Disturbo ossessivo compulsivo

I pazienti costretti ripetutamente eseguono gli stessi rituali o sono afflitti da pensieri ossessivi. Tutto su sintomi e trattamento.

Disturbo ossessivo compulsivo

il OCD è una grave malattia mentale: i malati eseguono di nuovo gli stessi rituali o sono tormentati da pensieri preoccupanti che non possono sfuggire. Sebbene si rendano conto che le loro azioni e paure sono irrazionali, non riescono a gestire il loro modo di pensare e di agire. Non appena cercano di porre fine a loro, l'ansia e l'ansia aumentano in loro - e generano una pressione interna crescente, che non possono sopportare a lungo termine. Leggi qui come riconoscere un disturbo ossessivo-compulsivo, come si presenta e come trattarlo con successo.

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici di diagnosi medica validi a livello internazionale. Si trovano ad es. in lettere di dottore o certificati di incapacità. F42

Marian Grosser, medico

Le persone con disturbo ossessivo-compulsivo sono molto stressate se non eseguono i loro rituali. Nella terapia di esposizione, imparano a ridurre questa tensione attraverso l'assuefazione.

Descrizione del prodotto

Disturbo ossessivo compulsivo

  • descrizione

  • sintomi

  • Cause e fattori di rischio

  • Esami e diagnosi

  • trattamento

  • Decorso della malattia e prognosi

OCD: descrizione

Disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) è un grave disturbo mentale che mette a dura prova le persone colpite. Già Charles Darwin e Martin Luther hanno sofferto di un disturbo ossessivo-compulsivo. OCD include una vasta gamma di problemi comportamentali e altre caratteristiche psicologiche. Ad esempio, la persona interessata è perseguita da pensieri ossessivi o è sotto pressione per eseguire determinate azioni ripetutamente in una forma ritualizzata. Questo può essere l'obbligo di lavare secondo un determinato schema o contare le cose. Altri hanno la nozione compulsiva di commettere atti di violenza o azioni sessualmente indesiderabili.

Waschzwang

Per ulteriori informazioni sui segni e sul trattamento della compulsione al lavaggio, vedere l'articolo Washing Compulsion.

Un termine obsoleto per il disturbo ossessivo-compulsivo è la nevrosi ossessiva. La definizione di nevrosi ossessivo-compulsiva indica che le persone che sono ossessivamente nevrotiche, a differenza delle persone con psicosi, non perdono il contatto con la realtà. Sanno che i loro pensieri e azioni compulsivi sono irrazionali, ma non riescono ancora a spegnerti.

I pensieri e le azioni sono chiamati coercizione, perché quelli colpiti cercano di combatterli. La resistenza interiore di astenersi da azioni o pensieri costa molta forza e crea tensione e ansia sempre crescenti. Solo quando cedono alle costrizioni e eseguono il particolare rituale, o ottengono la conferma esterna che le loro paure e preoccupazioni sono infondate, la pressione diminuisce. Simile ai tossicodipendenti, una specie di effetto di assuefazione si verifica nel tempo: il rituale di solito diventa sempre più complesso e lungo fino a portare il tanto sperato rilassamento. I vincoli richiedono quindi sempre più tempo ed energia.

Una piccola coercizione è normale

C'è un po 'di costrizione in ogni essere umano - le idee superstiziose fanno parte di esso come rituali innocui. Quindi alcune persone altrimenti razionali sentono un leggero disagio quando firmano un importante contratto il Venerdì 13.

La transizione dal comportamento normale al disturbo ossessivo-compulsivo è fluida. Ad esempio, alcuni possono solo sentirsi obbligati a controllare se la stufa è spenta prima di andare a dormire - anche se non hanno affatto cotto. Altri, invece, devono sottoporsi a un rituale di lavaggio di diverse ore prima di poter lasciare la casa. Fondamentalmente, si ritiene che un disturbo ossessivo-compulsivo esista solo se la persona colpita soffre o è gravemente limitata nella sua vita quotidiana.

Quanti ne sono interessati?

Le persone che soffrono di disturbo ossessivo-compulsivo si vergognano spesso del loro comportamento irrazionale. La figura oscura è quindi alta. Gli esperti stimano che circa l'uno-tre per cento della popolazione sia affetto da disturbo ossessivo-compulsivo durante la loro vita. Negli uomini, si verificano restrizioni di controllo più frequenti, mentre le donne hanno maggiori probabilità di essere in condizioni di lavaggio o di pulizia. Oltre al disturbo ossessivo-compulsivo, di solito ci sono altri disturbi psicologici come la depressione o disturbi d'ansia.

controllo forzata

Come esprime un Kotrollzwang e come viene trattato, imparerai nella compulsione del controllo degli articoli.

Vincoli nei bambini

L'OCD inizia spesso nell'infanzia o nell'adolescenza. In circa la metà di quelli colpiti, i primi sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo compaiono prima dei 15 anni. I bambini e gli adolescenti spesso si sforzano di mantenere questi vincoli segreti. I ragazzi sono più colpiti rispetto alle ragazze. I vincoli poi si manifestano in maniera massiccia in crisi di vita o situazioni di conflitto. Il disturbo ossessivo compulsivo nei bambini e negli adulti è trattato come parte della terapia cognitivo-comportamentale.Se i limiti sono severi, i farmaci, in particolare gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (come la fluoxetina), possono essere utilizzati anche nei bambini.

Disturbo ossessivo-compulsivo: sintomi

La caratteristica principale del disturbo ossessivo-compulsivo è rappresentata da ossessioni ricorrenti o atti compulsivi. Spesso, questi sintomi si verificano anche insieme. I pensieri e le compulsioni ossessive creano una forte tensione interiore e sono solitamente associati all'ansia.

compulsioni

Le azioni forzate sono azioni irrazionali eseguite da coloro che ne sono affetti. Spesso si tratta di evitare una possibile disgrazia. Il contenuto delle azioni non deve essere in una relazione razionale con le paure. Ad esempio, una madre potrebbe temere che accada qualcosa di brutto ai suoi figli se dimentica di spegnere la luce. Per paura dei suoi figli, controlla costantemente l'interruttore della luce.

Le forme frequenti di comportamento compulsivo comprendono la pulizia obbligatoria e l'ordine forzato. Durante la pulizia le persone colpite devono pulire l'appartamento o gli oggetti ancora e ancora. I vincoli dell'ordine sono accompagnati da un desiderio compulsivo di uniformità e simmetria. Ad esempio, le penne sulla scrivania potrebbero dover essere esattamente parallele o le camicie dovrebbero essere piegate esattamente alle stesse dimensioni. La deviazione da questo requisito è insopportabile per le persone colpite.

Molti soffrono anche di una costrizione di numero e di ripetizioni, in cui sentono la compulsione a compiere certe azioni in una certa frequenza. Se i malati commettono un errore nei loro rituali o hanno l'impressione di non essere stati abbastanza accurati, devono ricominciare tutto da capo. A causa della crescente complessità dei rituali, un atto compulsivo può richiedere diverse ore alla volta.

Sia pensiero o costrizione forzata - la persona in questione è pienamente consapevole dell'assurdità del loro pensiero e comportamento, e si vergognano di esso. Cercano ancora e ancora di opporsi alla resistenza ai vincoli, che riesce solo a breve termine e con grande forza di applicazione.

ossessioni

I pensieri compulsivi si esprimono sotto forma di idee, idee o impulsi intrusivi. Spesso hanno contenuti violenti, sessuali o blasfemi: per ulteriori informazioni sui segni e sul trattamento dei pensieri ossessivi, vedi i pensieri post compulsivi.

OCD: cause e fattori di rischio

Come si sviluppa il disturbo ossessivo-compulsivo non è ancora chiaro. Studi condotti su famiglie e gemelli mostrano che - come con la maggior parte delle malattie mentali - c'è un onere ereditario sul DOC. Per farlo scoppiare, tuttavia, devono essere aggiunti ulteriori fattori. Questi includono, per esempio, esperienze infantili che hanno portato a una persona che è insicura e ha bisogno di un maggiore controllo. La maggior parte del disturbo ossessivo-compulsivo è preceduta da un'esperienza particolarmente stressante o da una crisi di vita. Con l'aiuto del rituale obbligatorio, la persona interessata riacquista il senso di sicurezza perso. L'incertezza esterna è compensata da una struttura interna. Ma questa sicurezza è ingannevole: se il rituale non viene eseguito, la paura ritorna con forza. A lungo termine, diventa sempre più potente - che a sua volta aumenta il disturbo ossessivo compulsivo - un circolo vizioso.

Lobo cerebrale iperattivo

È ormai noto che nelle persone con disturbo ossessivo-compulsivo, il lobo frontale del cervello è iperattivo. Tra le altre cose, controlla i cosiddetti gangli basali: si tratta di strutture cerebrali responsabili dei processi motori. Questa ipotesi è corroborata dal fatto che le persone i cui gangli basali sono affetti da tumori o lesioni alla testa spesso sviluppano disturbi ossessivo-compulsivi. Inoltre, nelle persone con DOC, l'equilibrio della serotonina nel cervello sembra essere disturbato. Molti pazienti usano farmaci che aumentano i livelli di serotonina.

influenze ambientali

In concomitanza con la personalità e le condizioni biologiche, l'educazione può contribuire allo sviluppo del disturbo ossessivo-compulsivo. I bambini che sono più ansiosi sono ulteriormente turbati dal comportamento eccessivamente protettivo dei loro genitori. Imparano dai genitori per evitare situazioni di minaccia invece di affrontarli. Anche i genitori che sono molto critici nei confronti dei bambini o che hanno pretese perfezioniste possono promuovere il DOC.

Le cause del disturbo ossessivo-compulsivo sono spesso eventi stressanti. Qualsiasi domanda eccessiva genera il desiderio di controllo. Tuttavia, quando la persona non è in grado di affrontare la situazione, i pensieri compulsivi e le compulsioni agiscono come una distrazione. D'altra parte dare ossessioni e - atti di persone che sono ansiose e un aumento del bisogno di sicurezza, hanno l'illusione di essere in grado di controllare gli eventi incontrollabili in fondo. Ad esempio, sperano di essere in grado di evitare incidenti attraverso determinati rituali.

Disturbo ossessivo-compulsivo: esami e diagnosi

Spesso, le persone colpite si vergognano delle loro compulsioni, perché le percepiscono come prive di senso. È difficile per loro confidarsi con uno psicologo o un dottore.Tuttavia, i malati devono essere consapevoli del fatto che i pensieri e le azioni dispari fanno parte di un disturbo ossessivo-compulsivo e molte persone lottano con gli stessi o simili vincoli. Soprattutto, i vincoli di solito non scompaiono di nuovo da soli. È quindi importante essere aperti e onesti con il medico o lo psicologo in modo che possa identificare e trattare il disturbo ossessivo-compulsivo.

Per la diagnosi del disturbo ossessivo-compulsivo, il terapeuta si orienta alla classificazione ICD-10 dei disturbi mentali. I seguenti criteri devono essere applicati:

  1. Coloro che ne sono affetti hanno pensieri ossessivi o comportamenti coercitivi (o entrambi) nella maggior parte dei giorni per un periodo di almeno due settimane.
  2. Le ossessioni e le azioni mostrano le seguenti caratteristiche:
  • coloro che sono colpiti sanno che i pensieri / le azioni sono personali e non sono generati da influenze esterne
  • i pensieri / azioni sono costantemente ripetuti, sono percepiti come sgradevoli e riconosciuti come esagerati o privi di senso
  • le persone colpite cercano di resistere ai pensieri o alle azioni ossessive
  • l'esecuzione dei pensieri o delle azioni compulsive li rende spiacevoli
  1. Le persone affette da disturbo ossessivo-compulsivo e l'enorme quantità di tempo che trascorrono nella loro vita professionale e sociale.

In una prima intervista, il medico o il terapeuta determineranno chiedendo se i criteri sopra riportati si applicano alla persona. Le seguenti domande potrebbero chiedere all'esperto su OCD:

  • Hai spesso pensieri spiacevoli che ti si impongono?
  • Senti una pressione interiore per eseguire determinate azioni più e più volte?
  • Pensi che questi pensieri o azioni siano privi di senso?
  • Sei preoccupato che potrebbe accadere qualcosa di brutto se non ti attivassi?
  • Hai bisogno di molto tempo per le attività quotidiane?

  • Immagine 1 di 8

    Disturbo ossessivo-compulsivo - cinque domande di debunking

    Lavarsi le mani cento volte al giorno? Incapace di calpestare recinzioni sulla passerella? Tutti i birilli, i finestrini, le auto devono contare? I disturbi ossessivo-compulsivi appaiono curiosi, ma possono essere estremamente stressanti per le persone colpite. In realtà, sono tra le malattie mentali più comuni in Germania. Leggi qui come riconosci il problema.

  • Immagine 2 di 8

    Stranezze o disturbo?

    I confini tra moda e disturbo ossessivo-compulsivo sono fluidi. Deve essere trattato solo se gravano o limitano la persona interessata. In genere, i pazienti sanno che le loro azioni o pensieri sono irrazionali, ma non li sopprimono. Ogni volta che provano, sviluppano grandi disordini, anche in una forte paura. Chiunque risponda "sì" a una qualsiasi delle seguenti domande è probabilmente disturbato positivamente.

  • Immagine 3 di 8

    Pulisci e lavi insolitamente molto?

    Le compulsioni di pulizia e lavaggio sono particolarmente comuni. Le vittime puliscono la loro casa ogni giorno o si lavano le mani dopo ogni contatto con oggetti non disinfettati. Spesso succede dopo un rituale molto specifico. Se è interrotto, il paziente deve ricominciare. La pulizia o il lavaggio possono richiedere molte ore del giorno: non c'è quasi tempo per una vita normale.

  • Immagine 4 di 8

    Senti il ​​forte bisogno di controllare certe cose?

    Senti la necessità di ricontrollare le cose che hai già recensito? Se è così, potresti essere sotto il controllo forzato. Le persone interessate controllano ancora e ancora se hanno effettivamente chiuso la stufa o bloccato la porta d'ingresso. Per alcuni, la pressione è così forte che non possono più lasciare le loro case.

  • Immagine 5 di 8

    Sei seguito da pensieri angosciosi?

    Sei tormentato da pensieri tormentosi di cui non riescono a liberarsi? Ad esempio, segui l'idea che qualcosa potrebbe accadere ai tuoi cari e continuare a chiamarli. Altri hanno paura di ferire o di aggredire sessualmente qualcuno. Le persone con pensieri ossessivi meditabondi ruotano all'infinito intorno a una situazione irrisolta nella Zählzwang viene conteggiato senza fine di sfuggire ai pensieri spiacevoli.

  • Immagine 6 di 8

    Hai bisogno di molto tempo per le attività quotidiane?

    Le persone compulsive spingono le loro vite in un corsetto rigido. Che si tratti di pulitura di stufe o di letti - eseguono i loro compiti secondo uno schema rigido e autoimposto. Sono estremamente meticolosi e controllano il risultato ancora e ancora. Tutto ciò richiede molto tempo. Se questo è finito, probabilmente c'è un disturbo ossessivo-compulsivo.

  • Immagine 7 di 8

    L'ordine e la simmetria giocano un ruolo centrale per te?

    Le persone con vincoli normativi hanno un desiderio compulsivo di uniformità e simmetria. Poiché i perni sulla scrivania devono, in alcuni pazienti essere disposti esattamente parallela, il colore vestiti ordinati, e sono ripiegate esattamente la stessa dimensione o cibo per essere riposto per un particolare sistema. Se l'ordine è disturbato, è insopportabile per le persone colpite.

  • Immagine 8 di 8

    OCD può essere superato!

    Il DOC può essere trattato con la terapia comportamentale cognitiva.Come parte di un cosiddetto esposizione interessato una situazione scatenante forzata espone senza interruzione attraverso l'atto compulsivo. L'esperienza che l'ansia e l'ansia svaniscono di nuovo da sola è un'esperienza cruciale che aiuta a superare la compulsione. Prima il trattamento, maggiori sono le possibilità di successo.

Disturbo ossessivo-compulsivo: trattamento

I migliori risultati del trattamento mostrano la terapia cognitivo comportamentale. Il terapeuta discute la procedura concreta con il paziente all'inizio della terapia. Un metodo nella terapia cognitivo comportamentale è esercizi di esposizione che sono considerati particolarmente efficaci. In questi esercizi, il paziente si confronta con lo stimolo che normalmente innesca il suo comportamento compulsivo senza permettergli di cedere alla pressione interiore. Ad esempio, qualcuno che ha un ordine forzato deve portare disordine nel suo guardaroba e non essere autorizzato a ordinare i vestiti. L'esposizione può essere effettuata in modo tale che le difficoltà vengano aumentate di volta in volta o che la persona interessata si trovi di fronte alla sua più grande ansietà all'inizio della terapia.

Mentre la voglia di seguire il solito rituale sembra inizialmente opprimente, il paziente sperimenta come la pressione lentamente si abbassi, anche senza arrendersi alla compulsione. Attraverso questa esperienza cosciente, riprende un certo controllo sul suo comportamento. Tuttavia, all'inizio della terapia OCD, potrebbero essere necessarie diverse ore prima che appaia questo effetto.

Per superare i pensieri ossessivi, i pazienti sono incoraggiati a permettere pensieri spiacevoli. Perché sopprimere le cause si verificano più frequentemente. Se le persone coinvolte vengono coinvolte e affrontano direttamente i pensieri, possono sconfiggere i loro vincoli.

Inoltre, il terapista comportamentale spiega al paziente come nascono i vincoli e li aiuta a cambiare i modelli mentali sfavorevoli. I metodi di supporto comprendono la riduzione dello stress, come l'allenamento autogeno, il rilassamento muscolare progressivo o l'allenamento di consapevolezza.

OCD: farmaci

Un'ampia percentuale di coloro che soffrono di disturbo compulsivo beneficiano dei cosiddetti inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) - un gruppo speciale di antidepressivi. Di solito hanno bisogno di essere dosati molto più in alto rispetto al trattamento della depressione. L'ingestione riduce la tensione interiore nella maggior parte dei malati. I sintomi ossessivo-compulsivi diminuiscono, ma di solito non scompaiono completamente e ritornano sempre più dopo la sospensione del farmaco. Pertanto è sempre raccomandata una terapia comportamentale cognitiva di accompagnamento.

Suggerimenti per i parenti

Il disturbo ossessivo-compulsivo non è solo un peso per il paziente, ma anche per tutti coloro che vivono con esso. Le azioni ossessive che richiedono tempo sono anche a carico del partner e della famiglia. A volte viene persino richiesto di sottomettersi alla coercizione, ad esempio rispettando regole esagerate di igiene.

I seguenti suggerimenti possono aiutare a far fronte alla difficile situazione:

  • Il rituale forzato può essere controllato dal paziente volontariamente solo limitato e con grande forza. La chiamata a riprendersi o le discussioni sull'inutilità di farlo non aiuta. L'unica cosa veramente utile è una terapia.
  • Incoraggia i tuoi familiari a cercare un aiuto terapeutico.
  • Non sostenere il tuo parente malato nel suo rituale. Ad esempio, non aiutarlo a controllare tutti gli elettrodomestici o contare le cose per lui prima di uscire di casa per rassicurarlo. A lungo termine si stabilizza solo il comportamento ossessivo.
  • Lodalo per il progresso, ma non criticarlo se i sintomi aumentano di nuovo, ad esempio quando la persona è sotto pressione. Tali variazioni nella gravità dei sintomi sono normali.
  • Non lasciare che la coercizione della tua amata ti confisca. Continua a seguire i tuoi hobby, stringi amicizia e cerca di fare qualcosa con la persona con il paraplegico più che puoi.
  • Dai alla tua diseredata amata un chiaro limite a ciò che sei disposto ad accettare e cosa no.
  • Se a volte sei innervosito e arrabbiato - e questo è inevitabile - chiarisci che questo è legato ai sintomi e non ai tuoi cari.

OCD: progressione della malattia e prognosi

Il disturbo ossessivo compulsivo di solito è cronico Sotto stress, i sintomi peggiorano. Tuttavia, con lo stato attuale della psicoterapia e alcuni farmaci, le probabilità di migliorare i sintomi sono aumentate in modo significativo. Una prognosi peggiore, sofferenti che soffrono anche di depressione.

In passato, il disturbo ossessivo-compulsivo era considerato a malapena curabile. Nel frattempo, i sintomi possono essere generalmente ridotti a un livello accettabile. Prima inizia la terapia, migliore è la prognosi.

Studi a lungo termine hanno dimostrato che la condizione di circa due terzi dei pazienti trattati è ancora migliorata o notevolmente migliorata rispetto a prima, anche da due a sei anni dopo la fine del trattamento. Una cura completa di Disturbo ossessivo compulsivo è molto raro


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: