Aloe vera

L'aloe vera è presa per la stitichezza e dovrebbe anche promuovere la guarigione delle ferite. Maggiori informazioni su aloe vera: effetti, uso, effetti collaterali!

Aloe vera

Aloe vera √® un rimedio riconosciuto per la stitichezza, ma non dovrebbe essere preso troppo a lungo. Inoltre, il gel di aloe vera e il succo di aloe vera sono utilizzati esternamente per la guarigione delle ferite. Inoltre, l'aloe ha ancora un effetto curativo in molte altre aree. Per saperne di pi√Ļ specie di Aloe come l'aloe vera: applicazione dell'effetto (come l'aloe vera-Gel) ei possibili effetti collaterali.

Descrizione del prodotto

Aloe vera

  • virt√Ļ

  • applicazione

  • effetti collaterali

  • note applicative

  • Dove acquistare

  • Per saperne di pi√Ļ

Quale potere curativo è presente nell'aloe vera e in altre specie di aloe?

In particolare, due specie di Aloe sono usati in medicina - Aloe vera (o Aloe barbadensis, Aloe vera) e Aloe ferox:

L'estratto secco dal sapore amaro degli strati fogliari esterni di entrambe le specie di aloe è usato in costipazione. Questo effetto è riconosciuto in medicina.

La linfa dal sapore non amaro di aloe vera e A. ferox (e il gel prodotto da esso) viene utilizzata esternamente per sostenere la guarigione delle ferite. Finora, non ci sono abbastanza studi di alta qualità che dimostrano questo effetto.

√ą stato suggerito che i prodotti a base di aloe vera e A. ferox, se applicati localmente, possono alleviare i sintomi di alcune malattie della pelle come la psoriasi.

L'aloe vera è spesso pubblicizzata come una "cura miracolosa" per il trattamento di vari disturbi fino alla cura del cancro (spesso si applica alla specie Aloe arborescens). Mancano le prove mediche.

Estratto di aloe degli strati fogliari esterni

Gli strati esterni foglio di Aloe vera e A. ferox ordine spedire riconosciute in ambito medico estratto secco (estratto di aloe), che (tra cui aloina) come ingredienti che determinano l'efficacia cosiddetta anthranoids. L'estratto secco estratto dall'aloe vera è chiamato "aloe curacao", quello di A. ferox "cape aloe" (o aloe amaro).

Gli antranoidi hanno un effetto lassativo e stimolante sull'attività muscolare dell'intestino. Pertanto, gli estratti secchi sono sotto forma di formulazioni di prodotti finiti sono molto adatti per il trattamento della stipsi. Sono anche usati in malattie in cui si desidera un leggero movimento intestinale. Che è di circa a ragadi anali ed emorroidi e dopo interventi chirurgici nella zona del retto il caso.

Succo di aloe o gel di foglie interne

Dal tessuto non amaro e viscido della foglia interna dell'aloe arriva il succo e il gel tradizionalmente usati (= il succo ispessito). Entrambi sono offerti dall'industria alimentare come supplemento dietetico. L'industria cosmetica, ad esempio, raccomanda l'aloe vera per i brufoli e altri inestetismi, come nella forma della crema di aloe vera. Inoltre, uno shampoo aloe vera è disponibile e dovrebbe aiutare, ad esempio, prurito, cute secca.

Scientificamente non sufficientemente dimostrato, ma plausibile è l'efficacia dei gel nelle malattie infiammatorie della pelle, ferite, ustioni, scottature, congelamenti, acne e punture di insetti. Gli zuccheri multipli contenuti (polisaccaridi), glicoproteine, amminoacidi, minerali e acido salicilico sembrano accelerare la guarigione delle ferite. Pertanto, il commercio offre prodotti appropriati come spray aloe vera. Tuttavia, ulteriori studi scientifici sono necessari per confermare l'efficacia della pianta nei campi di applicazione citati.

Il succo per bere √® generalmente offerto come integratore alimentare. Ha un debole lassativo e non dovrebbe quindi essere bevuto per un periodo pi√Ļ lungo.

Come si usa l'aloe vera?

Se si verifica costipazione, è necessario assumere integratori di aloe solo se il gonfiore e i cambiamenti nella dieta non hanno rimosso la stitichezza. Quindi utilizzare prodotti medicinali preferibilmente finiti come confetti, pillole o tinture dalla farmacia. Sono preparati con cura e contengono una concentrazione standardizzata dell'estratto. L'effetto del succo di aloe vera, tuttavia, è troppo debole per una stimolazione digestiva. Anche il gel per bere e bere aloe vera contiene troppo pochi ingredienti lassativi e quindi non è adatto come lassativo per la stitichezza.

Aloe vera

Per la prima ferita cura di tagli, bruciature di primo grado e scottature, il succo delle foglie appena tagliate della pianta (anche l'Aloe capensis) può aiutare. Tagliare le foglie per questo e lasciare che il succo goccioli direttamente sul posto appropriato. In alternativa, unguenti basati sulla pianta medicinale della farmacia aiutano.

Quali effetti collaterali può causare l'Aloe vera?

Ci sono state segnalazioni di disturbi gastrointestinali convulsivi nell'uso interno di prodotti di aloe vera e aloe ferox. Quindi si prega di ridurre la dose. Una leggera colorazione rossa delle urine durante il trattamento con l'aloe è innocua.

A causa dei loro effetti lassativi, aloe vera e A. ferox potrebbero influenzare l'assorbimento e quindi l'efficacia dei farmaci, che sono anche usati per via orale.

I diabetici che assumono farmaci ipoglicemici devono essere cauti: i farmaci per via orale contenenti Aloe vera e A. ferox possono anche abbassare i livelli di zucchero nel sangue.

Gli estratti secchi irritano le mucose intestinali e non dovrebbero pertanto essere assunti per pi√Ļ di un massimo di due settimane. Inoltre, il corpo perde molti sali importanti (elettroliti) con l'uso a lungo termine di preparati lassativi, che possono portare a disturbi della funzione cardiaca e debolezza muscolare.

L'uso esterno di Aloe Vera e A. ferox sembra essere sicuro.

Cosa dovresti tenere a mente quando usi l'aloe vera

Non si devono assumere preparati a base di aloe per uso interno per pi√Ļ di due settimane, poich√© vi √® il rischio che la mucosa intestinale venga sovrastimolata e la stitichezza si ripresenti o si intensifichi.

L'assunzione aggiuntiva di farmaci cardioattivi può aumentare la perdita di sali minerali pericolosi. Pertanto, discutere la domanda combinata in anticipo con il medico.

I prodotti di Aloe non dovrebbero essere presi per determinate malattie. Questi includono:

  • occlusione intestinale
  • appendicite
  • malattia infiammatoria intestinale (come il morbo di Crohn e la colite ulcerosa)
  • Dolore addominale di causa inspiegabile
  • gravi fenomeni di disidratazione

Durante la gravidanza e l'allattamento, gli integratori di aloe non devono essere assunti per motivi di sicurezza. Anche i bambini sotto i 12 anni non sono raccomandati.

Se la pianta medicinale viene offerta come integratore alimentare o in prodotti cosmetici, secondo la legge tedesca sugli alimenti e la droga, sull'etichetta non sono consentite dichiarazioni relative alla malattia.

  • Immagine 1 di 16

    Bellezze pericolose

    Ditale, oleandri e poinsettia: queste piante arricchiscono i nostri giardini e salotti. Per quanto belle siano queste piante, sono pericolose quanto loro. Miglior esempio: il mughetto. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto fiori, bacche e foglie. Contiene sostanze cardioattive e saponine che hanno un effetto di dissoluzione del sangue.

  • Immagine 2 di 16

    poinsettia

    Originariamente la poinsettia viene dal Messico. A Natale la stella dell'Avvento è una famosa pianta ornamentale. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il succo di latte biancastro. Si allontana se ferisci la pianta. I principali ingredienti attivi sono beta-amyrin e germanicol.

  • Immagine 3 di 16

    Hemlock acqua

    La cicuta è originaria dell'Europa, dell'Asia settentrionale e del Nord America. In Germania è distribuito principalmente nel nord. Preferisce crescere ai bordi dello stagno, nei fossati e nelle paludi. Tutte le parti vegetali della cicuta sono velenose, ma soprattutto il succo del portainnesto. La sostanza tossica è cicutoxina, un cosiddetto veleno spasmo.

  • Immagine 4 di 16

    laburno

    Il maggiociondolo ha la sua casa nell'Europa meridionale e sud-orientale. A causa dei suoi fiori giallo oro, la farfalla è popolare in Europa centrale come arbusto ornamentale in giardini e parchi. Soprattutto fiori, frutti e semi sono velenosi. Per i neonati, fino a tre o quattro frutti o da 15 a 20 semi possono causare la morte. I principali ingredienti attivi sono i cosiddetti alcaloidi, che agiscono sul sistema nervoso centrale.

  • Immagine 5 di 16

    oleandro

    L'oleandro appartiene al Hundsgiftgewächsen e può essere alto fino a cinque metri come un albero o arbusto. Le foglie sono allungate e appuntite, coriacee e sempreverdi. Da luglio a ottobre, l'oleandro produce fiori bianchi, rossi o rosa. L'intera pianta è velenosa. I principali ingredienti attivi sono composti che agiscono sul cuore e sulla circolazione (i cosiddetti glicosidi).

  • Immagine 6 di 16

    vischio

    Il vischio è comune sia in Europa che in Asia settentrionale. Come un cosiddetto semi-parassita cresce su latifoglie e conifere e rimuove acqua e sali nutritivi dalle sue piante ospiti. Oltre agli steli sono anche foglie e bacche velenose. I principali ingredienti attivi sono le cosiddette viscotossine, che sono miscele proteiche tossiche.

  • Immagine 7 di 16

    autunno crocus

    L'Herbstzeitlose è comune nell'Europa meridionale, occidentale e centrale e cresce principalmente sui prati umidi e nei giardini. Appare in primavera.Tutte le parti di Herbstzeitlose sono velenose, soprattutto se tuberose e semi. Il principale ingrediente attivo è la colchicina, che agisce come una citotossina. Cinque grammi sono sufficienti per uccidere un adulto. I bambini hanno già tra 1,2 e 1,5 grammi di pericolo di vita.

  • Immagine 8 di 16

    ditale

    Il Foxglove rosso è comune in Europa occidentale e centrale in montagna. Si trova anche nelle radure della foresta e come pianta ornamentale nei giardini. Tutte le parti della pianta sono velenose, ma soprattutto foglie, fiori e semi. Principali principi attivi sono varie sostanze che influenzano il cuore (ad esempio digitoxin). Già 0,3 grammi di foglie secche sono tossiche per un adulto.

  • Immagine 9 di 16

    Tromba degli angeli

    La tromba d'angelo è originaria del Brasile. A causa dei suoi fiori grandi e belli, ora è una pianta contenitore popolare. Tutte le parti della pianta sono velenose. Principali principi attivi sono scopolamina, iosina e atropina, che hanno un effetto debilitante e intossicante.

  • Immagine 10 di 16

    Cappello di ferro blu

    Il giacimento blu cresce preferenzialmente in luoghi umidi nelle montagne, sulle sponde del fiume o come pianta ornamentale nei giardini. Tutte le parti della pianta del Blue Eisenhut sono velenose, ma soprattutto la radice.Principali principi attivi sono alcaloidi, che possono avere effetti diversi sull'organismo. Anche piccole quantità da 0,2 grammi sono velenose.

  • Immagine 11 di 16

    Herb Paris

    L'unicorno si verifica in Europa e in Asia Minore. Si trovano principalmente nelle foreste rivierasche e nelle foreste umide di latifoglie. L'intera pianta √® velenosa, ma soprattutto le bacche. I principali ingredienti attivi sono le saponine, che si ritiene siano protette da insetti o funghi. In concentrazioni pi√Ļ elevate le saponine hanno un effetto emolitico, cio√® possono distruggere i globuli rossi. In quantit√† maggiori, danneggiano anche i reni e il sistema nervoso centrale.

  • Immagine 12 di 16

    tasso

    Il tasso √® molto diffuso. Alle nostre latitudini, cresce principalmente nelle foreste ombrose. √ą anche comunemente usato come arbusto ornamentale nei giardini, nei cimiteri e nei parchi: sia gli aghi che i semi sono velenosi, specialmente se li mordono. Il seme rosso, dal sapore dolce, d'altra parte, non √® tossico. I principali ingredienti attivi sono gli alcaloidi. Hanno un forte effetto farmacologico.

  • Immagine 13 di 16

    Dieffenbachia

    La casa originale di Dieffenbachie è l'America tropicale. A causa delle sue foglie ben disegnate e perché non ha bisogno di molto sole, Dieffenbachie è una pianta d'appartamento popolare. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il tronco. Tutti gli organi contengono i cosiddetti aghi di ossalato di calcio. Questi hanno canali attraverso i quali l'acido ossalico e altre tossine possono penetrare nelle ferite aperte. Tre o quattro grammi di foglie sono considerati mortali, e anche l'acqua di ruscellamento dovrebbe essere tossica.

  • Immagine 14 di 16

    acanto

    L'artiglio dell'orso gigante originariamente proveniva dal Caucaso e raggiungeva la nostra latitudine come pianta ornamentale. Al giorno d'oggi, le piante sono spesso trovate come esemplari selvaggi in Waldschneisen e su strade forestali e lungo le strade, l'intera pianta √® velenosa, ma soprattutto il succo. Questo contiene sostanze fototossiche e dannose per la pelle. I principali ingredienti attivi sono le cosiddette 6,7-furocumarine. Sotto l'influenza della luce solare (raggi UVA e UVB) vengono attivati ‚Äč‚Äči fitochimici. Al mattino, l'effetto fototossico √® pi√Ļ forte rispetto alla sera.

  • Immagine 15 di 16

    amarillide

    La casa di Amaryllis √® originariamente nelle Ande del Per√Ļ. Al giorno d'oggi, la Ritterstern √® una pianta d'appartamento popolare, che viene acquistata principalmente nei mesi da gennaio ad aprile, e quindi fiorisce. Soprattutto la cipolla di amaryllis √® velenosa. Contiene alcaloidi speciali che sono citotossici e sono considerati molto tossici.

  • Illustrazione 16 di 16

    ciclamino

    La casa del ciclamino √® in realt√† in Medio Oriente e Asia Minore. Nel frattempo, il Primelgew√§chs in molti salotti ed √® una delle piante d'appartamento pi√Ļ popolari. Soprattutto il tubero √® velenoso, contiene le cosiddette saponine. Questi sono composti vegetali secondari che di solito hanno un sapore amaro e possono influenzare il metabolismo. Gi√† 0,2 grammi di tubero sono considerati tossici, otto grammi come dose letale.

Come ottenere l'aloe vera e i suoi prodotti

Preferisci per trattare la costipazione o ferite farmaci finiti dalla farmacia: essi sono preparati con cura e contengono un estratto standardizzato. Assumere integratori di aloe vera e A. ferox come indicato nel foglio illustrativo. Per un utilizzo sicuro, consultare il medico o il farmacista.

Gli integratori alimentari e prodotti cosmetici con Aloe (Aloe vera come crema per il viso o olio di aloe vera per la cura della pelle) si ottiene circa nelle farmacie e negozi di prodotti naturali.

Curiosità sull'aloe vera e altre specie di aloe

L'Aloe è un genere di asphodeloideae (Asphodelaceae), di cui ci sono wild circa 200 specie in Africa, l'India e il Mediterraneo. Le specie note sono l'aloe vera e l'aloe ferox, entrambe utilizzate per la preparazione di medicinali.

Aloe vera

L'aloe vera √® un'antica coltura originariamente pensata per venire dal Nord Africa o dalla penisola arabica. Oggi √® coltivato in molte regioni tropicali-subtropicali. Circa il 40 a 50 centimetri pianta alta forma di uno o pi√Ļ rosette di carnose, foglie non spinose. Da questi stand da maggio a giugno verticale fino a 90 centimetri di alta fioritura con fioriture gialle.

Il nome botanicamente corretto di aloe vera √® in realt√† l'aloe barbadensis MILLER. I produttori offrono prodotti con A. barbadensis Miller spesso sotto il nome di "Aloe Vera" in (circa come aloe vera gel) per aggirare la legge sulla droga che riconosce la A. barbadensis solo per il trattamento della costipazione. √ą quindi vietata la dichiarazione di altri effetti.

Aloe ferox

Con un'altezza fino a tre metri (a volte sei metri), l'aloe ferox sovrasta l'aloe vera. Questa altezza raggiunge la pianta attraverso il suo tronco verticale, dove le foglie cadono dal basso verso l'alto. In cima porta una maestosa corona di foglie appuntite e lanceolate. Sul lato inferiore delle foglie siedono spine - in contrasto con le foglie di Aloe vera, Da maggio a giugno, A. ferox produce lunghi grappoli di fiori a forma di botte con numerosi fiori rosso pallido.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: