Terapia neurale

Nella terapia neurale, le malattie e le condizioni del dolore sono trattate mediante iniezioni (iniezioni) di anestetici locali.

Terapia neurale

Nella terapia neurale, le malattie e le condizioni del dolore sono trattate mediante iniezioni (iniezioni) di anestetici locali. Questi sono farmaci che rendono localmente una regione del corpo (localmente) insensibile al dolore (anestetizzata) per un breve periodo. Nella medicina convenzionale, gli anestetici locali sono usati principalmente per le operazioni e le procedure minori (per esempio, quando si sutura una ferita). Questo ha il grande vantaggio che la persona trattata può rimanere sveglia durante la procedura e non sente ancora dolore. La terapia neurale, a differenza della medicina convenzionale, utilizza anestetici locali non solo per eliminare il sintomo del "dolore", ma anche per capire e curare la causa del dolore e altri disturbi.

Emergenza e filosofia della terapia neurale

Il primo anestetico locale (Novocain) fu scoperto nel 1905. Venti anni dopo, il dottore Ferdinand Huneke notò che gli anestetici locali non solo rendono i tessuti resistenti al dolore, ma possono anche curare il dolore per sempre. Insieme a suo fratello Walter Huneke ha elaborato la procedura della cosiddetta anestesia terapeutica. Nel 1940, Ferdinand Huneke osservò per la prima volta il cosiddetto "secondo fenomeno": in una donna che aveva trattato per mesi senza successo a causa del suo grave dolore alla spalla, iniettò un anestetico locale in una ferita infiammata sul piede. All'improvviso il dolore alla spalla scomparve. Da questo, Huneke ha concluso che nel corpo devono esserci irritazioni localizzate (i cosiddetti campi di interferenza) che hanno la capacità di sostenere la malattia e il dolore irritando i tratti nervosi in un'altra regione del corpo.

Allo stesso tempo aveva trovato un modo per curare tali malattie. Huneke è partito da tre teoremi:

  • Qualsiasi malattia cronica può essere causata da un campo di interferenza.
  • Ogni parte del corpo può diventare un campo inquietante.
  • L'iniezione di un anestetico locale nel campo interferente guarisce la malattia correlata al campo di disturbo.

Huneke ha anche scoperto che molti anni potrebbero passare tra la formazione di un campo interferente e l'innesco di una malattia correlata al disturbo.

Tecnica della terapia neurale

Prima che il terapeuta inizi con la terapia neurale, intervista ed esamina il paziente per scoprire esattamente dove si trova il campo interferente. Presta particolare attenzione alle cicatrici e ai denti. Di conseguenza, il medico inietta il paziente con un anestetico locale. Le seguenti opzioni sono disponibili per lui:

Trattamento locale: Iniezione direttamente nell'area dolorosa.

La terapia Segmento: Iniezione nel segmento (parte del corpo) appartenente all'area dolente.

campo della terapia Interferenza: Iniezione in un campo di interferenza sospetta. Iniezione in un interruttore nervoso, un cosiddetto ganglio. Iniezione in un vaso sanguigno venoso (iniezione endovenosa). L'iniezione sospende l'area sospettata di essere influenzata dal resto del corpo per un po '. Di conseguenza, i sintomi che possono causare il campo di interferenza in un altro sito del corpo, improvvisamente scompaiono.

A volte capita che i sintomi siano risolti dopo il trattamento. Molto spesso, tuttavia, il paziente deve sottoporsi a terapia neurale ripetutamente fino a quando i suoi sintomi sono guariti o migliorati in modo permanente.

Applicazione della terapia neurale

La terapia neurale è particolarmente indicata per il trattamento di malattie causate da una errata regolazione del corpo. Ciò significa che la terapia neurale può aiutare con disturbi funzionali degli organi, ma non in strutture già distrutte dalla malattia. La terapia neurale è utilizzata principalmente per il trattamento di quasi tutti i dolori acuti e condizioni infiammatorie, in particolare:

  • Mal di testa ed emicranie
  • infezioni dell'orecchio
  • Sinusite o naso che cola
  • Tonsillite cronica
  • Denunce congiunte (ad esempio, artrosi, lombalgia, sciatica)
  • mal di schiena
  • dolore cicatrice
  • Condizioni dolorose dopo infortuni, incidenti o operazioni
  • Dolore al cancro

Effetti collaterali della terapia neurale

Di norma, ci sono pochi effetti collaterali da aspettarsi con la terapia neurale se si seguono le precauzioni. Poiché la terapia neurale inietta farmaci nel corpo, per completare la procedura sono necessari un'accurata anatomia, tecnica di iniezione, dosaggio e precauzioni igieniche. Se la terapia neurale viene eseguita in modo improprio, può portare a vari disturbi, come il sanguinamento.

In nessun caso si può usare la terapia neurale:
  • con un'allergia agli anestetici locali
  • in un disturbo della coagulazione del sangue
  • quando la pelle è infiammata


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: