Medulla oblongata

Il midollo allungato (mioelencefalo, atrio) è un centro regolatore e riflesso vitale. Leggi di più qui!

Medulla oblongata

il Medulla oblongata è la continuazione del midollo spinale nella zona del cervello. È anche chiamato mioelencefalo, il sub-cervello o il midollo spinale. Il midollo allungato è un centro regolatore e riflesso vitale. Insieme al ponte (Pons) e nel cervelletto (cervelletto) si forma nella fossa posteriore, romboencefalo (rhombencephalon). Leggi tutte le informazioni importanti sul midollo allungato!

Qual è il midollo allungato?

Il midollo allungato (myelencephalon) è la parte più bassa e più posteriore del cervello. Dopo il passaggio dal midollo spinale si ispessisce a forma di cipolla e termina sul ponte. La Myelencephalon comprende nuclei dei nervi cranici ed è quindi l'origine del nervo craniale VII a XII, che emergono dalla faccia anteriore del midollo allungato.

Oltre a una linea retta che si estende nella colonna centrale si trova nella parte anteriore del midollo allungato, la piramide che si rastrema verso il basso e si muove in parte nel funicolo laterale del midollo spinale, attraversa e in parte oltre la linea centrale sposta in un'altra parte della colonna anteriore del midollo spinale, Oltre alla piramide, c'è ancora l'oliva sul davanti del midollo allungato, che contiene al suo interno il nucleo olivastro, materia grigia.

Sul lato posteriore del midollo spinale, il cavo posteriore, che si è diviso nel cordone cervicale, continua. Entrambe le ciocche diventano sempre più larghe e formano due ispessimenti nel midollo allungato, in cui si trovano i nuclei posteriori. Queste sono le stazioni di passaggio verso un neurone delle Hinterstrangbahnen.

La continuazione del filo posteriore nel midollo allungato fino al cervello è il peduncolo cerebellare inferiore e sopra il cervelletto.

Qual è la funzione del midollo allungato?

Nel midollo allungato sono importanti centri normativi per la respirazione e la circolazione del sangue, nonché i centri di riflesso per la deglutizione e succhiare reflex, la tosse, starnuti e riflesso del vomito e il centro del vomito.

respirazione

I movimenti respiratori sono controllati da gruppi di neuroni nel midollo allungato. L'attività respiratoria ritmica avviene attraverso una complessa interconnessione dei neuroni respiratori nel midollo allungato, che si promuovono e si inibiscono a vicenda. Il centro respiratorio assicura un ritmo respiratorio basale che può essere adattato alle esigenze dei centri cerebrali superiori e della periferia del corpo.

Ad esempio, devi respirare più vigorosamente durante l'attività fisica per essere in grado di soddisfare l'aumento della domanda di ossigeno. Pertanto, l'informazione viene fornita al centro respiratorio nel midollo allungato tramite meccanocettori nelle articolazioni e nella muscolatura, aumentando la respirazione.

Simpatico e parasimpatico

Il nervo simpatico come parte del sistema nervoso autonomo è controllato da un nucleo midollare oblungato, che ha una stretta relazione con i centri respiratori. Il sistema nervoso parasimpatico è anche controllato dai centri nervosi del midollo:

I nervi periferici hanno un'attività basica, il tono simpatico. Questo è determinato da percorsi che provengono dal midollo allungato e tirano i fili posteriori del midollo spinale. Se questo centro di controllo del nervo simpatico nel midollo allungato è irritato, i nervi simpatici e gli organi associati vengono attivati ​​di conseguenza. Ciò risulta, per esempio, in un aumento della pressione sanguigna.

Al contrario, l'inibizione di questo centro di controllo provoca una diminuzione dell'attività nei nervi simpatici, causando, ad esempio, la caduta della pressione arteriosa.

La digestione nell'intestino tenue è regolata, tra le altre cose, dal tono muscolare della parete intestinale e delle fibre nervose nella parete intestinale. Le fibre del sistema nervoso parasimpatico attirano i gangli eccitatori e inibitori. Qual è la funzione - eccitatorio o inibitorio - predomina è determinato nuclei nervose del midollo allungato (e nel midollo spinale inferiore).

circolazione

La regolazione circolatoria durante il lavoro fisico deve essere adattata alle esigenze dei muscoli. Per questo, il cuore deve pompare di più. Questo regolamento si svolge anche attraverso i centri nel midollo allungato. Gli impulsi inibitori e promotori vengono trasmessi attraverso il sub-cervello alla corteccia cerebrale.

Masticare e deglutire

Nel midollo allungato sono i centri che controllano la masticazione e la deglutizione e quindi l'assunzione di cibo. Questi sono sovraordinati a due centri, l'Esszentrum e il centro di sazietà nei nuclei dell'ipotalamo. Masticazione e l'inizio del processo di deglutizione sono controllati da nervi cranici, midollo allungato dall'uscita (nervo trigemino, nervo ipoglosso, e il nervo vago).

equilibrio acido-base

Nel midollo allungato sono presenti recettori chemiosensibili che regolano l'equilibrio acido-base del corpo.

altro

Qui vengono commutate le corsie discendenti che collegano il cervello con il midollo spinale passando attraverso il midollo e le corsie ascendenti.

Le fibre neuronali nel nucleo posteriore gracilis e nel nucleo cuneatus terminano in sensibilità epicritica - sensazioni sottili di temperatura e tatto, senso del movimento e della posizione, senso della potenza e riconoscimento della forma.

I nuclei olivastri del midollo allungato coordinano le capacità motorie fini.

Le 3 principali forme di mal di testa più comuni. Come si presentano e quando andare dal medico meglio.

Dov'è il midollo allungato?

Il midollo allungato risulta dalla partenza del primo nervo spinale - dal grande foro occipitale - senza una brusca transizione dal midollo spinale. Il rombencefalo raggiunge il ponte nel cervello posteriore. Questa sezione è lunga circa tre pollici nell'adulto.

Quali problemi può causare il midollo allungato?

Un medulloblastoma è un tumore maligno del cervelletto che cresce rapidamente ed è indifferenziato. Sposta il midollo allungato dalla sua crescita dimensionale. Il medulloblastoma si sviluppa preferenzialmente nell'infanzia e nell'adolescenza, specialmente nel settimo-dodicesimo anno di vita. I sintomi principali sono il vomito e un disturbo della coordinazione del movimento (atassia) con tendenza all'indietro.

Un infarto del midollo allungato può essere causato, per esempio, dall'occlusione di un importante vaso sanguigno (arteria cerebellare inferiore) alla giunzione del ponte con il midollo allungato. I sintomi comprendono mal di testa, battito cardiaco accelerato, respiro affannoso, vertigini e caduta, tremori oculari, disturbi dell'andatura, difficoltà di deglutizione e del linguaggio e disturbi sensoriali dovuti alla paralisi del nervo trigemino.

Un disturbo circolatorio nel midollo allungato, come si verifica, ad esempio, in un'ischemia cerebrale, porta ad un'attivazione del simpatico. Lo stesso accade quando improvvisi sanguinamenti nel cervello richiedono spazio e spostano il tessuto cerebrale: l'attività simpatica aumenta e la pressione sanguigna aumenta (riflesso di Cushing).

Un completo fallimento del Medulla oblongata Le lesioni di solito portano alla morte.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: