Equiseto

Acker equiseto aiuta in particolare con l'infiammazione del tratto urinario, la semola di rene e la ritenzione idrica nel corpo. Maggiori informazioni su equisetum arvense!

Equiseto

Il campoequiseto ha un lieve effetto diuretico e quindi aiuta nel trattamento delle malattie del tratto urinario, dei reni e dell'edema. Applicato esternamente, supporta il trattamento di ferite mal curate. Maggiori informazioni sul campo equiseto: effetto, applicazione e possibili effetti collaterali!

Descrizione del prodotto

equiseto

  • virtù

  • applicazione

  • effetti collaterali

  • note applicative

  • Dove acquistare

  • Per saperne di più

Quale potere curativo è nell'equiseto?

Le parti sterili (sterili) di equiseto di campo (Equisetum arvense) sono utilizzate in medicina come coda di cavallo. Come un tradizionale medicinale erboristico vengono utilizzati internamente per il lavaggio con malattie batteriche e infiammatorie del tratto urinario o della semola renale. Inoltre, i preparati con l'equiseto di campo possono eliminare gli accumuli di acqua nel corpo (edema). Applicato esternamente, la pianta medicinale può supportare il trattamento di ferite mal curate.

Ingredienti importanti sono l'abbondante silice e flavonoidi, silicati e derivati ​​dell'acido caffeico. Nel complesso, danno un debole effetto diuretico.

Nella medicina popolare Equisetum arvense attribuito un effetto di guarigione nelle diverse dalle zone di applicazione di cui sopra, ad esempio, la tubercolosi, reumatismi e gotta. L'efficacia in queste aree non è stata scientificamente dimostrata.

Come si usa l'equiseto?

La pianta medicinale aiuta sia l'applicazione interna che esterna. Ci sono una varietà di forme di dosaggio disponibili come capsule, compresse rivestite, compresse e preparati liquidi come concentrato di equiseto. L'erba secca è anche necessaria per la preparazione di tè ed estratti. Quest'ultimo può essere utilizzato per buste e bagni parziali.

Per la preparazione del tè versare due cucchiaini di equiseto tagliato con 150 ml di acqua bollente e lasciare riposare per cinque-dieci minuti. Se non diversamente prescritto, puoi bere una tazza di tè al rafano più volte al giorno. La dose giornaliera è di sei grammi di equiseto. Bere molti liquidi durante il giorno (vedere le istruzioni per l'uso).

Come alternativa al tè è possibile applicare prodotti finiti quali compresse rivestite, capsule, gocce di Equisetum arvense, corrispondenti alle specifiche del foglietto illustrativo o le raccomandazioni di un medico.

Per le ferite mal di guarigione è possibile creare un estratto di equiseto liquido per le buste: questi 10 grammi di equiseto essere bolliti per mezz'ora in un litro d'acqua, poi viene filtrata e facilmente spremuto attraverso un panno. Immergere le bende di garza con questo decotto e metterle sulla pelle malata.

La guarigione delle ferite può essere supportata anche con un bagno di equiseto (bagno parziale). Per l'additivo per il bagno, usare due grammi di erba equiseto per litro d'acqua.

Quali effetti collaterali può causare l'equiseto?

Molto raramente, i disturbi allo stomaco si verificano dopo l'uso interno.

Cosa dovresti tenere a mente quando usi l'equiseto

In una terapia di flussaggio con Equisetum (o altre piante medicinali) deve essere versato un quantitativo sufficiente di alcol (almeno due litri al giorno).

Se la ritenzione idrica (edema) è il risultato di un'attività cardiaca o renale limitata, non utilizzare la terapia di flussaggio dell'equiseto (o di altri medicinali).

Poiché non ci sono informazioni sulla sicurezza, tollerabilità ed efficacia dell'uso in donne in gravidanza, donne che allattano e bambini sotto i 12 anni, questi gruppi dovrebbero astenersi dalla pianta medicinale.

  • Immagine 1 di 16

    Bellezze pericolose

    Ditale, oleandri e poinsettia: queste piante arricchiscono i nostri giardini e salotti. Per quanto belle siano queste piante, sono pericolose quanto loro. Miglior esempio: il mughetto. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto fiori, bacche e foglie. Contiene sostanze cardioattive e saponine che hanno un effetto di dissoluzione del sangue.

  • Immagine 2 di 16

    poinsettia

    Originariamente la poinsettia viene dal Messico. A Natale la stella dell'Avvento è una famosa pianta ornamentale. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il succo di latte biancastro. Si allontana se ferisci la pianta. I principali ingredienti attivi sono beta-amyrin e germanicol.

  • Immagine 3 di 16

    Hemlock acqua

    La cicuta è originaria dell'Europa, dell'Asia settentrionale e del Nord America. In Germania è distribuito principalmente nel nord. Preferisce crescere ai bordi dello stagno, nei fossati e nelle paludi. Tutte le parti vegetali della cicuta sono velenose, ma soprattutto il succo del portainnesto. La sostanza tossica è cicutoxina, un cosiddetto veleno spasmo.

  • Immagine 4 di 16

    laburno

    Il maggiociondolo ha la sua casa nell'Europa meridionale e sud-orientale.A causa dei suoi fiori giallo oro, la farfalla è popolare in Europa centrale come arbusto ornamentale in giardini e parchi. Soprattutto fiori, frutti e semi sono velenosi. Per i neonati, fino a tre o quattro frutti o da 15 a 20 semi possono causare la morte. I principali ingredienti attivi sono i cosiddetti alcaloidi, che agiscono sul sistema nervoso centrale.

  • Immagine 5 di 16

    oleandro

    L'oleandro appartiene al Hundsgiftgewächsen e può essere alto fino a cinque metri come un albero o arbusto. Le foglie sono allungate e appuntite, coriacee e sempreverdi. Da luglio a ottobre, l'oleandro produce fiori bianchi, rossi o rosa. L'intera pianta è velenosa. I principali ingredienti attivi sono composti che agiscono sul cuore e sulla circolazione (i cosiddetti glicosidi).

  • Immagine 6 di 16

    vischio

    Il vischio è comune sia in Europa che in Asia settentrionale. Come un cosiddetto semi-parassita cresce su latifoglie e conifere e rimuove acqua e sali nutritivi dalle sue piante ospiti. Oltre agli steli sono anche foglie e bacche velenose. I principali ingredienti attivi sono le cosiddette viscotossine, che sono miscele proteiche tossiche.

  • Immagine 7 di 16

    autunno crocus

    L'Herbstzeitlose è comune nell'Europa meridionale, occidentale e centrale e cresce principalmente sui prati umidi e nei giardini. Appare in primavera.Tutte le parti di Herbstzeitlose sono velenose, soprattutto se tuberose e semi. Il principale ingrediente attivo è la colchicina, che agisce come una citotossina. Cinque grammi sono sufficienti per uccidere un adulto. I bambini hanno già tra 1,2 e 1,5 grammi di pericolo di vita.

  • Immagine 8 di 16

    ditale

    Il Foxglove rosso è comune in Europa occidentale e centrale in montagna. Si trova anche nelle radure della foresta e come pianta ornamentale nei giardini. Tutte le parti della pianta sono velenose, ma soprattutto foglie, fiori e semi. Principali principi attivi sono varie sostanze che influenzano il cuore (ad esempio digitoxin). Già 0,3 grammi di foglie secche sono tossiche per un adulto.

  • Immagine 9 di 16

    Tromba degli angeli

    La tromba d'angelo è originaria del Brasile. A causa dei suoi fiori grandi e belli, ora è una pianta contenitore popolare. Tutte le parti della pianta sono velenose. Principali principi attivi sono scopolamina, iosina e atropina, che hanno un effetto debilitante e intossicante.

  • Immagine 10 di 16

    Cappello di ferro blu

    Il giacimento blu cresce preferenzialmente in luoghi umidi nelle montagne, sulle sponde del fiume o come pianta ornamentale nei giardini. Tutte le parti della pianta del Blue Eisenhut sono velenose, ma soprattutto la radice. Principali principi attivi sono alcaloidi, che possono avere effetti diversi sull'organismo. Anche piccole quantità da 0,2 grammi sono velenose.

  • Immagine 11 di 16

    Herb Paris

    L'unicorno si verifica in Europa e in Asia Minore. Si trovano principalmente nelle foreste rivierasche e nelle foreste umide di latifoglie. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto le bacche. I principali ingredienti attivi sono le saponine, che si ritiene siano protette da insetti o funghi. In concentrazioni più elevate le saponine hanno un effetto emolitico, cioè possono distruggere i globuli rossi. In quantità maggiori, danneggiano anche i reni e il sistema nervoso centrale.

  • Immagine 12 di 16

    tasso

    Il tasso è molto diffuso. Alle nostre latitudini, cresce principalmente nelle foreste ombrose. È anche comunemente usato come arbusto ornamentale nei giardini, nei cimiteri e nei parchi: sia gli aghi che i semi sono velenosi, specialmente se li mordono. Il seme rosso, dal sapore dolce, d'altra parte, non è tossico. I principali ingredienti attivi sono gli alcaloidi. Hanno un forte effetto farmacologico.

  • Immagine 13 di 16

    Dieffenbachia

    La casa originale di Dieffenbachie è l'America tropicale. A causa delle sue foglie ben disegnate e perché non ha bisogno di molto sole, Dieffenbachie è una pianta d'appartamento popolare. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il tronco. Tutti gli organi contengono i cosiddetti aghi di ossalato di calcio. Questi hanno canali attraverso i quali l'acido ossalico e altre tossine possono penetrare nelle ferite aperte. Tre o quattro grammi di foglie sono considerati mortali, e anche l'acqua di ruscellamento dovrebbe essere tossica.

  • Immagine 14 di 16

    acanto

    L'artiglio dell'orso gigante originariamente proveniva dal Caucaso e raggiungeva la nostra latitudine come pianta ornamentale. Al giorno d'oggi, le piante sono spesso trovate come esemplari selvaggi in Waldschneisen e su strade forestali e lungo le strade, l'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il succo. Questo contiene sostanze fototossiche e dannose per la pelle. I principali ingredienti attivi sono le cosiddette 6,7-furocumarine. Sotto l'influenza della luce solare (raggi UVA e UVB) vengono attivati ​​i fitochimici. Al mattino, l'effetto fototossico è più forte rispetto alla sera.

  • Immagine 15 di 16

    amarillide

    La casa di Amaryllis è originariamente nelle Ande del Perù. Al giorno d'oggi, la Ritterstern è una pianta d'appartamento popolare, che viene acquistata principalmente nei mesi da gennaio ad aprile, e quindi fiorisce. Soprattutto la cipolla di amaryllis è velenosa. Contiene alcaloidi speciali che sono citotossici e sono considerati molto tossici.

  • Illustrazione 16 di 16

    ciclamino

    La casa del ciclamino è in realtà in Medio Oriente e Asia Minore.Nel frattempo, il Primelgewächs in molti salotti ed è una delle piante d'appartamento più popolari. Soprattutto il tubero è velenoso, contiene le cosiddette saponine. Questi sono composti vegetali secondari che di solito hanno un sapore amaro e possono influenzare il metabolismo. Già 0,2 grammi di tubero sono considerati tossici, otto grammi come dose letale.

Quindi prendi l'equiseto e i suoi prodotti

Riceverai l'erba equiseto tagliata e varie forme di dosaggio nella tua farmacia. Si prega di fare riferimento al foglio illustrativo appropriato o al medico o al farmacista per l'uso corretto e il dosaggio dell'equiseto.

Vale la pena conoscere l'equiseto

Equiseti (genere Equiseto, famiglia Equiseto) giocano in botanica un ruolo speciale: Tu sei il piccolo residuo di un gruppo più ampio di piante che nei periodi precedenti della storia della Terra (Carbonifero, Permiano) ha dominato la vegetazione. Parzialmente sono cresciuti fino ad alberi alti.

Equiseto

equiseti di oggi, di cui ci sono circa 30 diverse Arte, d'altra parte sono tutti, piante erbacee perenni con spore di distribuzione quasi globale. Mancano solo in Australia e in Nuova Zelanda.

L'equiseto medicinale (Equisetum arvense) utilizzato in primavera forma germogli fertili in primavera. Sono non ramificato, eretto, marrone luce colorata e hanno terminale peg-like, brunastro Sporophyllstände con contenitori diversi spore. Dopo la morte dei germogli fertili, l'unità sterile piolo da cui compito è fotosintesi - montante, verde cavità steli che sono circa 50 cm possono essere elevati in intervalli whorled ramificazione e superiore. A causa della silice incorporata, i gambi sono aspra e dura (in altre specie Equisetum). Sono stati quindi utilizzati prima come agenti abrasivi, in particolare per i piatti in peltro. Pertanto, l'equiseto è comunemente chiamato "coda di cavallo".

Il più grande membro della equiseti è la coda di cavallo gigante (E. giganteum), il sottile, fino a 20 metri di lunghezza a pioli per salire su altre piante. Più specie Equisetum includono Equiseto invernale (E. hyemale), lo stagno coda di cavallo (E. fluviatile) e la coda di cavallo di palude (E. palustre).

Se si desidera raccogliere Equiseto sé e utilizzare in medicina, si deve fare attenzione, in realtà per catturare l'impianto di diritto e non una specie affini - soprattutto non la paludeequiseto, Contiene in grandi quantità l'alcaloide velenoso Palustrin.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: