Ketamina

Il principio attivo ketamin è usato nell'anestesia e nel trattamento del dolore, ma solo in casi speciali. Leggi tutto su ketamina qui!

Ketamina

L'ingrediente attivo ketamina è usato in anestesia e trattamento del dolore. È stato sviluppato negli Stati Uniti nel 1962, ma ora è usato solo in casi speciali a causa dei suoi effetti collaterali. I bambini e le donne incinte dovrebbero ricevere farmaci contenenti ketamina solo dopo aver consultato il medico. Qui puoi leggere tutto ciò che è importante sulla ketamina.

Ecco come funziona la ketamina

La consapevolezza è controllato dall'interazione di molti neurotrasmettitori differenti (come il glutammato, GABA o acetilcolina) nel sistema nervoso centrale (cervello e del midollo spinale). In interventi dolorosi o stressanti, questa consapevolezza deve essere disattivata. Allo stesso tempo, oltre al sollievo dal dolore, sono necessari il rilassamento muscolare e la cancellazione della memoria.

L'effetto ketamina è dovuto al blocco di aggancio del neurotrasmettitore glutammato (cosiddetto recettore NMDA), per cui la coscienza può essere reversibilmente spento. La ketamina è l'unica cosiddetta "iniezione anestetica", che ha anche un effetto analgesico.

Assorbimento, rottura ed escrezione di ketamina

Il farmaco deve essere iniettato in una vena o muscolo. L'effetto si verifica con la somministrazione endovenosa già dopo 30 secondi, con somministrazione intramuscolare dopo 5-10 minuti. L'effetto intorpidimento dura per circa un quarto d'ora, ma la sensazione di dolore viene soppressa per almeno 30 minuti. Dopo la distribuzione del farmaco in tutto il corpo, la degradazione avviene nel fegato. I prodotti di degradazione sono escreti prevalentemente attraverso i reni.

Quando viene usata la ketamina?

Il principio attivo Ketamin è usato in alcuni casi speciali:

  • Trattamento del dolore in medicina d'urgenza
  • Anestesia dei pazienti con bassa pressione sanguigna

Ecco come viene usata la ketamina

Il principio attivo è utilizzato esclusivamente da personale qualificato. La dose di ketamina è da 0,25 a un milligrammo per chilogrammo di peso corporeo per la gestione del dolore. uno o due milligrammi per chilogrammo di peso corporeo sono richiesti per l'induzione di anestesia con somministrazione endovenosa, intramuscolare quattro a sei milligrammi per chilogrammo di peso corporeo.

Una combinazione sensata risulta con l'ingrediente attivo midazolam. Il rappresentante del gruppo dei cosiddetti benzodiazepine riduce gli effetti collaterali di ketamina (allucinazioni, incubi al risveglio dall'anestesia).

Quali effetti collaterali ha la ketamina?

Il principio attivo ketamina causa sogni e allucinazioni nel 10-30% di quelli trattati. Inoltre, c'è spesso un aumento della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca e della salivazione.

A cosa dovresti prestare attenzione quando prendi la ketamina?

Nel cuore e problemi circolatori, gravi problemi di salute mentale, aumento della pressione intraoculare e aumento della pressione intracranica ketamina deve essere utilizzato solo dopo aver valutato severamente medico beneficio-rischio.

Controindicazioni

Il principio attivo non deve essere usato in pazienti con ipertensione o ipertiroidismo.

I cosiddetti derivati ​​della xantina come la teofillina (nell'asma) non devono essere combinati con la ketamina, altrimenti potrebbero verificarsi convulsioni.

interazioni

In caso di uso concomitante di altri farmaci, possono verificarsi interazioni.

ormoni tiroidei, ei cosiddetti simpaticomimetici, come l'adrenalina (nella rianimazione), xylometazoline (in spray nasali decongestionanti) o fenoterolo (agenti asma) possono potenziare gli effetti collaterali di ketamina (aumento della pressione sanguigna).

Guida e utilizzo di macchinari

Dopo anestesia con pazienti chetamina non dovrebbe partecipare attivamente guidare o usare macchinari pesanti, come il farmaco può compromettere la capacità di reagire fortemente con almeno 24 ore. Dopo un intervento ambulatoriale, dovresti solo andare a casa accompagnati.

limiti di età

La ketamina può anche essere utilizzata in chirurgia pediatrica. Qui, tuttavia, viene omessa l'ulteriore somministrazione di sonniferi (benzodiazepine come il midazolam).

Gravidanza e allattamento

Finora ci sono solo dati insufficienti sull'uso della ketamina nelle donne in gravidanza. Pertanto, prima dell'uso, il medico pondererà il beneficio individuale rispetto al rischio esistente.

Il principio attivo viene escreto nel latte materno. Al fine di non danneggiare il bambino, dopo aver usato dovrebbe ketamina svezzati o almeno in pausa fino a quando non notevole quantità di principio attivo è rilevabile nel latte materno.

È così che prendi i farmaci con la ketamina

I medicinali contenenti ketamina sono prescrittivi e di solito non sono disponibili per i farmacisti in individui privati. Il principio attivo può essere utilizzato solo da specialisti per l'induzione dell'anestesia.

Da quando è conosciuta la ketamina?

La ketamina fu prodotta per la prima volta nel 1962 dal chimico Stevens. Tre anni dopo, la prima applicazione era sugli umani. Dal 1969, il principio attivo è stato approvato in Germania.

Fatti più interessanti sulla ketamina

Il principio attivo Ketamin trova oggi praticamente nessuna applicazione nell'anestesia "normale" di più. Tuttavia, è un farmaco popolare nel trattamento del dolore nella medicina del disastro. Grazie alle sue proprietà speciali come la stabilizzazione circolatoria e l'espansione dei vasi polmonari, è particolarmente adatto a tali emergenze. Tuttavia, la ketamina deve sempre essere associata a forti tranquillanti (midazolam), altrimenti può portare ad un risveglio da incubo dopo anestesia e allucinazioni.

Dopo l'anestesia, il paziente è spesso ancora in uno stato simile al crepuscolo, che è dovuto al meccanismo della cosiddetta "anestesia dissociativa". L'effetto diminuisce lentamente e in modo uniforme. Tuttavia, questo "effetto collaterale" rende il farmaco un buon antidolorifico nella medicina del disastro: ketamina causa dopo il dono anche durante un periodo relativamente lungo di una forte sedazione (sedazione).


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: