Digestione

Attraverso la digestione, il cibo ingerito è reso utilizzabile per il corpo. Leggi di più e il tempo di digestione qui!

Digestione

Per digestione si intende la rottura meccanica del cibo ingerito, la sua decomposizione chimica da parte degli enzimi e il loro assorbimento nel sangue (riassorbimento). In questo modo, il corpo acquisisce l'energia necessaria per la vita e le fondamenta per l'organismo. Leggi tutto ciò che è importante sulla digestione dell'uomo!

Descrizione del prodotto

digestione

  • Come funziona la digestione?

  • La digestione dei grassi

  • La digestione dei carboidrati

  • La digestione delle proteine

  • Quanto dura la digestione?

  • Quali problemi può causare la digestione?

Come funziona la digestione?

La digestione inizia non appena il cibo solido o liquido viene portato in bocca e termina con l'eliminazione dei resti indigesti del chimo (feci, feci). Il tempo di digestione è in media da 33 a 43 ore, a seconda del tipo di cibo.

Digestione in bocca

Il primo stadio della digestione inizia in bocca. Qui, il cibo con i denti è meccanicamente sminuzzato e mescolato con la saliva dei tre ghiandole salivari (orecchio, sublinguale e ghiandola sottomandibolare). La saliva, che produce tra 0,5 e 1,5 litri al giorno, contiene già i primi enzimi digestivi (per esempio, ptyalin), che digeriscono il chimo.

La lingua e le guance formano piccole porzioni dal chimo sminuzzato e non digerito, facili da ingerire. Nell'esofago, questo porridge viene trasportato dalle contrazioni ritmiche dei muscoli dello stomaco.

Digestione nello stomaco

La parte superiore dello stomaco assorbe prima il cibo in entrata come un serbatoio e lo trasporta nella parte inferiore, dove viene ulteriormente schiacciato e mescolato. Il succo gastrico, prodotto dalle ghiandole della mucosa gastrica, contiene enzimi dell'acido cloridrico per la digestione delle proteine.

Alcune cellule nella parete dello stomaco (cellule principali) secernono pepsinogeno - il precursore inattivo dell'epatite digestiva pepsina. È attivato dall'ambiente acido nello stomaco, che è causato dall'acido cloridrico. Viene rilasciato dalle cellule parietali (cellule parietali) all'interno dello stomaco. Inoltre, queste cellule producono il "fattore intrinseco", una glicoproteina nel piccolo intestino per l'assorbimento della vitamina B12 (cobalamina) è necessaria nel sangue.

Affinché l'acido gastrico aggressivo non digerisca la parete dello stomaco, è coperto da uno strato protettivo di muco. Il muco è prodotto dalle cosiddette cellule laterali nella parete dello stomaco.

Digestione nell'intestino

Nell'intestino tenue la polpa del cibo viene ulteriormente mescolata e divisa dagli enzimi. I prodotti di fissione (zuccheri semplici, acidi grassi, glicerolo, amminoacidi) nonché vitamine, minerali e acqua vengono assorbiti nel colon nel sangue. Ci sono ghiandole secretorie secernenti che secernono muco o acqua e sali.

La digestione dei grassi

La digestione dei grassi inizia in bocca con l'enzima lipolitico lipasi, contenuto nella saliva. Si prosegue nello stomaco, dove i grassi sono emulsionati dalla funzione motoria della parete dello stomaco e suddivisi ulteriormente la lipasi dal succo gastrico.

Ma il grosso della digestione dei grassi avviene nel piccolo intestino: La parete dell'intestino tenue è privo di ormone colecistochinina: Stimola pancreas (pancreas) e la cistifellea a secernere loro secrezioni nel duodeno (duodeno). Il succo pancreatico contiene lipasi lipolitiche. La bile consiste tra l'altro di acidi biliari, che sono necessari per la digestione dei grassi.

Ci sono molti organi nell'addome. E tutti possono causare dolore. Vedi qui, quando devi prendere sul serio i reclami.

La digestione dei carboidrati

La digestione dei carboidrati inizia anche in bocca con l'enzima amilasi. ma in larga misura sia nell'intestino tenue invece (nello stomaco per essere digerito carboidrati): nel duodeno, i carboidrati sono suddivisi per pancreatica enzimi amilasi, glucosidasi e galattosidasi.

La digestione delle proteine

La digestione delle proteine ​​inizia nello stomaco usando l'enzima pepsina. Questo viene rilasciato dalla parete gastrica come precursore inattivo (pepsinogeno) e attivato dall'acido gastrico.

Nell'intestino tenue continua la digestione delle proteine. Gli enzimi responsabili derivati ​​dal pancreas: tripsina, chimotripsina, elastasi, e carbossipeptidasi A e B. Anche loro sono inizialmente diffuse come precursori e poi attivati ​​nell'intestino.

  • Immagine 1 di 11

    Cosa possono fare i batteri intestinali

    Nell'intestino umano miliardi di piccoli compagni di stanza cavortano. Lì, non solo aiutano con la digestione. I batteri intestinali colpiscono l'intero corpo al cervello e persino controllano i sentimenti. Come lo fai?

  • Immagine 2 di 11

    Spesso o magro?

    Normalmente, i recettori dello stomaco e i messaggeri del peptide segnalano che ti senti pieno dopo un pasto decente. Alcuni dei piccoli coinquilini dell'intestino lavorano contro di esso e producono alcuni messaggeri. Questi fingono il corpo, uno non è ancora pieno. Quindi forniscono abbastanza rifornimento di cibo.Se hai molti sottotenanti affamati, ingrasserai e forse svilupperai anche il diabete. Ma ci sono anche prodotti dimagranti nell'intestino.

  • Immagine 3 di 11

    Non ti piacciono i dolci?

    L'artista della fame tra gli abitanti intestinali è il batterio E. coli. Usa meno cibo di altri batteri. Quando il suo ospite umano mangia piccoli dolci, E. coli ne beneficia perché i suoi concorrenti più affamati prosperano meno bene. E. colis trick: dal momento che il suo muro cellulare è costituito da zucchero, sopprime il desiderio di dolci nel suo ospite umano. Ciò avvantaggia anche la linea sottile delle persone.

  • Immagine 4 di 11

    Allergia?

    Anche con varie allergie e malattie autoimmuni, i batteri intestinali sembrano essere correlati, come ad esempio l'asma. Quando decompongono la fibra, producono acidi grassi che vengono trasportati con il sangue nel midollo osseo. Lì influenzano la produzione di alcune cellule immunitarie. Questi poi migrano verso i polmoni, dove rallentano l'eccessiva risposta immunitaria tipica dell'asma.

  • Immagine 5 di 11

    Protezione contro i virus influenzali?

    L'influenza sul sistema immunitario può essere anche positiva: gli abitanti intestinali sono anche un richiamo per il sistema immunitario. Rafforzano il sistema immunitario nelle infezioni e combattono i virus dell'influenza e co. Vigorosamente. Gli esperimenti con i topi mostrano: Se la microflora intestinale è mancante o decimata, un'infezione è molto più grave.

  • Immagine 6 di 11

    Budello sano, spirito sano?

    Il potere dei batteri intestinali probabilmente raggiunge il cervello e influenza la psiche. Studi recenti suggeriscono che una composizione sfavorevole della flora intestinale potrebbe favorire la depressione, la schizofrenia e forse anche la demenza. Una possibile ragione: i batteri nell'intestino producono acidi grassi durante la digestione che attivano la raccolta dei rifiuti nel cervello. Se non funziona correttamente, le cellule nervose nel cervello possono essere danneggiate.

  • Immagine 7 di 11

    Frohnatur...

    Anche quando ci sentiamo, i batteri nelle nostre viscere stanno interferendo. Alcuni batteri lattici, ad esempio, producono un precursore della serotonina dell'ormone della felicità e potrebbero quindi alleggerire l'umore.

  • Immagine 8 di 11

    ... o Griesgram?

    Altri microbi potrebbero anche rovinare l'umore. Ad esempio, piangere i bambini hanno alterato la flora intestinale. L'ipotesi degli scienziati: i batteri intestinali stimolano il dispiacere dei bambini in modo che vengano nutriti di più. E questo avvantaggia anche i batteri.

  • Immagine 9 di 11

    Eroe o gatto sfregiato?

    Un esperimento con topi ha dimostrato che le colonie intestinali possono persino influenzare quanto è ansiosa qualcuno. Ai roditori privi di roditori venivano somministrati batteri intestinali da animali ansiosi o coraggiosi. La cosa sorprendente è che si comportano di conseguenza in modo più ansioso o coraggioso. Ha persino lavorato per "riprogrammare" gli animali. Precedentemente topi ansiosi sono diventati roditori coraggiosi con il microbioma.

  • Immagine 10 di 11

    Subtenants scambiati

    Che possa dare brutti rumori alla pancia, se la flora intestinale viene disturbata, viene alla luce. Quindi minacciare i reclami dalla sindrome dell'intestino irritabile alla grave malattia infiammatoria intestinale. Al contrario, un metodo drastico aiuta: i sottotenenti ribelli sono sradicati con antibiotici. Quindi il paziente riceve nuovi sottotenenti - nella forma di una sedia trapiantata con le feci da una persona sana.

  • Immagine 11 di 11

    Casting per il WG intestinale

    Con così tanto impatto sulla salute, ovviamente, sorge la domanda: si può scegliere il suo Darmmitbewohner? E chi vorresti vivere nel tuo Darm-WG? In sostanza, più è colorato l'appartamento condiviso, meglio è. In effetti, puoi influenzare i tuoi compagni di stanza attraverso la tua dieta. La regola è: i grassi e gli zuccheri ad alto contenuto di zuccheri limitano la varietà a livello intestinale, la fibra aumenta.

Quanto dura la digestione?

Il cibo ingerito rimane nello stomaco per circa 1-3 ore. Nell'intestino tenue, la durata media del soggiorno varia da sette a nove ore, nell'intestino crasso da 25 a 30 ore. escreto attraverso i resti indigeribili di una sedia, a volte può anche prendere molto più tempo: la durata del soggiorno nel retto è di 30 a 120 ore.

Quali problemi può causare la digestione?

La digestione può essere disturbata a causa di diverse cause. Ad esempio, l'influenza gastrointestinale (gastroenterite) scatena la diarrea e il vomito.

La sindrome dell'intestino irritabile (sindrome dell'intestino irritabile) è accompagnata da crampi addominali, gonfiore addominale, diarrea o stitichezza.

L'intolleranza alimentare (intolleranza) influisce sulla digestione di un particolare nutriente. Quindi il corpo non può usare correttamente lo zucchero del latte a causa di una carenza enzimatica nell'intestino tenue con intolleranza al lattosio.

Nella celiachia (intolleranza al glutine) è il digestione disturbato dal grano: il corpo non tollera il glutine contenuto di proteine. La piccola mucosa intestinale è danneggiata, e ciò influenza anche l'assorbimento di altri nutrienti.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: