ho fatto bene. Allo stesso tempo, ho dimenticato come motivarmi. "Ad un certo punto, ha lavorato solo per ottenere riconoscimento. "È rimasta fuori, continuavo a chiedermi: sto facendo del mio meglio? E poi ancora più gas dati. "Una vita nella corsia di sorpasso, che ha vendicato.

Nel frattempo ha imparato a prendersi più cura di se stesso. Ascolta la sua voce interiore quando gli dice "Ehi Christian, sei in ufficio da dodici ore per andare a casa". Poi si alza, chiude il computer e torna a casa. Proprio così.

* Nome modificato dall'editor


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: