Exemestane

Exemestane previene la produzione di estrogeni da parte dell'organismo e viene utilizzato nei tumori riproduttivi avanzati. Maggiori informazioni su exemestan!

Exemestane

L'ingrediente attivo exemestane Come un cosiddetto inibitore dell'aromatasi, previene la produzione propria di estrogeni. L'inibizione della produzione di ormoni è particolarmente indicata nelle donne con carcinoma mammario avanzato se la crescita del tumore è influenzata oralmente. Qui puoi leggere tutto ciò che vale la pena conoscere sugli effetti e sull'uso di exemestane, effetti collaterali e interazioni.

Ecco come funziona exemestane

Estrogeni (estrone, estradiolo e estriolo) sono ormoni sessuali femminili. Si formano nel corpo femminile (in misura minore anche nel maschio) dai precursori, specialmente nelle ovaie. Gli ormoni sessuali sono importanti per lo sviluppo delle caratteristiche sessuali e tenere poi insieme con altri ormoni (quali il progesterone) il ciclo mestruale in movimento. Durante la menopausa, le ovaie smettono gradualmente di produrre estrogeni. Successivamente, l'ormone viene prodotto solo in piccole quantità in altri tessuti (muscoli, tessuto adiposo, tessuto ghiandolare mammario). Il livello di estrogeni scende a livelli molto bassi.

In alcuni casi di cancro al seno, il tumore è sensibile agli ormoni, il che significa che la sua crescita dipende dall'estrogeno. In determinate circostanze, il basso livello di estrogeni dopo la menopausa è sufficiente. Per sopprimere questa crescita tumorale controllata dall'ormone, vengono utilizzati inibitori dell'aromatasi come l'exemestano. Nelle cellule muscolari e adipose inibiscono l'enzima aromatasi, che è coinvolto nella conversione dei precursori di estrogeni negli ormoni attivi. Questo riduce molto il livello di estrogeni, che spesso impedisce un'ulteriore crescita del tumore.

Assunzione, degradazione ed escrezione di exemestane

Il principio attivo viene assorbito nel sangue attraverso la mucosa intestinale dopo la somministrazione e viene prima trasportato nel fegato. Là sarà estratto per la maggior parte. Il resto (meno del dieci percento) entra nel tessuto muscolare e adiposo, dove blocca l'aromatasi. Exemestane è suddiviso nel fegato ed escreto nelle urine e nelle feci.

Quando verrà utilizzato exemestane?

L'exemestane inibitore dell'aromatasi è approvato per il trattamento di supporto di, carcinoma mammario ormone-sensibile dopo due o tre anni di trattamento con tamoxifene della droga. Inoltre, il farmaco è approvato per il trattamento del carcinoma mammario avanzato se la crescita del tumore non può essere interrotta con il tamoxifene. Solo le donne in postmenopausa dovrebbero essere trattate con exemestane; tuttavia, può anche essere prematuramente medicato.

Al fine di prevenire la crescita del tumore a lungo termine, il principio attivo è di solito preso in più anni.

Quindi viene usato exemestane

Il principio attivo exemestano viene assunto in compresse una volta al giorno, dopo un pasto, perché migliora l'assunzione. La dose giornaliera abituale è di 25 milligrammi di exemestane. La durata d'uso in pazienti con carcinoma mammario precoce è determinata individualmente dal medico in terapia avanzata del cancro al seno di solito è permanente, fino a quando il tumore non cresce.

Quali sono gli effetti collaterali di exemestane?

Dal momento che si tratta con exemestane ad un tratto, forte calo dei livelli di estrogeni, possono forti sintomi post-menopausa si verificano soprattutto all'inizio della terapia.

Con più di uno su dieci donne trattate, non c'è effetti collaterali exemestane come mal di testa, vertigini, depressione, insonnia, diminuzione dei globuli bianchi, vampate di calore, dolori addominali, nausea, aumento nel sangue e degli enzimi epatici, sudorazione, stanchezza e dolori muscolari e articolari.

Altri effetti collaterali comuni sono la perdita di appetito, riduzione della conta piastrinica, il disagio, vomito, diarrea, costipazione, indigestione, perdita di capelli, eruzioni cutanee, prurito, fratture ossee e diminuendo la densità ossea e la ritenzione idrica e la debolezza.

Cosa dovrebbe essere considerato quando si prende exemestane?

Poiché l'exemestane è scomposto dagli enzimi epatici, che abbattono anche altri farmaci, può interagire con alcuni di loro. Finora sono state osservate interazioni con farmaci che rendono il fegato più degli enzimi degradanti. Di conseguenza, l'exemestane viene scomposto più velocemente e appare diminuito o per niente. Esempi di tali agenti sono la rifampicina antibiotico, alcuni farmaci per l'epilessia e convulsioni (fenitoina, carbamazepina) e antidepressivi a base di erbe Erba di San Giovanni.

Per non mettere a repentaglio gli effetti dell'exemestane, durante la terapia non devono essere assunti o applicati medicinali contenenti estrogeni.

Exemestane dovrebbe essere assunto solo da donne dopo la menopausa. Bambini, adolescenti, donne in età fertile, donne in gravidanza, allattamento e pazienti di sesso maschile non dovrebbero assumere exemestane.

Come ottenere farmaci con exemestane

I preparati contenenti exemestane sono di prescrizione medica e farmacia, solo in ciascuna dose e confezione.

Da quando viene conosciuto Exemestan?

Exemestane è il terzo inibitore dell'aromatasi attivo per via orale dopo i composti anastrozolo e letrozolo, che è stato sviluppato per il trattamento dei tumori al seno sensibili agli ormoni. Tutti e tre i farmaci sono nella Lista No-Dop perché sono presi dagli atleti per prevenire effetti collaterali da droganti vietati (steroidi anabolizzanti).

Poiché commercializzato dalla ditta farmaceutica Pfizer inibitore dell'aromatasi, che è stato approvato per la prima volta in Germania nel 1999, ora non più protetto da brevetti, ci sono ora numerosi farmaci generici con il farmaco exemestane sul mercato.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: