Neuroblastoma

Il neuroblastoma è il secondo tumore infantile più comune. Qui leggi tutto ciò che è importante per cause, trattamento e altro!

Neuroblastoma

il neuroblastoma è il secondo cancro infantile più comune. È formato da cellule nervose e di solito si trova sulla colonna vertebrale o nelle ghiandole surrenali. I reclami spesso non esistono o non sono specifici. Un neuroblastoma può essere operato, irradiato e trattato con agenti chemioterapici. Anche dopo la rimozione completa ritorna da alcuni bambini. Qui leggi tutto ciò che è importante sul neuroblastoma.

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici di diagnosi medica validi a livello internazionale. Si trovano ad es. in lettere di dottore o certificati di incapacità. D43C71D33

Descrizione del prodotto

neuroblastoma

  • Neuroblastoma: descrizione

  • Neuroblastoma: sintomi

  • Neuroblastoma: cause e fattori di rischio

  • Neuroblastoma: esami e diagnosi

  • Neuroblastoma: trattamento

  • Neuroblastoma: decorso della malattia e prognosi

Neuroblastoma: descrizione

Il neuroblastoma è il secondo tumore infantile più comune in Germania. È un tumore del cosiddetto sistema nervoso simpatico, che controlla i compiti involontari nel corpo. Ad esempio, controlla la funzione cardiovascolare, la vescica e l'attività intestinale e il metabolismo energetico. Il sistema nervoso simpatico assicura che il nostro corpo funzioni in modo ottimale in situazioni stressanti. Poiché si verifica in molte parti del corpo, un neuroblastoma può anche formarsi in luoghi molto diversi:

In circa metà dei casi c'è un neuroblastoma nel midollo surrenale. Inoltre, viene spesso nel giusto plesso ea sinistra della colonna vertebrale prima, il tronco simpatico - la maggior parte ventrale, ma a volte all'altezza del collo, del torace o del bacino.

Nel cervello, neuroblastoma è, tuttavia, ancora solo quando le cellule absiedeln del tumore originale, entrano nel cervello e formano tumori secondari (metastasi). Ma ciò accade raramente. Inoltre, gli insediamenti nei polmoni non sono molto comuni. Le metastasi da neuroblastoma si trovano tipicamente nel midollo osseo, nelle ossa, nei linfonodi, nel fegato o nella pelle. Circa la metà di tutti i neuroblastomi sono già stati diagnosticati.

A seconda della gravità, le malattie del neuroblastoma sono suddivise in quattro stati patologici. Tiene conto di quanto è grande il tumore, se si è diffuso e se i linfonodi sono interessati. È anche stimato in che misura il tumore può essere rimosso chirurgicamente. Sia la terapia che la prognosi della malattia dipendono da questa classificazione.

Neuroblastoma: frequenza

Il neuroblastoma è formato da cellule immature (embrionali). Pertanto, la malattia si verifica principalmente nella prima infanzia. Circa uno su 100.000 bambini soffre di neuroblastoma ogni anno. Circa il 40% di loro si ammalano nel primo anno di vita. Il 90 percento dei bambini affetti ha meno di 6 anni. Con l'età, diminuisce la probabilità di sviluppare un neuroblastoma. Tuttavia, anche i bambini più grandi, gli adolescenti e gli adulti possono ammalarsi. Nel complesso, i ragazzi sono leggermente più colpiti delle ragazze.

Neuroblastoma: sintomi

Il neuroblastoma non causa sempre sintomi. Spesso il tumore è quindi scoperto solo per caso, ad esempio, come parte di un esame di routine da un pediatra. Se un neuroblastoma causa sintomi, il cancro è già in fase avanzata in molti casi. Per esempio, il disagio sorge, in quanto il tumore restringe le strutture circostanti o altera le funzioni degli organi attraverso le metastasi. Poiché un neuroblastoma può crescere in molti punti del corpo, i sintomi possono variare.

Un tumore nella gabbia toracica può causare affanno. neuroblastoma addominale può ostacolare il flusso di urina e quindi causare danni in casi estremi, i reni (idronefrosi). Neuroblastoma è in crescita, tuttavia, lungo la colonna vertebrale nel filone confine, può spostare le radici nervose e causare paralisi. Un tumore nella zona del collo può portare alla cosiddetta sindrome di Horner. Una palpebra si blocca, il bulbo oculare cade all'indietro e la pupilla si restringe. Quasi un bambino su cinque con neuroblastoma sviluppa una sindrome di Horner.

I pazienti con un neuroblastoma già metastatico spesso soffrono di sintomi generali come dolore, alterazione delle condizioni generali, febbre o pallore. Metastasi nel bulbo oculare è a volte un livido sull'occhio (Monokel- o ematoma) forme. In meno del due per cento delle persone colpite, un neuroblastoma si manifesta con una cosiddetta sindrome da oppio-mioclono. I pazienti contrae involontariamente occhi, braccia e gambe.

Anche un senso di svogliatezza o una maggiore sudorazione possono essere dovuti a un neuroblastoma. Se il tumore è affetto da linfonodi, a volte è possibile palpare piccoli noduli o gonfiori nell'addome o nel collo. I neonati spesso hanno uno stomaco gonfio, costipazione, diarrea, nausea o vomito. A volte il sangue aumenta anche la pressione sanguigna.

Neuroblastoma: cause e fattori di rischio

Il neuroblastoma si sviluppa quando le cellule immature del sistema nervoso simpatico cambiano malignamente. Forse ciò accade prima della nascita. Tuttavia, non ci sono indicazioni che alcuni eventi durante la gravidanza aumentino il rischio di neuroblastoma. Sebbene questo tumore non sia una malattia ereditaria, i rapporti di esperienza per il neuroblastoma indicano che in casi molto rari la malattia è familiare.

Neuroblastoma: esami e diagnosi

Il sospetto di neuroblastoma, il medico in primo luogo ha chiesto circa le lamentele (tipo, intensità e la durata delle occorrenze) e di altri problemi di salute (Anamnesi = storia).

Esame fisico ed ecografia

Quindi esegue un esame fisico. Può essere utile anche un esame ecografico (ecografia): Il medico può ricerca se c'è una massa (da una crescita del tumore) nella cavità addominale o al collo zona del paziente.

test di laboratorio

Anche i test di laboratorio sono importanti: i campioni di sangue e di urina vengono ricercati per i marker tumorali, sostanze che possono essere presenti in concentrazioni aumentate nel caso del cancro. I marcatori tumorali nel neuroblastoma sono prodotti di degradazione di alcuni ormoni (catecolamine) e dell'enzima NSE (enolasi specifiche dei neuroni). Inoltre, vengono esaminati i valori ematici, che possono indicare un aumento del metabolismo cellulare e quindi un tumore maligno.

MRI, CT e Co.

Quando questi primi esami rivelano la diagnosi di neuroblastoma, il paziente viene solitamente riferito a un centro oncologico (oncologia). Questo è seguito da ulteriori indagini per determinare l'esatta dimensione e posizione del tumore e per rilevare eventuali metastasi. Qui, per esempio, la risonanza magnetica (MRI, MRI) aiuto, la tomografia computerizzata (CT), un midollo osseo e l'esame dei tessuti, nonche la cosiddetta scintigrafia.

scintigrafia

La scintigrafia è un esame medico nucleare in cui una sostanza marcata radioattivamente viene iniettata attraverso una vena nel flusso sanguigno e quindi si accumula in alcuni organi. Questi possono quindi essere visualizzati perché la radiazione emessa dalla sostanza radioattiva può essere rilevata e visualizzata con una telecamera speciale.

Per marcare e rilevare cellule di neuroblastoma, viene utilizzata la sostanza marcata radioattivamente MIBG (metil iodobenzilguanidina). Quasi tutti i tumori accumulano questa sostanza (neuroblastoma MIBG-positivo), solo alcuni non lo fanno (neuroblastoma MIBG-negativo).

esame del midollo osseo

Le cellule tumorali del midollo osseo sono facilmente trascurate nella scintigrafia se il loro numero è basso. Pertanto, in alcuni pazienti viene eseguito un esame del midollo osseo. In anestesia locale, il medico ha utilizzato un lungo ago cavo per estrarre una piccola quantità di midollo osseo dall'osso. Spesso questa indagine viene svolta in diversi luoghi. Il tessuto ottenuto viene esaminato al microscopio per le cellule tumorali.

Altri test

Per la terapia successiva, talvolta è anche necessario controllare la funzionalità cardiaca, uditiva e renale.

  • Immagine 1 di 12

    Cancro: undici racconti infermieristici

    La paura del cancro ispira l'immaginazione e spinge i fiori bizzarri. Il servizio informazioni sul cancro ha messo in dubbio le voci. Dalla verità alle storie delle vecchie mogli: i più grandi miti del cancro nel controllo scientifico.

  • Immagine 2 di 12

    Cancro di deodorante?

    I deodoranti riducono la traspirazione. E questo dovrebbe ridurre l'essudazione degli inquinanti e quindi aumentare il rischio di cancro. Infatti, sono soprattutto i reni, la vescica e l'intestino che trasportano gli inquinanti fuori dal corpo. Il fatto che ingredienti di cosmetici come parabeni o alluminio siano dannosi è quantomeno dubbio. Al momento sembra improbabile.

  • Immagine 3 di 12

    Pillole di vitamine invece di frutta?

    Le pillole vitaminiche proteggono meglio dei frutti? Molte persone sembrano crederci e assumono quotidianamente pillole vitaminiche. Ma gli integratori alimentari non sono espressamente raccomandati per la prevenzione del cancro. Molto più importante è una dieta equilibrata, i miei esperti. In caso di una condizione di carenza comprovata, tuttavia, si dovrebbe fornire un supplemento ragionevole in consultazione con il medico.

  • Immagine 4 di 12

    Verdure malsane?

    C'è un granello di verità in ogni mito. Anche le verdure possono farti star male: anche i pomodori verdi e le patate crude contengono alcaloidi, che sono descritti come leggermente tossici. Pomodori maturi e patate cotte, d'altra parte, sono sani.

  • Immagine 5 di 12

    Cancro al seno attraverso reggiseni stretti?

    Una voce persistente afferma che reggiseni troppo stretti promuovono il cancro al seno. Ma questo appartiene al regno dell'Ammenmärchen. Tettona ma può essere incline al cancro. Studi americani suggeriscono che le donne con coppa C e D sono a più alto rischio di cancro al seno rispetto alle donne con seno più piccolo.

  • Immagine 6 di 12

    Il cancro è contagioso?

    La paura di contrarre una malattia mortale ha molti. Per il cancro, tuttavia, questa preoccupazione è ingiustificata - il cancro stesso non può essere infettato. Tuttavia, i virus svolgono un ruolo nello sviluppo di tumori come la cervice e il cancro allo stomaco.

  • Immagine 7 di 12

    Punizione meritata?

    Era solito predicare che la malattia (specialmente il cancro) era la punizione per i reati morali. Ma questo è solo un mito usato per far rispettare le norme. Tuttavia, il proprio comportamento può effettivamente influenzare il rischio di cancro. Decisivo non è l'atteggiamento morale, ma uno stile di vita sano. Lui può aiutare a ridurre il rischio.

  • Immagine 8 di 12

    Semplicemente affama il cancro?

    Ancora e ancora si sente parlare di diete sul cancro. Puoi morire di fame eliminando lo zucchero e i carboidrati? Questa visione non è esperti. Raccomandano una dieta equilibrata e guadagnano o mantengono il peso normale. Sottopeso, tuttavia, può essere molto pericoloso per i malati di cancro.

  • Immagine 9 di 12

    La colpa è degli ormoni?

    Sì e no. Gli ormoni in realtà influenzano lo sviluppo di alcuni tumori. Tuttavia, l'assunzione artificiale può avere effetti sia protettivi che dannosi. Una prevenzione con estrogeni e progestinici può aumentare il rischio di cancro al seno in piccola parte, ma protegge contro uterina e il cancro ovarico. I dati sulla terapia ormonale sostitutiva per i sintomi della menopausa sono più chiari: è più rischioso.

  • Immagine 10 di 12

    Svegliare i tumori OP?

    Le biopsie e gli interventi chirurgici sono standard nella diagnosi e nel trattamento del cancro. Tuttavia, alcuni pazienti temono che aghi e coltelli destino le cellule tumorali e le rendano aggressive. Altri credono che l'aria che arriva al tumore gli dia l'opportunità di svilupparsi. Al momento non ci sono indicazioni.

  • Immagine 11 di 12

    Pillola miracolosa per il cancro?

    Ancora e ancora, i guaritori auto-proclamati offrono presunte pillole miracolose e cure contro il cancro. Gli unici che ne traggono vantaggio, tuttavia, sono i ciarlatani stessi, nel peggiore dei casi i malati disperati trascurano la terapia medica convenzionale, che potrebbe forse salvarle la vita. Una ricetta segreta contro il cancro non è in vista. Ma ci sono anche metodi di guarigione alternativi che possono supportare la terapia del cancro o mitigare i loro effetti collaterali.

  • Immagine 12 di 12

    Infortuni come causa?

    A volte la connessione sembra chiara: qualche tempo dopo un infortunio, il medico trova un tumore nello stesso sito. In realtà andare ipotesi con cui gli shock, contusioni, percosse, contusioni e altri traumi favoriscono il cancro, per viste obsolete di un paio di secoli fa. L'eccezione: linfedema o cicatrici da ustione possono essere la causa di alcuni tumori. Questo accade molto raramente.

Neuroblastoma: trattamento

Un neuroblastoma può essere operato, irradiato o trattato con speciali farmaci antitumorali (chemioterapici). Spesso, questi tre metodi sono combinati. Inoltre, alcuni pazienti stanno ricevendo terapia MIBG, trapianto di cellule staminali e farmaci con acido retinoico. Quale trattamento è raccomandato in un caso particolare dipende principalmente dallo stadio della malattia e dall'età del paziente.

Neuroblastoma: chirurgia

Come parte di un'operazione, il chirurgo tenta di rimuovere il neuroblastoma nel modo più completo possibile senza ferire altre strutture. Se il tumore è molto grande o sfavorevole, a volte viene ridotto con la chemioterapia prima dell'intervento (chemioterapia neoadiuvante). Anche se il tumore non può essere completamente rimosso, la chirurgia è spesso seguita da chemioterapia o radioterapia (terapia adiuvante).

Neuroblastoma: chemioterapia

Se un neuroblastoma non può essere completamente rimosso o esistono già metastasi, la chemioterapia viene solitamente eseguita. Per catturare il maggior numero possibile di cellule maligne, combiniamo vari agenti chemioterapici. Sono dati ad intervalli regolari attraverso una vena.

Neuroblastoma: trapianto di cellule staminali

Se un neuroblastoma attacca il midollo osseo, il trapianto di cellule staminali può diventare necessario. A tale scopo, le cellule staminali sane vengono prima prelevate dal midollo osseo e stoccate in modo sicuro. Poi c'è una chemioterapia ad alte dosi che distruggerà tutte le cellule maligne. Questa è anche la base delle restanti cellule sane nel midollo osseo. Per consentire la riformazione del sangue nel midollo osseo, il paziente riceve successivamente le sue cellule staminali prelevate prima della chemioterapia tramite infusione. Dovrebbero stabilirsi di nuovo nel midollo osseo e formare le cellule del sangue. Durante il trattamento, i pazienti sono molto sensibili agli agenti patogeni. Pertanto, devono essere osservate misure di protezione speciali.

Neuroblastoma: terapia MIBG

La sostanza marcata radioattivamente MIBG usata nella scintigrafia (vedi sopra) può anche essere usata per trattare pazienti con neuroblastoma. È scelto una dose radioattiva così elevata che le cellule di neuroblastoma che attaccano il MIBG, così distrutto. Ad esempio, la terapia MIBG può essere utilizzata se le cellule tumorali maligne sono ancora presenti nel corpo dopo la chemioterapia.

Leggi di più sulle indagini

  • MRI
  • puntura lombare
  • Esame neurologico
  • perimetria

Neuroblastoma: decorso della malattia e prognosi

Nel caso del neuroblastoma, il decorso della malattia dipende principalmente dall'età dei pazienti e dallo stadio della malattia. I giovani pazienti e quelli nelle fasi iniziali della malattia hanno quindi una prognosi migliore. Circa il 75% dei pazienti con neuroblastoma sopravvive nei successivi 15 anni. Nei pazienti a basso rischio, il tasso di sopravvivenza è superiore al 95%. Dei pazienti ad alto rischio, tuttavia, solo il 30-40 per cento vive cinque anni dopo la diagnosi.

Anche se il tumore potrebbe essere completamente rimosso, ritorna in alcuni pazienti dopo un certo periodo di tempo (recidiva). La maggior parte delle recidive si verifica nei primi anni dopo la terapia. Per questo motivo, dovrebbero essere sempre effettuati controlli regolari, soprattutto durante i primi dieci anni, con esami fisici, esami di laboratorio e tecniche di imaging. neuroblastoma scoprire.

Leggi di più sulle terapie

  • craniotomia


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: