Cardioneurosis

Una nevrosi cardiaca è un disturbo mentale in cui i malati vivono costantemente nella paura di subire un infarto. Continuate a leggere!

Cardioneurosis

un cardioneurosis è un disturbo mentale in cui i malati vivono costantemente nella paura di subire un infarto. Si tratta di attacchi di panico, paura della morte e non di rado a un completo ritiro sociale. Il classico sintomo della nevrosi cardiaca è il dolore cardiaco, che non è dovuto a nessuna causa organica. Leggi qui cosa causa nevrosi del cuore e come viene trattato.

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici di diagnosi medica validi a livello internazionale. Si trovano ad es. in lettere di dottore o certificati di incapacità. F40

Descrizione del prodotto

cardioneurosis

  • descrizione

  • sintomi

  • Cause e fattori di rischio

  • Esami e diagnosi

  • trattamento

  • Decorso della malattia e prognosi

Neurosi cardiaca: descrizione

La nevrosi cardiaca (fobia cardiaca, cardiofobia, sindrome di Da Costa) è una forma speciale di disturbo d'ansia. Le persone colpite vivono in costante paura di subire un infarto. Questa paura è spesso accompagnata da fattori fisici come palpitazioni, dolori cardiaci o inciampi cardiaci e colpisce l'intera vita delle persone colpite. Può aumentare gli attacchi di panico e una vera paura della morte.

Una classica indicazione della nevrosi cardiaca è che un cardiologo non riesce a trovare una causa fisica della condizione. Pertanto, la nevrosi cardiaca o ansia è una delle somatoforme, disfunzioni autonomiche. Ciò significa che i sintomi fisici della nevrosi cardiaca non hanno causa fisica, ma sono psicologicamente condizionati. I malati prestano maggiore attenzione a se stessi a causa della loro paura e percepiscono ogni piccolo cambiamento nel corpo come paura. Questa paura attiva quindi i reclami attuali. Non è raro che le vittime entrino in un circolo vizioso di ansia e sintomi fisici che non possono rompere da soli.

È importante notare che la nevrosi cardiaca può trasformarsi in una vera e propria cardiopatia nel tempo. Allo stesso modo, una nevrosi cardiaca può anche essere un sintomo di accompagnamento di una malattia fisica. Ad esempio, le persone che hanno sofferto un attacco cardiaco spesso sviluppano la nevrosi cardiaca nel timore di un nuovo infarto.

Nevrosi del cuore: frequenza

In Germania, circa 100.000 persone soffrono di ansia cardiaca. Circa il 15% di tutti i pazienti che consultano un medico per insufficienza cardiaca ha una nevrosi cardiaca; la maggior parte di loro sono uomini. Una nevrosi cardiaca si verifica soprattutto in coloro che hanno più di 40 anni. I giovani raramente ne soffrono.

Nevrosi cardiaca: sintomi

Il sintomo più importante della nevrosi cardiaca è la paura di un infarto che accompagna costantemente la persona. Questa paura può diventare così forte che arriva agli attacchi di panico e alla paura della morte.

Come spesso accade nell'ansia, accelera il polso delle persone colpite e aumenta la pressione sanguigna. Questo può essere accompagnato da tachicardia, dolore al cuore o inciampare nel cuore. Inoltre, vertigini, mancanza di respiro, sudorazione e tremori possono verificarsi nella nevrosi cardiaca. I pazienti di solito si lamentano di diversi sintomi che si alternano.

I sintomi della nevrosi cardiaca possono anche diffondersi ad altri sistemi di organi: tipici sono i problemi digestivi e dolori di stomaco. I disturbi del sonno sono anche un sintomo concomitante comune della nevrosi cardiaca.

Ritiro sociale

Una nevrosi cardiaca è soprattutto un problema mentale, di conseguenza anche i pazienti affetti da disturbi mentali. La paura dell'attacco cardiaco supera tutti gli altri sentimenti nella vita di tutti i giorni. Le persone colpite soffrono di irrequietezza interiore, vivono in un controllo costante e spesso mostrano sintomi depressivi. Cercano di evitare ogni sforzo fisico, eccitazione o stress per paura che possa portare ad un infarto. Nella maggior parte dei casi, l'ambiente sociale come i familiari o colleghi di lavoro è anche incluso in questa paura, dal momento che le persone colpite credono di non poter sopravvivere da sole. Molti perdono ogni fiducia nelle loro capacità e punti di forza. Parenti e amici spesso non sanno come comportarsi correttamente per evitare tutto ciò che potrebbe turbare la persona in questione.

Chiunque soffra di una nevrosi cardiaca sente, nonostante tutta l'attenzione che riceve, il più delle volte frainteso ed è convinto che nessuno, nemmeno un medico, può aiutarlo.

Di conseguenza, molti malati si ritirano. A volte anche gli amici dall'impotenza e dall'impotenza si allontanano sempre più dalla persona in questione. La solitudine sociale successivamente intensifica l'ansia e i sintomi della nevrosi cardiaca.

Neurosi cardiaca: cause e fattori di rischio

La nevrosi cardiaca è un disturbo psicosomatico. Ciò significa che i sintomi e l'ansia che si verificano non hanno una causa fisica, ma mentale.

Ci sono diverse teorie su dove cercare le cause della nevrosi cardiaca:

  • Cause nell'infanzia: La letteratura descrive spesso una relazione disturbata dei genitori con il loro bambino come un fattore di rischio per una nevrosi cardiaca più avanti nella vita.Diversi tipi di relazioni possono svolgere un ruolo qui: le madri sono spesso descritte come iperprotettive e troppo dominanti. Allo stesso modo, la disconnessione o l'abbandono precoci possono essere la causa del disturbo in cui i bambini non hanno alcuna possibilità di apprendere le abilità di coping.
  • Malattie nell'ambiente socialeGli scienziati ritengono che il rischio di nevrosi cardiaca sia maggiore se un parente stretto o un amico ha già sofferto di nevrosi cardiaca o di problemi cardiaci effettivi. Quindi, la gestione paurosa del cuore è vissuta nell'ambiente e presa in carico da coloro che ne sono affetti.
  • mortalità: Anche le morti nel proprio ambiente possono causare una nevrosi cardiaca. La morte di un parente o di un conoscente rende la persona interessata consapevole della propria mortalità. Molti hanno paura della morte e rispondono a questa paura con eccessiva cautela e la convinzione che moriranno presto.
  • Conflitti e problemiProblemi irrisolti e conflitti nella vita quotidiana possono anche contribuire allo sviluppo della nevrosi cardiaca. Influenzano la funzione cardiaca nel modo normale: il cuore batte più velocemente. Questa reazione è spesso fraintesa e interpretata come una malattia grave. Quindi gli altri conflitti passano in secondo piano.
  • condizioni pre-esistenti: La nevrosi cardiaca può anche essere una conseguenza di una precedente malattia. Ad esempio, le persone che hanno subito un infarto spesso sviluppano una paura travolgente di un nuovo infarto.

Come si sviluppa una nevrosi cardiaca?

Tutte queste teorie hanno un punto in comune: le persone con una nevrosi cardiaca sono solitamente molto sensibili, insicure e hanno poca autostima. Pertanto, spesso interpretano erroneamente una normale reazione cardiaca e la interpretano come l'inizio di una malattia. Il cuore è molto sensibile a tutti i cambiamenti mentali: ad esempio, inizia a battere più del solito in ansia, stress o problemi quotidiani. Spesso si suda di più allo stesso tempo o si inizia a rabbrividire.

La nevrosi cardiaca sovrastima questi sintomi. Il malato inizia quindi a prestare più attenzione di qualsiasi altra persona ai cambiamenti nel proprio corpo. Ciò porta a un circolo vizioso di azioni del cuore male interpretate e paura che non può più essere violata da sola.

Requisiti fisici

Inoltre, la maggior parte delle persone colpite ha determinate condizioni fisiche che favoriscono lo sviluppo della nevrosi cardiaca. Mentre altre persone sviluppano problemi con lo stomaco, l'emicrania oi disturbi del sonno durante lo stress e la tensione, le persone con nevrosi cardiaca reagiscono con problemi cardiaci.

Neurosi cardiaca: esami e diagnosi

La diagnosi di nevrosi cardiaca è molto difficile e può durare per molti anni. Le persone interessate presumono che i loro reclami abbiano una causa fisica e quindi dimostrabile. In effetti, la causa della nevrosi cardiaca è nella psiche e quindi non può essere rilevata né con l'imaging né con metodi metrologici. Tuttavia, è necessario escludere una causa fisica dei problemi per chiarire una nevrosi cardiaca mediante esami.

Esame fisico

L'esame fisico di solito comporta prima di tutto un ECG a riposo ed esercizio fisico. Questi esami sono indolori per i pazienti. Solo otto elettrodi sono attaccati alle braccia e alle gambe e sul petto. Quindi l'attività cardiaca viene registrata. Le aritmie cardiache possono essere così chiaramente riconosciute.

Inoltre, viene effettuato un esame del sangue per chiarire la nevrosi cardiaca.

Se durante questi esami iniziali non vengono rilevati malfunzionamenti, possono essere utilizzati esami più complessi, come un cateterismo cardiaco, la risonanza magnetica (MRI) o l'ecografia cardiaca.

Trovare i medici in tutte queste indagini non causa organica dei reclami, il sospetto che sia confermata una causa psicologica e quindi una nevrosi cardiaca. Informazioni cruciali per la diagnosi sono fornite dalla conversazione con il paziente. Quindi di solito viene chiamato uno psichiatra o uno psicologo.

Ansia dei sintomi chiave

Nelle conversazioni con il paziente, è soprattutto l'argomento della paura che dà allo psicologo l'indizio decisivo. Le persone con nevrosi cardiache sono fortemente focalizzate sul proprio cuore e sulla paura della malattia. Può essere una vera paura di un attacco di cuore, paura di angoscia o paura della propria morte. In alcuni casi, il tema dell'ansia è anche appena palpabile e si riferisce più in generale alla vita quotidiana delle persone colpite.

È anche tipico delle nevrosi cardiache che ai malati piace raccontare molto su se stessi e riferire in dettaglio sui loro sintomi. I sintomi non sono necessariamente limitati al cuore. Quindi anche i problemi con la digestione, con lo stomaco oi disturbi del sonno caricano le persone interessate. Anche i precedenti disturbi mentali sono frequentemente riportati.

Se la diagnosi va avanti per molti anni, un cambiamento da "buono" e "cattivo" diventa chiaro alla maggior parte delle persone colpite.Durante la normale vita di tutti i giorni, o quando altri problemi si accumulano sul posto di lavoro, ad esempio, i problemi cardiaci di solito peggiorano. In vacanza, d'altra parte, le persone colpite sono di solito molto meglio. Possono verificarsi anche cambiamenti di umore molto rapidi.

difficoltà

La nevrosi cardiaca può essere un sintomo di accompagnamento di una vera e propria cardiopatia. Allo stesso modo, anche nei pazienti che inizialmente non hanno alcun disagio organico, può svilupparsi da una nevrosi cardiaca, una malattia organica.

Inoltre, c'è un altro problema: la maggior parte dei pazienti rifiuta l'idea categoricamente che le loro denunce potrebbero avere una causa psicologica, e insiste su una causa organica. Le persone colpite non concepiscono i loro disturbi come le palpitazioni, ma sono effettivamente presenti. Se l'esame obiettivo non fornisce alcuna spiegazione, i malati perdono rapidamente la fiducia nel proprio medico e cercano più medici. Sono accompagnati dalla sensazione di essere fraintesi dal mondo intero e di non ricevere abbastanza attenzione - i tipici segni di una nevrosi cardiaca. Allo stesso tempo, anche la paura di affrontare i problemi reali può avere un ruolo.

Nevrosi cardiaca: trattamento

Dal momento che una nevrosi cardiaca è psicologico nel loro trattamento appartiene nelle mani di uno psicoterapeuta o da un medico di medicina psicosomatica e psicoterapia.

Il primo passo nel trattamento della nevrosi cardiaca viene effettuato dal medico di famiglia o dallo specialista cardiaco (cardiologo). Dopo che è stato in grado di escludere una causa fisica della denuncia, deve familiarizzare attentamente la persona interessata all'idea di una causa psicologica. Poiché i malati spesso negano con veemenza questo fatto e insistono su una causa organica, l'illuminazione può richiedere molte settimane o addirittura anni per essere completata. I pazienti che si sentono fraintesi cambiano spesso i medici. Quindi tutti gli esami vengono ripetuti e l'inizio del trattamento viene nuovamente ritardato. È importante che il medico prenda sul serio il paziente e non elimini i sintomi come una fantasia. Utili in questo sono spiegazioni dettagliate sulla frequenza, le conseguenze, il decorso e lo sfondo di una nevrosi cardiaca.

Miglioramento dei sintomi

Successivamente, il medico curante cura il miglioramento dei sintomi della nevrosi cardiaca, come le palpitazioni. Questo include l'insegnamento di tecniche di rilassamento (come il rilassamento muscolare progressivo, training autogeno), le strategie per affrontare e comportamenti competitivi che si possono applicare l'interessato, quando si tratta di problemi di cuore.

Trattamento dei problemi di base

La base del trattamento della nevrosi cardiaca è la psicoterapia. È importante chiarire alla persona interessata che i sintomi sono effettivamente lì, ma non fisicamente condizionati e anche in gran parte innocui.

A seconda del problema e la personalità del paziente sono due opzioni: la terapia cognitivo-comportamentale e le terapie psicodinamiche, come la psicoanalisi. È anche possibile una forma mista con elementi di entrambi.

Come parte di a terapia cognitivo comportamentale Le persone con nevrosi cardiaca apprendono strategie su come comportarsi quando si verificano problemi cardiaci. Soprattutto, gli elementi movimento-terapeutici sono importanti: i pazienti sperimentano sul proprio corpo che il loro cuore affronta lo sforzo fisico, senza essere danneggiato. Inoltre, il ritorno a una normale vita di tutti i giorni con unità sportive leggere come fare jogging, camminare o nuotare sono tra questi. Questo riacquista fiducia nel proprio corpo e consente di affrontare meglio le paure. Di conseguenza, la paura di un infarto scompare e il paziente osa fare di più, sia fisicamente che mentalmente.

Procedure psicodinamiche Si basano sulla comprensione da parte del paziente del ruolo svolto dalla sua storia personale e da importanti caregivers nello sviluppo della nevrosi cardiaca. L'elaborazione di tali esperienze e il guadagno nella stabilità mentale e nella sicurezza di sé possono consentirgli di superare i sintomi.

Terapia farmacologica

All'inizio della terapia di nevrosi cardiaca, i disturbi cardiaci possono essere ulteriormente trattati con farmaci. I bloccanti dei betacarecettori (beta-bloccanti) riducono la tachicardia. A lungo termine, tuttavia, non sono adatti a causa di vari effetti collaterali. In alcuni casi vengono anche prescritti tranquillanti (tranquillanti) o antidepressivi. Inoltre, non sono adatti per la terapia a lungo termine, poiché possono rendere dipendenti.

Neurosi cardiaca: decorso e prognosi della malattia

Come per la maggior parte delle altre malattie, si applica anche la fobia cardiaca: prima si riconosce la malattia, maggiori sono le possibilità di recupero!

Se diagnosticata precocemente, la nevrosi cardiaca può spesso essere completamente curata dalla psicoterapia. La terapia potrebbe richiedere molti anni per essere completata. Inoltre, è molto raro che la nevrosi cardiaca venga rilevata precocemente. Occorrono spesso anni affinché le persone colpite ricevano il trattamento giusto.

Più a lungo persistono i sintomi della nevrosi cardiaca, più è probabile che diventino cronici. Questo complica la terapia. La nevrosi cardiaca cronica si sviluppa in circa la metà di tutte le persone affette.

Poiché una nevrosi cardiaca può anche sviluppare una vera e propria cardiopatia, è necessario che le persone colpite si sottopongano a regolari esami fisici durante la psicoterapia. Quindi, con i cambiamenti organici può essere avviato immediatamente con una terapia corrispondente.

Tuttavia, il trattamento psicoterapeutico può ancora aiutare se qualcuno ha sofferto di nevrosi cardiaca per molti anni. Anche se i sintomi non scompaiono completamente - la persona colpita può almeno sviluppare strategie per ottenere una presa migliore sulla paura e imparare a credere ancora nelle sue forze. Questo può migliorare la qualità della vita cardioneurosisI pazienti migliorano significativamente.

Leggi di più sulle terapie

  • biofeedback


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: