Acetilcisteina

L'acetilcisteina è un espettorante ed espettorante che viene anche usato nelle intossicazioni da paracetamolo. Leggi di più!

Acetilcisteina

L'ingrediente attivo acetilcisteina è un espettorante ed espettorante derivato dalla cisteina dell'amminoacido naturale (blocco di costruzione delle proteine). Può anche essere usato per l'avvelenamento con l'antimicotico come antidoto (antidoto). Qui leggi tutte le informazioni importanti sugli effetti e l'uso di acetilcisteina, nonché i possibili cambiamenti ed effetti collaterali.

Ecco come funziona l'acetilcisteina

L'effetto mucolitico dell'acetilcisteina è meglio studiato e confermato nella fibrosi cistica. Tuttavia, il principio attivo è raccomandato anche per altre malattie associate ad una maggiore formazione di muco viscoso nei bronchi.

Le lunghe catene polisaccaridiche del muco sono reticolate tramite i cosiddetti ponti disolfuro. Acetilcisteina e rilasciato da esso cisteina può sciogliere questi legami trasversali e quindi liquefare il muco, quindi può essere tossito più facilmente e rimossi.

Il principio attivo acetilcisteina è anche usato nella terapia delle overdosi di paracetamolo. Paracetamolo, un farmaco dolore ampiamente utilizzato è metabolizzato nel fegato attraverso due fasi, con la forma di transizione di breve durata (NAPQI abbreviato) è molto reattivo e deve essere disintossicato immediatamente attraverso il piccolo glutatione proteina. Il glutatione è esaurita prima che il modulo intermedio reattivo è completamente disintossicato, si accumula e reagisce con il materiale genetico e proteine ​​di cellule epatiche, porta alla morte cellulare. Al fine di evitare l'insufficienza epatica, è quindi necessario somministrare acetilcisteina il più rapidamente possibile, da cui il corpo può formare nuovamente il glutatione.

Assorbimento, rottura ed escrezione di acetilcisteina

Dopo l'ingestione, il principio attivo viene rapidamente assorbito nel sangue attraverso l'intestino e convertito in cisteina nel fegato. Dopo circa un'ora, metà del farmaco viene escreto dai reni; Con prestazioni renali limitate, questa volta può durare fino a otto ore.

Quando si usa l'acetilcisteina?

L'agente mucolitico acetilcisteina è approvato per il trattamento di malattie in cui il muco si forma nei tubi bronchiali o è difficile da rimuovere. Questi includono, ad esempio, gravi infezioni polmonari, polmonite e fibrosi cistica.

Allo stesso modo, l'acetilcisteina è approvata come antidoto per il trattamento dell'intossicazione da paracetamolo o acrilonitrile.

L'acetilcisteina è spesso utilizzata come sostituto della cisteina per la nutrizione parenterale (ad esempio per infusione) e per la dieta. La cisteina è un blocco di proteine.

Off-label, al di fuori della gamma consentita viene applicata al farmaco profilattico per il trattamento della insufficienza renale e nei disturbi psichiatrici come la schizofrenia, disturbo ossessivo-compulsivo e la depressione.

La durata dell'uso varia da alcuni giorni a quella permanente a seconda del quadro clinico.

Ecco come viene applicata l'acetilcisteina

Nell'automedicazione, l'acetilcisteina viene solitamente consumata sotto forma di succo o compressa effervescente per la soluzione di muco. Adulti e bambini di 14 anni prendono o 600 milligrammi una volta al giorno o 200 milligrammi di acetilcisteina fino a tre volte al giorno. I bambini più piccoli (di età pari o superiore a due anni) ricevono meno in base al peso corporeo. È importante bere abbastanza acqua o tè, altrimenti il ​​dispositivo di rimozione del muco non può funzionare. Il principio attivo può essere combinato con altri medicinali espettoranti.

L'uso come antidoto è riservato al medico

Quali sono gli effetti collaterali dell'acetilcisteina?

L'acetilcisteina difficilmente può essere sovradosata ed è quasi priva di effetti collaterali a dosi terapeutiche. A un centinaio a un migliaio trattata può causare reazioni allergiche al farmaco sono (prurito, rash cutaneo, tachicardia, ipotensione - che dovrebbe essere immediatamente interrotta). Inoltre, sono possibili acufeni, mal di testa, febbre, dolori addominali, bruciore di stomaco, nausea, vomito e diarrea.

Che cosa dovrebbe essere considerato quando si prende l'acetilcisteina?

L'acetilcisteina non deve essere assunta con i tormenti per la tosse (pentossossina, destrometorfano, codeina). Il riflesso della tosse soppresso altrimenti causa un inceppamento di secrezione. Questo può essere pericoloso soprattutto di notte.

Studi hanno dimostrato che acetilcisteina può reagire con alcuni antibiotici (tetracicline, gentamicina, penicillina e altri) e limita l'efficacia. Tuttavia, poiché ciò accade solo nel caso di contatto diretto delle sostanze, si raccomanda di prendere gli ingredienti attivi almeno a due ore di distanza.

L'uso di acetilcisteina durante la gravidanza e l'allattamento non mostra effetti dannosi diretti, ma deve essere discusso prima con un medico.

Il principio attivo deve essere assunto dai bambini di età pari o superiore a 2 anni, se non hanno una grave insufficienza epatica o renale.

Come ottenere farmaci acetilcisteina

I preparati contenenti la sostanza attiva acetilcisteina possono essere ottenuti senza prescrizione come rimozione del muco in farmacia.

Parzialmente acetilcisteina compresse effervescenti sono anche disponibili in farmacia, ma la carica può essere solo come dietetico significa qui e non trattare malattie.

Da quando è nota l'acetilcisteina?

Sebbene la struttura di aminoacidi è già noto molto più a lungo, è stato ammesso di acetilcisteina come espettoranti in Germania fino al 1960. Dalla metà degli anni 1970 è stato approvato come antidoto per l'avvelenamento da paracetamolo. Dal momento che non è soggetto alla protezione continua dei brevetti, ci sono numerosi farmaci generici con il principio attivo nel mercato farmaceutico tedesco acetilcisteina.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: