Prolasso anale

Se il canale anale penetra attraverso l'ano, è indolore ma deve essere trattato. Leggi tutto su sintomi e terapia ora!

Prolasso anale

All'una prolasso anale il canale anale esce dall'ano. Viene spesso nel contesto del prolasso anale per perdita di feci indesiderate (incontinenza). Particolarmente colpiti sono gli anziani, in particolare le donne. Se emergono più parti dell'intestino, viene anche chiamato prolasso rettale (prolasso rettale). Scopri di più sul prolasso anale qui.

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici di diagnosi medica validi a livello internazionale. Si trovano ad es. in lettere di dottore o certificati di incapacità. K62

Descrizione del prodotto

prolasso anale

  • descrizione

  • sintomi

  • Cause e fattori di rischio

  • Esami e diagnosi

  • trattamento

  • Decorso della malattia e prognosi

Prolasso anale: descrizione

Il prolasso anale di solito avviene per fasi. In primo luogo, c'è solo un incidente del canale anale durante la pesante pressatura sul water. Dopo il movimento intestinale, il canale anale si ritira. Nel corso di tosse o di grandi sforzi di sollevamento, si verifica un evento ano.

Se gli Analprolap non vengono trattati, arriva dopo un po 'di tempo al costante appendere fuori dal canale anale. La malattia può anche progredire ulteriormente, in modo che non solo il canale anale, ma anche parti del retto e del retto emergano dall'ano. Questo è chiamato prolasso rettale o prolasso rettale.

Dal punto di vista medico, questa è una diagnosi di sguardo: se solo poche rughe della pelle sono uscite dall'ano, si tratta di un prolasso anale. Tuttavia, se più è visibile e se si sono verificati tutti i rigonfiamenti della membrana mucosa, si tratta di un prolasso rettale. In quest'ultimo caso, di regola, la funzione di occlusione dell'ano non è più presente e la defecazione non può più essere controllata.

Prima viene rilevato e trattato un prolasso anale, maggiori sono le possibilità di recupero e minori i rischi potenziali. Un prolasso anale raramente mette in pericolo di vita, ma spesso rappresenta una grave compromissione della qualità della vita.

Sebbene il prolasso anale possa verificarsi a qualsiasi età, è più comune nelle persone anziane. Principalmente è responsabile un debole muscolo del pavimento pelvico. Il prolasso anale può anche essere segni di altre malattie. In ogni caso, gli analprolaps devono essere curati a livello medico, poiché non guarisce da solo.

Sintomi di prolasso anale

Il prolasso anale differisce nei suoi sintomi da altre malattie dell'ano. Il dolore è solitamente assente o solo lieve. Al contrario, emorroidi o ragadi anali mostrano spesso dolore molto più grande. Per questo motivo, l'intensità del dolore è spesso una caratteristica importante nell'intervista del paziente. Le persone colpite si lamentano maggiormente della grande massa dell'ano e dell'incontinenza esistente e talvolta del prurito.

L'incontinenza ha gravità diversa a seconda dell'estensione del prolasso. Nel prolasso anale, di solito non è così pronunciato come in un prolasso rettale. Inoltre, la mucosa intestinale esposta produce costantemente fluido, quindi i pazienti sentono che l'incontinenza è costantemente bagnata. Inoltre può venire a sanguinamento della membrana mucosa.

Più a lungo attende il paziente fino alla terapia finale, più i sintomi diventano severi. Quando si descrivono i sintomi, è anche importante se il prolasso anale si ritira spontaneamente o può essere reinserito nell'ano con il dito. Ciò fornisce un'indicazione della gravità del prolasso anale e svolge un ruolo nella decisione terapeutica.

Prolasso anale: cause e fattori di rischio

Le cause del prolasso anale sono molto diverse. Un ruolo importante è svolto dai deboli muscoli del pavimento pelvico. Questo è quindi anche un importante punto di partenza nella terapia e nel post-terapia.

Sebbene il prolasso anale possa verificarsi a qualsiasi età, le persone anziane hanno maggiori probabilità di essere colpite. Negli adulti, più di otto pazienti su dieci sono donne. Nei bambini, un prolasso anale è meno comune, ma qui il rischio è lo stesso per ragazzi e ragazze. I bambini sono colpiti, di solito arriva a un prolasso anale prima del terzo anno di vita, di solito anche nel primo anno di vita del bambino. Nei bambini, c'è spesso un'altra causa di malattia, come la fibrosi cistica.

Negli adulti, un affondamento generale del pavimento pelvico è spesso la causa, così che possono verificarsi altri organi, come l'utero o la vescica. Ad esempio, il processo di nascita può danneggiare il pavimento pelvico, aumentando il rischio di prolasso anale in età avanzata.

Alcuni fattori aumentano la probabilità di prolasso anale. La pressione alta di defecazione e la stitichezza possono causare un prolasso rettale. Nella maggior parte dei casi, i muscoli del pavimento pelvico sono troppo deboli per evitare che l'intestino cada. I seguenti fattori aumentano ulteriormente il rischio:

  • Danno neurologico dei nervi nella pelvi
  • Lesioni dello sfintere
  • Procedure ginecologiche
  • Malformazioni congenite
  • infiammazione
  • malattie tumorali

Altre malattie possono portare al prolasso anale. Prima di qualsiasi intervento chirurgico, l'intero retto deve essere esaminato per escludere altre condizioni che possono aver causato prolasso anale o necessità di essere seguiti durante l'intervento chirurgico. Ulcere o tumori, così come i polipi possono svolgere un ruolo importante nello sviluppo e anche in una procedura chirurgica.

Prolasso anale: esami e diagnosi

Il prolasso anale è una diagnosi di sguardo per un medico clinicamente esperto. Già guardando e palpando un prolasso anale si può distinguere da un prolasso rettale. Gli esami ecografici e le riflessioni possono confermare il sospetto e aiutare a stimare meglio l'estensione. Il riflesso della parte inferiore dell'intestino è usato soprattutto per chiarire le opzioni di trattamento.

Se l'incontinenza e il grado di prolasso anale non possono essere stimati, può essere preso un cosiddetto defecogramma. In questo caso, le feci vengono escrete sotto fluoroscopia. Tuttavia, questo esame, che è molto spiacevole per il paziente, non è la regola e viene utilizzato solo per domande speciali.

Ulteriori esami del sangue e esami possono fornire informazioni sull'altro stato di salute del paziente e quindi svolgere un ruolo nella stima del rischio chirurgico.

Prolasso anale: trattamento

Il trattamento del prolasso anale è di solito un'operazione. Solo in rari casi si può rinunciare a un OP. Per i bambini, la chirurgia di solito non è necessaria. Ecco un trattamento coerente della malattia di base (come la fibrosi cistica) di solito la migliore terapia del prolasso anale.

Le RUP hanno molti approcci e tecniche differenti. Per poter scegliere la tecnica più adatta per il rispettivo paziente, è necessario considerare la persona interessata in modo olistico con tutte le sue malattie e problemi. Fondamentalmente, si distingue tra due diversi metodi chirurgici: Il medico esegue la procedura attraverso la cavità addominale o dall'ano:

  • Gli interventi chirurgici attraverso la cavità addominale vengono eseguiti mediante incisione addominale (laparotomia) o laparoscopia (laparoscopia). Il dottore aggiusta il retto in modo che non possa più essere ausiliario. Cuce l'intestino a livello del sacro (rettopessi), in alcuni casi, una rete di plastica che trattiene l'intestino nella posizione desiderata. A volte il chirurgo deve rimuovere una certa sezione del colon (sezione sigmoide) per stringere.
  • In un'operazione dall'ano, il medico rimuove l'intestino fuoriuscito. Spinge le due estremità dell'intestino indietro e le ricuce di nuovo.

Complessivamente, il rischio di recidiva del prolasso anale è più basso nella cavità addominale, ma c'è un maggior rischio di complicanze durante o dopo l'intervento chirurgico.

Se il chirurgo non taglia la parete addominale, ma opera solo sull'ano, il rischio chirurgico per il paziente è inferiore. Tuttavia, anche le probabilità di successo a lungo termine sono inferiori. A seconda della costituzione del paziente, è quindi necessario valutare i vantaggi e gli svantaggi dei diversi interventi.

Dopo l'operazione, il paziente deve stare attento con i farmaci e piani nutrizionali specifici che le feci rimangono morbide e che non ci sono alte pressioni nell'addome inferiore. Spesso è anche necessario prendere antibiotici per prevenire le infezioni.

Decorso della malattia e prognosi

Il prolasso anale è solo in pericolo di vita in rari casi. L'intestino può essere respinto di solito, e non ci sono inceppamenti. Se ciò accade, in casi rari è necessaria un'operazione di emergenza per prevenire la morte della sezione intestinale caduta.

In tutti gli altri casi, non c'è un'emergenza e il paziente può presentarsi nella clinica chirurgica e, dopo un'istruzione dettagliata con il chirurgo, scegliere la procedura migliore per lui.

Soprattutto nei pazienti più giovani, l'intervento sulla parete addominale è sempre più scelto, mentre nelle persone anziane, il rischio di un intervento chirurgico così importante è solitamente troppo alto. Dopo l'intervento riuscito è il prolasso anale di solito risolto. I pazienti dovrebbero ora prestare attenzione ad una dieta equilibrata, prevenire la costipazione in una fase iniziale e rafforzare il pavimento pelvico attraverso l'esercizio. Alcune cliniche offrono corsi speciali per apprendere esercizi appropriati per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico.

Leggi di più sulle terapie

  • sede bagno


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: