Test hiv

Un test hiv può essere fatto gratuitamente e in modo anonimo presso il dipartimento della salute. Leggi come può essere dimostrata l'infezione da hiv!

Test hiv

Con uno test HIV si può determinare se una persona con il virus HIV (HIV) - infetto - la causa dell'AIDS. Per essere in grado di fare una dichiarazione precisa, vengono sempre eseguite due prove. Altrettanto importante per un risultato significativo è il tempo dell'indagine. Per saperne di più su come un test rapido in grado di rilevare l'HIV che sono disponibili altri metodi di prova e dove si può può avere un test HIV!

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici di diagnosi medica validi a livello internazionale. Si trovano ad es. in lettere di dottore o certificati di incapacità. Z21B23B22B24

Descrizione del prodotto

test HIV

  • Test HIV: quando e dove?

  • Test HIV: obbligo di registrazione

  • Test HIV: donazione di sangue

  • Test HIV: procedura standard

  • HIV: test PCR

  • L'auto-test dell'HIV è proibito

  • Test HIV: conteggio del sangue non adatto

Test HIV: quando e dove?

Un test HIV è un esame del sangue progettato per confermare o escludere l'infezione da HIV. È colloquialmente chiamato test dell'AIDS. Ma, come la causa dell'AIDS, il virus HIV viene rilevato nel test, il test HIV termine è corretto.

Se si sospetta di essere stati infettati, per esempio, il sesso non protetto o un preservativo scoppiare con qualcuno con l'HIV, si dovrebbe fare il test. Anche se si e il vostro partner decide di avere futuro senza preservativo sesso, consigliato in precedenza sia per un test HIV. L'assistenza sanitaria, medico di famiglia, diversi specialisti come ginecologi e centri di consulenza di AIDS sono i punti di contatto giusti per esso.

Il medico generico ti chiederà in primo luogo in dettaglio la sua storia medica (anamnesi). Dopo di ciò, ti prende del sangue e lo manda in un laboratorio per ulteriori indagini. Nei centri di consulenza per l'AIDS è possibile un test HIV anonimo.

Test HIV: obbligo di registrazione

Se un test HIV in laboratorio è positivo, questo deve essere riferito al Robert Koch Institute (RKI), ma senza nominare il paziente - questo rimane anonimo al RKI. L'istituto raccoglie tutti i dati dei rapporti per fornire una panoramica dell'attuale diffusione dell'infezione da HIV in Germania.

Test HIV: donazione di sangue

Dal 1985, i test dell'HIV sono stati regolarmente utilizzati in Germania prima di una donazione di sangue. Quindi si vuole evitare che con una trasfusione di sangue il virus HI venga trasferito al ricevitore. Alcune persone usano la donazione del sangue come test HIV regolare, ma questo non è consigliabile: Oltre ad essere un test HIV in grado di rilevare un certo tempo dopo l'infezione l'infezione fino a quando il test non è anonimo nel sangue, e possono essere ottenuti da un risultato positivo del test a volte nessun ulteriore consiglio. quindi è meglio andare al centro di salute: test per l'HIV e l'AIDS counselling sono anonimi e offerto lì.

Test HIV: procedura standard

In genere, il test indiretto viene utilizzato per rilevare o escludere l'infezione da HIV. Per una diagnosi sicura vengono fatti due test:

nella primo test il sangue del paziente viene testato per gli anticorpi contro l'HI. Il corpo inizia in media 22 giorni dopo l'infezione con la formazione di tali anticorpi. Certamente sono dopo tre mesi presenti nel sangue e possono quindi essere rilevati in una cosiddetta immunodosaggio. Se ci sono anticorpi contro il virus HI, si parla di un risultato positivo del test.

A causa della finestra di tempo che intercorre tra l'infezione e la formazione di anticorpi, un test negativo può solo fare una dichiarazione circa il tempo prima degli ultimi tre mesi. HIV-negativo non significa che una nuova infezione può essere esclusa.

Test per gli anticorpi HIV è chiamato HIV test rapido ed è colloquialmente spesso erroneamente indicato come AIDS test rapido. La durata del test HIV è di circa 30 minuti. Il paziente di solito riceve il risultato dopo alcuni giorni.

Dopo un risultato positivo del test nella prima prova verrà confermato secondo test eseguita. Gli antigeni del virus sono rilevati nel sangue del paziente. Gli antigeni sono strutture proteiche del virus contro cui sono diretti gli anticorpi. Sei settimane dopo l'infezione da HIV, il test diventa positivo.

Solo se un paziente è risultato positivo al test in entrambi i test, è considerato sieropositivo.

  • Immagine 1 di 12

    11 fatti importanti sull'AIDS

    Anche se si sente meno su di esso rispetto a prima, l'AIDS è lungi dall'essere sconfitto. Per il nemico è molto piccolo e spaventoso convertibile: il "virus dell'immunodeficienza umana", poco HIV, le cellule immunitarie Entert e li polarizza per i suoi scopi. Questo indebolisce il sistema immunitario e rende il corpo suscettibile alle malattie. Da qui il nome di AIDS, che sta per il tedesco per "Sindrome da immunodeficienza acquisita". I fatti più importanti per te a colpo d'occhio.

  • Immagine 2 di 12

    L'AIDS è giovane

    L'AIDS non ha accompagnato le persone per così tanto tempo. Nel 1981, la malattia fu descritta per la prima volta.Originariamente, l'HIV è stato trovato principalmente nei paesi in via di sviluppo, ma ha fatto la sua marcia trionfale in tutto il mondo da lì. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 36,9 milioni di persone sono state contagiate dall'HIV alla fine del 2014 - 80.000 in Germania. Ma: ancora circa il 95 percento delle persone infette vive nei paesi del Terzo Mondo.

  • Immagine 3 di 12

    L'HIV proviene dalle scimmie

    Oggi gli esperti sono abbastanza sicuri che l'HIV provenga originariamente dalle scimmie. Virus simili sono stati trovati negli scimpanzé e nei gorilla. I confronti tra il materiale genetico dei patogeni mostrano che il salto verso l'uomo è avvenuto all'inizio del XX secolo. L'HIV può quindi essere diffuso attraverso il trattamento endovenoso delle malattie tropicali - perché dagli anni '30 agli anni '50, gli standard igienici odierni non erano ancora in vigore.

  • Immagine 4 di 12

    L'AIDS è mortale

    Anche se l'aspettativa di vita di una persona che vive con l'HIV o l'AIDS è molto più alta oggi rispetto a pochi anni fa, l'AIDS richiede ancora un prezzo elevato, specialmente nei paesi in via di sviluppo. Nel 2014, secondo le stime dell'OMS, 1,2 milioni di persone nel mondo sono morte a causa del virus. Secondo Robert Koch Institute (RKI) erano tra loro 480 tedeschi. In molti casi, è la polmonite o la tubercolosi a causare la morte a causa del sistema immunitario indebolito dei pazienti affetti da AIDS.

  • Immagine 5 di 12

    L'HIV è trasmesso durante il sesso

    I virus HI vengono trasmessi attraverso sangue o fluidi corporei infettivi, tra cui sperma, secrezioni vaginali e film fluido della mucosa intestinale. Di conseguenza, le infezioni da HIV si verificano principalmente attraverso contatti sessuali non protetti. Piccole lesioni della pelle possono quindi causare l'invasione del virus. Quanto segue si applica: maggiore è la carica virale nel fluido corporeo, maggiore è la probabilità che venga coinvolto.

  • Immagine 6 di 12

    L'allattamento al seno è pericoloso, la saliva no

    L'HIV non si diffonde solo attraverso il sesso. In alcuni casi, le persone sono state infettate dal sangue (come prodotti sanguigni, siringhe). Allo stesso modo, le madri con HIV possono infettare i loro figli alla nascita e allattamento al seno. Quello che molti non sanno: l'HIV non si diffonde quando si bacia o starnutisce. Con la pelle intatta, il virus non può penetrare comunque nel corpo. La convivenza sociale con una persona con infezione da HIV non comporta quindi alcun rischio di infezione.

  • Immagine 7 di 12

    L'HIV è spesso frainteso all'inizio

    Nella maggior parte dei casi, due o tre settimane dopo l'infezione, i primi sintomi sono relativamente lievi. Di solito vengono interpretati erroneamente come infezione influenzale, con febbre, linfonodi ingrossati, disfagia e talvolta diarrea. Dopo questo, i virus si comportano in modo non appariscente - questa fase può richiedere mesi o addirittura anni. Secondo l'RKI, solo circa il 50% delle persone colpite mostra sintomi della malattia di AIDS dieci anni dopo l'infezione iniziale.

  • Immagine 8 di 12

    L'HIV si addormenta nel corpo per molto tempo

    I virus HI infestano nel corpo soprattutto le cosiddette cellule helper, che fanno parte del sistema immunitario del corpo e le distruggono. Le cellule ausiliarie coordinano l'uso del sistema immunitario. Meno ce ne sono, le malattie peggiori vengono allontanate - L'AIDS spesso si fa notare strisciante. I primi sintomi sono insignificanti. Le persone colpite si sentono inizialmente malate, le mucose cambiano e ci sono indigestioni.

  • Immagine 9 di 12

    Infetti da HIV: facile bersaglio per i patogeni

    Infine, il numero di cellule ausiliarie diminuisce così tanto che il corpo non può più difendersi adeguatamente contro gli intrusi. Le infezioni che sono innocue per altre persone hanno maggiori probabilità di avere complicazioni fatali nelle persone con AIDS. Particolarmente temuti sono la tubercolosi e la polmonite.

  • Immagine 10 di 12

    L'HIV è curabile, non curabile

    La scienza sta ricercando intensamente una cura per l'HIV. Finora, la vita delle persone colpite con i farmaci può essere prolungata. Prima si riconosce e si cura la malattia, meglio è. La terapia riduce anche il rischio di infezione per gli altri riducendo il numero di virus HI nel sangue. In molti paesi in via di sviluppo, le persone infette hanno scarso accesso ai farmaci o sono troppo costose.

  • Immagine 11 di 12

    Il test HIV dà sicurezza

    Informazioni su una possibile infezione è un test HIV, che può essere fatto dal medico. Viene esaminato se già rileva virus o componenti virali. Chi è testato negativo sei settimane dopo il tempo di infezione sospetto, molto probabilmente non infetto. Nel complesso, ci sono ancora troppe poche persone da testare. L'OMS stima che circa la metà di quelli infetti non sia a conoscenza delle loro condizioni.

  • Immagine 12 di 12

    Il sesso sicuro protegge dall'HIV

    "Non dare all'AIDS alcuna possibilità - proteggere i preservativi", lo slogan pubblicitario del Centro federale per l'educazione alla salute lo porta al punto. I preservativi sono il rimedio più importante nella lotta contro l'HIV. Il sesso più sicuro, tuttavia, significa anche che durante il rapporto sessuale, lo sperma, il fluido vaginale, le secrezioni intestinali o il sangue non entrano nel corpo del partner. I ricercatori stanno anche lavorando allo sviluppo di un vaccino contro l'HIV, ma questo è ancora un sogno del futuro.

HIV: test PCR

In singoli casi, le infezioni da HIV vengono rilevate dal laboratorio attraverso il materiale genetico del virus nel sangue (acidi nucleici virali). La ricerca del genoma virale viene eseguita mediante test HIV-PCR. La PCR è sinonimo di reazione a catena della polimerasi: gli acidi nucleici vengono dapprima moltiplicati e quindi scomposti in base alle loro proprietà. Il materiale genetico è già rilevabile nel sangue undici giorni dopo l'infezione, quindi questa procedura viene utilizzata, ad esempio, nei neonati di madri sieropositive.

Leggi di più sulle indagini

  • la raccolta del sangue
  • esame del sangue

L'auto-test dell'HIV è proibito

Un test per la casa dell'HIV è vietato in Germania. Non fornisce una precisione e un test di conferma sufficienti per un risultato positivo. Non c'è anche un adeguato consiglio personale. Pertanto, cercare un medico di famiglia dell'HIV, un dipartimento della salute o una consulenza sull'AIDS!

Test HIV: conteggio del sangue non adatto

L'infezione da HIV non può essere rilevata da un semplice studio ematologico. Nell'immagine del sangue, i singoli globuli sono determinati in numero e confrontati con i valori normali. Nel corso dell'infezione da HIV, possono verificarsi cambiamenti nel quadro ematico, come una diminuzione dei globuli bianchi (leucociti). Questi cambiamenti sono utili solo per monitorare il corso dell'infezione da HIV. di test HIV non è possibile utilizzare un emocromo.

Questi valori di laboratorio sono importanti

  • leucociti


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: