Esame del sangue precoce per l'alzheimer

Queste proteine ​​beta-amiloidi patogene si aggregano e si depositano come placche amiloidi nel cervello. Per molto tempo, la malattia è stata diagnosticata in modo affidabile solo in base a un'autopsia che utilizzava queste placche dopo la morte. Per qualche tempo, questo è stato possibile anche con la scansione del cervello o l'esame del liquido del midollo spinale per beta amiloide patologica.

Esame del sangue precoce per l'alzheimer

Queste proteine ​​beta-amiloidi patogene si aggregano e si depositano come placche amiloidi nel cervello. Per molto tempo, la malattia è stata diagnosticata in modo affidabile solo in base a un'autopsia che utilizzava queste placche dopo la morte.

Per qualche tempo, questo è stato possibile anche con la scansione del cervello o l'esame del liquido del midollo spinale per beta amiloide patologica. Ma questi esami sono complessi, per i pazienti stressanti e costosi. Per uno screening per la diagnosi precoce dell'Alzheimer non sono quindi adatti.

Un team guidato dal Prof. Klaus Gerwert della Ruhr-Universität Bochum ha messo a punto un esame del sangue, insieme ai colleghi del Cancer Research Center tedesco (DKFZ) e il registro tumori Saar con cui il morbo di Alzheimer può tracciare per otto anni prima dello scoppio della malattia.

Traccia l'Alzheimer con la luce a infrarossi

I ricercatori hanno esaminato campioni di sangue che lo studio era stato raccolto nel 2000 come parte del ESTHER *, utilizzando una speciale tecnologia a infrarossi Senso.

La beta-amiloide patologicamente alterata e sana assorbe la luce infrarossa con frequenze diverse. I ricercatori sono stati in grado di determinare il rapporto tra proteine ​​normali e misfolded nel sangue dei partecipanti.

Percentuale di colpiti 70 percento

I 65 partecipanti, che sono stati poi in realtà affetti da morbo di Alzheimer, la media Test realizzato già otto anni prima la minaccia della malattia. Non ha colpito il restante 30 percento.

Tuttavia, ci sono stati proprio anche i falsi allarmi: Dei 809 partecipanti allo studio che sono rimasti in buona salute, il test ha anche annunciato nove per cento diagnosticare il morbo di Alzheimer e, quindi, ha prodotto un risultato "falso positivo".

Filtro per casi sospetti

Attualmente, il test non è ancora adatto per la sola diagnosi precoce dell'Alzheimer, spiega Gerwert. Ma che potrebbe essere filtrati economico e facile sul paziente sospettato casi, che potrebbe poi essere discussi con un metodo più accurato.

  • Immagine 1 di 9

    Le migliori strategie contro l'Alzheimer

    Dimentica il tuo numero di telefono, urla aggressivamente la tua figlia preferita, lascia i vasi sul fuoco: l'Alzheimer è cambiato. Circa 1,2 milioni di persone in Germania soffrono della forma più comune di demenza. Il numero continua ad aumentare, di 40.000 all'anno, stima la Società tedesca dell'Alzheimer. Il rischio di malattia dipende dall'età e dai geni. Ma non solo: puoi anche fare qualcosa per rimanere sano con queste strategie!

  • Immagine 2 di 9

    Passando

    "Il movimento rinvigorisce il corpo e la mente" - questo non è un racconto per bambini, ma è vero! Le statistiche dimostrano che coloro che sono fisicamente attivi dimezzano il rischio di Alzheimer. Non hai nemmeno bisogno di prestazioni al top. 30 minuti di esercizio dolce ogni giorno: camminare nei boschi, usare le scale, lavorare in giardino o nuotare nel lago. In breve: fai circolare la tua circolazione e, a proposito, riduci il rischio di malattia.

  • Immagine 3 di 9

    Bevi la cosa giusta

    Succhi di tè, acqua, frutta e verdura: queste bevande sono salutari. Nel complesso, dovresti bere almeno 1,5 litri al giorno, perché se il cervello non ha abbastanza liquido, le sue prestazioni diminuiscono. Sono ammessi anche fino a cinque tazze di caffè e un bicchiere di alcol - preferibilmente vino rosso. Gli eccessi di alcol dovrebbero essere evitati in ogni caso, il che nuoce al cervello in modo sostenibile!

  • Immagine 4 di 9

    Mangiare saggiamente

    La consapevolezza è necessaria anche per i cibi solidi se si vuole ridurre il rischio di malattia di Alzheimer. Gli esperti raccomandano la dieta mediterranea ricca di frutta, verdura, legumi e cereali e piccoli grassi a base di carne e animali.

  • Immagine 5 di 9

    Presta attenzione alla tua linea

    Lo sport e una dieta sana sono i modi migliori per rimanere magri. L'obesità dovrebbe essere assolutamente evitata. Gli esperti hanno scoperto che molti chili in più - in particolare nella zona addominale - possono aumentare il rischio di demenza.

  • Immagine 6 di 9

    Mantieni mentalmente in forma

    Non solo il corpo ha bisogno di una formazione regolare. Anche la tua mente dovrebbe tenerti costantemente sulla buona strada. È meglio iniziare il prima possibile e tenerlo per il resto della tua vita. L'allenamento mentale non deve sempre essere l'istruzione in senso stretto, è possibile piantarla giocosamente leggere, giocare a carte oa scacchi, musica, andare per musei o imparare le lingue straniere.

  • Immagine 7 di 9

    Mantenere i contatti

    Persino gli amici mantengono la testa in forma. Le persone sole hanno il doppio delle probabilità di avere il rischio di Alzheimer come persone in una società. Sia con un partner, amici o estranei - rimani in contatto con gli altri! Scopri quali offerte di gruppo sono disponibili nella tua zona. I centri di educazione per adulti o le istituzioni di volontariato sono spesso buoni posti per incontrarsi e socializzare.

  • Immagine 8 di 9

    Controlla i tuoi valori

    La tua pressione sanguigna aumenta o il livello di zucchero nel sangue fluttua? Entrambi possono aumentare il rischio di demenza - quindi tieni d'occhio ogni cambiamento.Gli esperti ritengono che l'ipertensione e i livelli elevati di zucchero nel sangue danneggino il cervello. Tuttavia, i fattori di rischio possono anche cambiare nel corso della vita: nelle persone oltre gli 89, l'ipertensione potrebbe potenzialmente rallentare il declino cognitivo.

  • Immagine 9 di 9

    Non fumare

    Fumare è malsano - per quanto sorprendente, non può essere menzionato abbastanza spesso! Il fumo non solo danneggia i piccoli alveoli, ma molto probabilmente anche i neuroni e i vasi sanguigni nel cervello. Gli studi dimostrano che i fumatori hanno il 170 percento in più di probabilità di sviluppare demenza.

scoperta di nuovi farmaci difficile diagnosi tardiva

Finora è stato in grado di trovare farmaci che vengono utilizzati per curare la malattia. Una possibile ragione è che l'Alzheimer viene rilevato in una fase avanzata, quando i sintomi caratteristici, come la dimenticanza sono già emerse. Il danno cerebrale sottostante allora forse già troppo avanzata che potevano ancora essere trattati con successo.

al morbo di Alzheimer può essere nelle prime fasi freni?

In una fase iniziale, tuttavia, potrebbe sembrare diverso: "Si può essere in grado di fermare i farmaci che sono attualmente in fase di sperimentazione in studi clinici, la progressione della malattia, se applicato in questa fase iniziale," dice il Prof. Hermann Brenner del Cancer tedesco Research Center, che ha anche è stato coinvolto nello studio.

Perché la diagnosi precoce è utile anche in assenza di guarigione

Anche senza la prospettiva di guarigione effettiva v'è qualche evidenza per una diagnosi precoce del morbo di Alzheimer. E 'vero che la certezza malati terminali di essere molto stressante. Ma la conoscenza consenta agli interessati e di utilizzare il tempo libero-sintomo residuo né possibile.

Si può essere in grado di ritardare l'insorgenza della malattia, cambia stile di vita con un sacco di esercizio, la dieta e la stimolazione mentale. Che questo è possibile, ma non c'è ancora la prova evidente, ma la prova forte.

Inoltre, le parti interessate possono prendere decisioni e le modalità per il tempo in cui non sono più per essere in grado.

* ESTHER: studio epidemiologico sulle opportunità per la prevenzione, la diagnosi precoce e il trattamento ottimale delle malattie croniche nella popolazione anziana

Klaus Gerwert, Hermann Brenner et al:. Biomarcatori nel sangue amiloidi rileva il morbo di Alzheimer. EMBO Molecular Medicine, 2018, DOI: 10,15,252 mila / emmm.201708763


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: