Aronia

Si dice che le bacche di aronia aiutino a raffreddore, colesterolo alto e malattie cardiovascolari. Maggiori informazioni sull'effetto e sull'applicazione di aronia!

Aronia

Le bacche blu-nere del Aronia (chokeberry) sono considerati "bacche salutari": si suppone che abbiano effetti antiossidanti, antinfiammatori e ipolipemizzanti. Maggiori informazioni sugli effetti, gli usi e i possibili effetti collaterali delle bacche di mele!

Descrizione del prodotto

Aronia

  • virtù

  • applicazione

  • effetti collaterali

  • note applicative

  • Dove acquistare

  • Per saperne di più

Quale potere curativo c'è nell'aronia?

Le bacche dell'arbusto di Aronia sono antinfiammatorie, abbassano il colesterolo, vasodilatatore, regolano la glicemia e antiossidante. Il termine "antiossidante" si riferisce alla capacità di intrappolare composti dannosi di ossigeno cellulare (radicali liberi) nel tessuto. Inoltre, le bacche di mele aiutano contro virus e batteri e proteggono la mucosa gastrica.

Il succo di Aronia ha anche un leggero lassativo, favorisce la minzione e agisce da diuretico, cioè promuove l'eliminazione dell'acqua dal corpo. Inoltre, l'Aronia a quanto pare può abbassare la pressione sanguigna e i livelli di grasso. Quando stomaco, intestino, fegato e cistifellea sembrano aiutare i tannini contenuti nelle bacche.

Si dice anche che l'Aronia sia protetta contro il cancro. L'aronia dovrebbe essere preventiva, specialmente nel contesto del cancro del colon. È anche usato come integratore per il cancro al seno. La pianta medicinale viene anche spesso utilizzata per sostenere la rigenerazione dopo la chemioterapia.

Inoltre, le persone che hanno troppo ferro nel sangue (malattia da accumulo di ferro) potrebbero beneficiare dell'Aronia. Gli ingredienti delle bacche legano il ferro e ne promuovono l'escrezione.

In sintesi, l'uso di bacche di aronia si estende alle seguenti aree, tra le altre:

  • malattie cardiovascolari
  • alta o bassa pressione sanguigna
  • Arteriosclerosi (aterosclerosi)
  • alti livelli di colesterolo
  • raffreddori
  • disturbi intestinali
  • Diabete mellito
  • Malattie dell'occhio (cataratta)
  • malattia da accumulo di ferro

Sebbene alcuni studi abbiano trovato prove di un effetto positivo dell'Aronia per le aree di applicazione citate, la validità delle indagini non è solitamente sufficiente.

Quali ingredienti sono contenuti nelle bacche di aronia?

Aronia contiene molte vitamine e minerali. Pertanto, un alto contenuto di acido folico, vitamina K e vitamina C rafforza il sistema immunitario e il sistema immunitario. La vitamina C richiede anche il corpo per costruire il tessuto connettivo. Un'adeguata fornitura di acido folico è particolarmente importante per le donne incinte per prevenire le malformazioni del nascituro. Anche il beta carotene (provitamina A) e le vitamine B (B1, B2, B3, B5, B6) fanno parte del repertorio di bacche di aronia.

Inoltre, le piccole bacche di mela contengono abbondanti minerali e oligoelementi come potassio, calcio, magnesio, zinco, iodio e ferro. Ciò li aiuterà, tra le altre cose, nelle ossa, nei nervi, nei muscoli, nella cicatrizzazione delle ferite e nella formazione del sangue.

La bacca di aronia ha anche molti fitochimici che sono considerati antiossidanti naturali. Questi includono, tra gli altri, il colorante antocianico vegetale, che appartiene ai flavonoidi e protegge la pianta dalla luce. L'antocianina ha un effetto antiossidante nell'uomo, cioè come scavenger radicale:

I radicali liberi sono formati eccessivamente dal corpo in situazioni stressanti, in stili di vita non salutari (nicotina e alcol) o in influenze ambientali dannose (radiazioni UV, smog). Piccole quantità di questi composti aggressivi dell'ossigeno sono normali, ma troppi danni alla salute. Se la funzione di riparazione e disintossicazione di una cellula viene sopraffatta, si arriva a un tale eccesso di radicali liberi. Questo accelera il processo di invecchiamento e promuove lo sviluppo di malattie.

Attraverso il legame dei radicali liberi, gli ingredienti dell'aronia (specialmente gli antociani) contrastano questo. Il contenuto di antociani dell'aronia è di oltre 2000 milligrammi per 100 grammi di frutta. In confronto, altri frutti di bosco hanno da 500 a 800 milligrammi per 100 grammi.

Evidente evidenza che gli antiossidanti contenuti nella frutta e nella verdura fresca hanno effetti terapeutici, ma finora mancano.

Come si usa l'Aronia?

Solo le bacche piccole sono utilizzate in medicina e internamente. Aronia non è adatto per uso esterno.

Aronia

Le bacche di mele possono essere essiccate, prese come succo, bevendo ampolle o sotto forma di compresse. I sintomi del raffreddore dovrebbero essere attenuati con un aceto fatto dalle bacche. Quando vengono schiacciati, le bacche essiccate sono anche buone per la preparazione del tè: aggiungi da due a tre cucchiaini di frutti di bosco all'acqua e lasciali riposare per dieci minuti.

Il dosaggio più efficace non è stato finalmente chiarito. Spesso si consiglia agli adulti di bere 100 millilitri di succo al giorno o di consumare 15 grammi di bacche essiccate. I bambini dovrebbero consumare circa la metà. A causa dell'alto contenuto di tannini, i prodotti Aronia devono essere assunti dopo il pasto.

Quali effetti collaterali possono causare l'Aronia?

Molto raramente, le persone sono ipersensibili agli ingredienti dell'aronia. I tannini delle bacche possono causare dolore addominale. Pertanto, assumere il succo o le bacche di Aronia meglio dopo i pasti.

le persone attente con carenza di ferro dovrebbero essere, come le bacche contengono proantocianidine. Questi possono influenzare la formazione del sangue. Chiedi al tuo medico o al farmacista.

Cosa dovresti considerare quando usi l'Aronia

Il colorante blu di Aroniabeere scolorito temporaneamente i denti e la lingua.

Per ammorbidire il gusto aspro, è possibile mescolare l'Aroniasaft fresco con altri succhi di frutta.

I frutti di Aronia contengono piante medicinali - come quasi tutte le colture alimentari - acido cianidrico tossico, ma solo in piccole quantità: In 100 grammi di frutti di bosco freschi bloccato circa 0,6 a 1,2 milligrammi di cianuro. Pericoloso è una dose giornaliera di 0,7 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo. Per questo, però, un adulto di 70 chilogrammi dovrebbe mangiare quattro a otto chilogrammi di bacche aronia freschi al giorno. Trattando le bacche, il contenuto di acido cianidrico diminuisce a proposito.

  • Immagine 1 di 16

    Bellezze pericolose

    Ditale, oleandri e poinsettia: queste piante arricchiscono i nostri giardini e salotti. Per quanto belle siano queste piante, sono pericolose quanto loro. Miglior esempio: il mughetto. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto fiori, bacche e foglie. Contiene sostanze cardioattive e saponine che hanno un effetto di dissoluzione del sangue.

  • Immagine 2 di 16

    poinsettia

    Originariamente la poinsettia viene dal Messico. A Natale la stella dell'Avvento è una famosa pianta ornamentale. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il succo di latte biancastro. Si allontana se ferisci la pianta. I principali ingredienti attivi sono beta-amyrin e germanicol.

  • Immagine 3 di 16

    Hemlock acqua

    La cicuta è originaria dell'Europa, dell'Asia settentrionale e del Nord America. In Germania è distribuito principalmente nel nord. Preferisce crescere ai bordi dello stagno, nei fossati e nelle paludi. Tutte le parti vegetali della cicuta sono velenose, ma soprattutto il succo del portainnesto. La sostanza tossica è cicutoxina, un cosiddetto veleno spasmo.

  • Immagine 4 di 16

    laburno

    Il maggiociondolo ha la sua casa nell'Europa meridionale e sud-orientale. A causa dei suoi fiori giallo oro, la farfalla è popolare in Europa centrale come arbusto ornamentale in giardini e parchi. Soprattutto fiori, frutti e semi sono velenosi. Per i neonati, fino a tre o quattro frutti o da 15 a 20 semi possono causare la morte. I principali ingredienti attivi sono i cosiddetti alcaloidi, che agiscono sul sistema nervoso centrale.

  • Immagine 5 di 16

    oleandro

    L'oleandro appartiene al Hundsgiftgewächsen e può essere alto fino a cinque metri come un albero o arbusto. Le foglie sono allungate e appuntite, coriacee e sempreverdi. Da luglio a ottobre, l'oleandro produce fiori bianchi, rossi o rosa. L'intera pianta è velenosa. I principali ingredienti attivi sono composti che agiscono sul cuore e sulla circolazione (i cosiddetti glicosidi).

  • Immagine 6 di 16

    vischio

    Il vischio è comune sia in Europa che in Asia settentrionale. Come un cosiddetto semi-parassita cresce su latifoglie e conifere e rimuove acqua e sali nutritivi dalle sue piante ospiti. Oltre agli steli sono anche foglie e bacche velenose. I principali ingredienti attivi sono le cosiddette viscotossine, che sono miscele proteiche tossiche.

  • Immagine 7 di 16

    autunno crocus

    L'Herbstzeitlose è comune nell'Europa meridionale, occidentale e centrale e cresce principalmente sui prati umidi e nei giardini. Appare in primavera.Tutte le parti di Herbstzeitlose sono velenose, soprattutto se tuberose e semi. Il principale ingrediente attivo è la colchicina, che agisce come una citotossina. Cinque grammi sono sufficienti per uccidere un adulto. I bambini hanno già tra 1,2 e 1,5 grammi di pericolo di vita.

  • Immagine 8 di 16

    ditale

    Il Foxglove rosso è comune in Europa occidentale e centrale in montagna. Si trova anche nelle radure della foresta e come pianta ornamentale nei giardini. Tutte le parti della pianta sono velenose, ma soprattutto foglie, fiori e semi. Principali principi attivi sono varie sostanze che influenzano il cuore (ad esempio digitoxin). Già 0,3 grammi di foglie secche sono tossiche per un adulto.

  • Immagine 9 di 16

    Tromba degli angeli

    La tromba d'angelo è originaria del Brasile. A causa dei suoi fiori grandi e belli, ora è una pianta contenitore popolare. Tutte le parti della pianta sono velenose. Principali principi attivi sono scopolamina, iosina e atropina, che hanno un effetto debilitante e intossicante.

  • Immagine 10 di 16

    Cappello di ferro blu

    Il giacimento blu cresce preferenzialmente in luoghi umidi nelle montagne, sulle sponde del fiume o come pianta ornamentale nei giardini. Tutte le parti della pianta del Blue Eisenhut sono velenose, ma soprattutto la radice. Principali principi attivi sono alcaloidi, che possono avere effetti diversi sull'organismo. Anche piccole quantità da 0,2 grammi sono velenose.

  • Immagine 11 di 16

    Herb Paris

    L'unicorno si verifica in Europa e in Asia Minore. Si trovano principalmente nelle foreste rivierasche e nelle foreste umide di latifoglie. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto le bacche.I principali ingredienti attivi sono le saponine, che si ritiene siano protette da insetti o funghi. In concentrazioni più elevate le saponine hanno un effetto emolitico, cioè possono distruggere i globuli rossi. In quantità maggiori, danneggiano anche i reni e il sistema nervoso centrale.

  • Immagine 12 di 16

    tasso

    Il tasso è molto diffuso. Alle nostre latitudini, cresce principalmente nelle foreste ombrose. È anche comunemente usato come arbusto ornamentale nei giardini, nei cimiteri e nei parchi: sia gli aghi che i semi sono velenosi, specialmente se li mordono. Il seme rosso, dal sapore dolce, d'altra parte, non è tossico. I principali ingredienti attivi sono gli alcaloidi. Hanno un forte effetto farmacologico.

  • Immagine 13 di 16

    Dieffenbachia

    La casa originale di Dieffenbachie è l'America tropicale. A causa delle sue foglie ben disegnate e perché non ha bisogno di molto sole, Dieffenbachie è una pianta d'appartamento popolare. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il tronco. Tutti gli organi contengono i cosiddetti aghi di ossalato di calcio. Questi hanno canali attraverso i quali l'acido ossalico e altre tossine possono penetrare nelle ferite aperte. Tre o quattro grammi di foglie sono considerati mortali, e anche l'acqua di ruscellamento dovrebbe essere tossica.

  • Immagine 14 di 16

    acanto

    L'artiglio dell'orso gigante originariamente proveniva dal Caucaso e raggiungeva la nostra latitudine come pianta ornamentale. Al giorno d'oggi, le piante sono spesso trovate come esemplari selvaggi in Waldschneisen e su strade forestali e lungo le strade, l'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il succo. Questo contiene sostanze fototossiche e dannose per la pelle. I principali ingredienti attivi sono le cosiddette 6,7-furocumarine. Sotto l'influenza della luce solare (raggi UVA e UVB) vengono attivati ​​i fitochimici. Al mattino, l'effetto fototossico è più forte rispetto alla sera.

  • Immagine 15 di 16

    amarillide

    La casa di Amaryllis è originariamente nelle Ande del Perù. Al giorno d'oggi, la Ritterstern è una pianta d'appartamento popolare, che viene acquistata principalmente nei mesi da gennaio ad aprile, e quindi fiorisce. Soprattutto la cipolla di amaryllis è velenosa. Contiene alcaloidi speciali che sono citotossici e sono considerati molto tossici.

  • Illustrazione 16 di 16

    ciclamino

    La casa del ciclamino è in realtà in Medio Oriente e Asia Minore. Nel frattempo, il Primelgewächs in molti salotti ed è una delle piante d'appartamento più popolari. Soprattutto il tubero è velenoso, contiene le cosiddette saponine. Questi sono composti vegetali secondari che di solito hanno un sapore amaro e possono influenzare il metabolismo. Già 0,2 grammi di tubero sono considerati tossici, otto grammi come dose letale.

Ecco come si ottiene l'Aronia e i suoi prodotti

I prodotti Aronia sono disponibili nelle farmacie, nelle farmacie e nei negozi di alimenti naturali sotto forma di succo diretto o sotto forma di ampolle per bere. Inoltre, è possibile acquistare le bacche come frutta secca o trasformate in forma di tè o capsule. Le bacche funzionano anche bene con marmellata o gelatina. Puoi anche coltivare un arbusto di aronia nel tuo giardino o sul balcone.

Vale la pena conoscere l'Aronia

L'aronia è una robusta pianta arbustiva della famiglia delle Rosacee. Sopporta foglie ellittiche, che diventano rosse e dorate in autunno. In primavera, la pianta produce picchi di fiori simili a ombrelli con un massimo di 20 piccoli fiori bianco-rosa. Da loro si sviluppano frutti a forma di mela di dimensioni di un pisello, blu-nero, ricoperti di cera, che ricordano i mirtilli. Possono essere raccolti da agosto ad ottobre. Le bacche di mela hanno un sapore dolce-acido-crostata. A causa del loro alto contenuto di colorante (antocianine), le bacche vengono utilizzate nell'industria alimentare per colorare il cibo.

Il suo effetto curativo era già noto agli indiani nell'America settentrionale orientale. L'Aronia è coltivata in Europa dall'inizio del XX secolo, in particolare nell'Europa orientale, dove la pianta è stata a lungo considerata un'erba medicinale. La maggior parte sono il fruttato o chokeberry o Aronia rossa (Aronia arbutifolia) e il ribes nero (Aronia melanocarpa) coltivate. Entrambi dovrebbero avere un effetto curativo.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: