Racconti infermieristici per l'allattamento al seno - che cos'è?

Le neomamme spesso non sono facili: i compagni umani ben intenzionati e le innumerevoli guide sono piene di consigli su come prendersi cura di un bambino. Soprattutto sul tema dell'allattamento al seno molti consigli, di cui, tuttavia, alcuni risultano più accurati come Ammenmärchen. NetDoktor ha invitato le ostetriche e i consulenti per l'allattamento al "Märchenstunde" e ha chiesto chiarimenti.

Racconti infermieristici per l'allattamento al seno - che cos'è?

Le neomamme spesso non sono facili: i compagni umani ben intenzionati e le innumerevoli guide sono piene di consigli su come prendersi cura di un bambino. Soprattutto sul tema dell'allattamento al seno molti consigli, di cui, tuttavia, alcuni risultano più accurati come Ammenmärchen. The-Health-Site ha invitato le ostetriche e i consulenti per l'allattamento al "Märchenstunde" e ha chiesto chiarimenti.

Mito 1: "Le madri che allattano devono bere molto"

Racconti infermieristici per l'allattamento al seno - che cos'è?

Più una donna beve, più latte materno dovrebbe produrre il seno. Ciò che sembra logico è ancora sbagliato. "Non è necessario bere più del solito per produrre più latte o mantenere la produzione di latte", afferma Jasmin Kraftzig, consulente ostetrica e infermieristica e dell'allattamento. "La produzione di latte inizia già dalla sedicesima settimana di gravidanza ed è stimolata dall'interazione tra gravidanza e ormoni che allattano al seno. Dopo la nascita, la produzione dell'ormone che forma il latte (prolattina) viene potenziata succhiando il seno del bambino.

Più frequentemente il bambino viene allattato al seno, migliore sarà la produzione di latte. "È importante che le donne che allattano prestino attenzione a una buona condizione generale. Oltre ad altri fattori come una dieta equilibrata, questo contribuisce anche ad una sufficiente idratazione. Gli esperti raccomandano l'allattamento al seno le donne prendono due a due litri e mezzo di liquidi al giorno, per esempio, liscia o gassata acqua minerale e poveri tisane e frutta non zuccherati. "Speciale allattamento al seno o succhi di frutta non sono necessari perché la loro efficacia è molto improbabile", ha detto Kraftzig.
Altri fattori che potrebbero contribuire a un successo dell'allattamento al seno includono un sacco di contatto con la pelle tra madre e bambino, l'applicazione corretta per evitare il dolore e lo svuotamento completo del latte esistente. Kraftzig: "Inoltre, un'atmosfera armoniosa e rilassata è importante perché lo stress può inibire la produzione di latte".
Jasmin Kraftzig, ostetrica, infermieristica e consulente per l'allattamento IBCLC

Mito 2: "Le madri che allattano non possono mangiare molto"

Racconti infermieristici per l'allattamento al seno - che cos'è?

Niente gonfiore, niente acuto, niente agrumi? In modo che il bambino non ottiene gonfiore, dolore addominale, mal di un fondo o anche allergie, le madri che allattano sono spesso consigliato nelle loro restrizioni dietetiche. Tuttavia, questo non è necessario. "Anche nei neonati gravidanza imparare le abitudini alimentari delle loro madri sanno", ha detto Sandra Deissmann l'Associazione professionale di allattamento consulenti tedeschi IBCLC e.V. "A proposito del liquido amniotico da cui i bambini bevono, essi potranno acquisire familiarità con la varietà della propria cucina della famiglia. Nel latte materno, questo gusto familiare è persino riconosciuto, ben tollerato e preferito dai bambini ".

Ciò è stato dimostrato anche da esperienze di altre culture. "I bambini indiani sono abituati alla dieta estremamente piccante delle loro madri", afferma Deissmann. "E i bambini delle famiglie che mangiano un sacco di aglio preferiscono il latte aromatizzato all'aglio". Così, i bambini imparano a tollerare la dieta della madre durante la gravidanza.

Pertanto, il consiglio dell'esperto è: "Le madri che allattano dovrebbero seguire una dieta equilibrata e variata. Anche se il bambino è a maggior rischio di sviluppare allergie, la madre non può impedirlo eliminando potenziali allergie nella sua dieta. Anzi, al contrario: un menu versatile della madre sembra la tolleranza del bambino per gli allergeni che vengono assorbiti attraverso il latte materno in piccole quantità per aumentare "E un altro consiglio:". Alimenti crudi provenienti da animali come il latte crudo, carne, pesce o uova, dovrebbe essere rinunciato durante la gravidanza, può essere mangiato di nuovo in allattamento. "
Sandra Deissmann, l'allattamento al seno e l'allattamento consulente IBCLC, Health & Children infermiera, membro del consiglio della Associazione professionale del tedesco consulenti per l'allattamento IBCLC e.V.

Come riconoscere una situazione di emergenza e fornire il primo soccorso.

Mito 3: "I capezzoli irritati sono normali e inevitabili"

Racconti infermieristici per l'allattamento al seno - che cos'è?

Se un bambino succhia i capezzoli materni ogni poche ore, non c'è da stupirsi che la pelle sensibile sia presto dolorante, giusto? "No, non è vero", contraddice l'ostetrica Regine Gresens. "Capezzoli dolenti sono l'inizio della lattazione Anche se comune, ma è per questo che sono ancora lungi dall'essere normale." Solo perché al giorno d'oggi così tante nuove mamme sono interessati ci si aspetta il dolore e capezzoli irritati durante l'allattamento e considerati come inevitabile.

Nella stragrande maggioranza dei casi, la causa dei capezzoli dolenti è una posizione di allattamento e una tecnica di applicazione sfavorevoli. "Gli unguenti, le creme e altri rimedi sono spesso inadeguati, poiché trattano solo il sintomo ma non la causa.Nella maggior parte dei casi il bambino ha catturato con la sua bocca non è sufficiente al seno in modo che il capezzolo non è profonda in bocca posteriori ", ha detto Gresens.

Prerequisito per capezzoli davvero guarire o non si presentano, quindi la corretta applicazione del bambino durante l'allattamento: Se il vostro bambino succhia destra sul petto, si rende conto del fatto che la sua bocca è spalancata ( "bocca piena di seno") Le sue labbra sono rivolte verso l'esterno e il suo mento tocca il suo petto. Inoltre, il naso del bambino è quindi vicino al petto e le guance non sono alimentati con aspirazione, ma alcuni - che non ci sono fossette visibili.

Se i bambini vengono sistemati correttamente in questo modo, i capezzoli non sono di solito un problema. Se è così, le donne dovrebbero cercare aiuto qualificato il prima possibile. "Prima lo fai, più velocemente puoi risolvere il problema sottostante e prima puoi iniziare a goderti l'allattamento al seno", afferma Gresens.
Regine Gresens, ostetrica, infermieristica e consulente per l'allattamento IBCLC, Terapia alternativa per la psicoterapia (HPG)

Mito 4: "L'allattamento al seno porta a sovrappeso nei bambini"

Racconti infermieristici per l'allattamento al seno - che cos'è?

Non allattare al seno, puoi facilmente sovralimentare il bambino e diventa troppo grasso, alcune madri hanno paura. L'ostetrica Jana Friedrich dà il tutto chiaro: "No, l'allattamento al seno non porta a sovrappeso nei bambini". Ciò è confermato anche da studi scientifici. "Nel 1999, il più grande studio fino ad oggi ha riguardato l'allattamento e le abitudini di nutrizione infantile associate all'obesità", afferma Friedrich. "Il risultato: i bambini allattati al seno avevano meno probabilità di essere sovrappeso all'età di 5-6 anni. E: più lunga è la durata dell'allattamento al seno, meno spesso il sovrappeso. "

Quando si tratta di bambini e obesità, è anche necessario porsi la domanda: quando un bambino è troppo grasso? "Le curve di crescita (percentili), che usiamo ancora la maggior parte oggi, sulla base di informazioni da bambini che non sono stati allattati al seno di maggioranza", dice Friedrich. "Inoltre, i bambini oggi sono più pesanti dalla nascita di 50 anni fa." Questo a volte porta all'irritazione. Un altro punto importante per l'ostetrica in questo contesto è: "I bambini sono bambini - e non i modelli!" La parola bambino grasso non è una coincidenza. "I bambini sono ammessi, no, dovrebbero avere queste riserve extra. Queste sono una misura precauzionale per i tempi difficili. "Nell'età della pietra, queste erano reali carenze. "Oggi, il bambino grasso come riserva per malattia o Zahnungszeiten o semplicemente per periodi di una crescita particolarmente forte o grande voglia di muoversi è" le levatrici. Per inciso, questo vale sia per i bambini allattati al seno che per quelli alimentati artificialmente.
Jana Friedrich, levatrice e blogger

  • Immagine 1 di 8

    Vaccinare o no? Il fatto controlla

    In Germania, è un favorito perenne - la discussione sui benefici e sui rischi delle vaccinazioni. Pochi problemi di salute si combattono con tanta passione come quella Sekundenpiks, che è quello di preparare il sistema immunitario a lungo termine contro l'attacco di virus potenzialmente letali. Ma ciò che è veramente la verità negli argomenti degli avversari della vaccinazione - e che parla per il booster immuni da laboratorio? Abbiamo compilato i punti più importanti.

  • Immagine 2 di 8

    migliore sistema immunitario?

    bambini non vaccinati hanno un sistema immunitario meglio addestrati, gli avversari della vaccinazione dire. Ma si dimentica che i vaccini danno gli stessi segnali di allarme per le cellule immunitarie del corpo, come ad esempio i virus che causano malattie. ma non sono infettivi. Dal momento che i vaccini sono anche molto speciale, e il sistema immunitario dei bambini vaccinati che vengono ogni giorno con migliaia di altri agenti patogeni in contatto contro cui si deve difendere da sola.

  • Immagine 3 di 8

    Un tempo era senza!

    "Lucky" si potrebbe dire sempre andare infezioni con i cosiddetti dentizione buon modo comprendono infezioni polmonari o infiammazione del cervello e meningi complicanze frequenti del morbillo e:... I giovani possono ad esempio essere infertile a causa di parotite modo gli adulti non vaccinati sono. Pericolo speciale per i bambini: i cosiddetti Impflücken sono spesso responsabili del fatto che le epidemie possono improvvisamente diffondersi di nuovo.

  • Immagine 4 di 8

    Rischio evitabile?

    In effetti, le vaccinazioni significano anche stress per l'organismo infantile molto giovane. Ma alcune infezioni - come il morbillo, la pertosse o l'Haemophilus influenzae - significano per loro un rischio particolarmente elevato. La protezione anticipata può essere salvavita. Per inciso, non ci sono prove che i bambini sono meno tollerabili rispetto ai bambini più grandi.

  • Immagine 5 di 8

    Le vaccinazioni ti fanno star male

    Molti vaccini consistono in attenuati (ad esempio il vaccino contro il morbillo) o virus uccisi. In questo modo, il sistema immunitario viene stimolato - la reazione di difesa si manifesta spesso in sintomi di malattia più o meno pronunciati. Il fatto che i vaccini effettivamente si ammalino, tuttavia, è estremamente raro nei preparativi moderni.

  • Immagine 6 di 8

    Più allergie?

    Che le vaccinazioni promuovano lo sviluppo di allergie sembra essere supportata anche da alcuni studi.Ma la prova di un nesso effettivo è difficile perché molti genitori di Impfgegnern da un atteggiamento più critico, quali l'alimentazione, allo stesso tempo mantenere altri fattori potenzialmente allergenici dei loro figli. D'altra parte, nell'ex RDT, dove era richiesta la vaccinazione, pochissimi bambini soffrivano di allergie.

  • Immagine 7 di 8

    Additivi pericolosi

    In effetti, alcuni vaccini contengono formaldeide, alluminio, mercurio o altre sostanze potenzialmente tossiche per preservare o migliorare i loro effetti. Tuttavia, in concentrazioni estremamente basse e sotto limiti tossici definiti. Tuttavia, l'industria ha risposto alla discussione e ora ha sviluppato vaccini privi di mercurio.

  • Immagine 8 di 8

    Antibiotici invece di vaccinazione?

    Molte malattie sono più facili da trattare con le medicine moderne rispetto a 30 o 40 anni fa. Contro i virus, gli antibiotici non sono efficaci, tuttavia - si possono combattere solo quei batteri che sfruttano i cosiddetti opportunisti la debolezza del sistema immunitario e causare complicazioni a morbillo e Co.. E in alcuni batteri, come la causa della meningite tetanica o della pertosse, gli antibiotici difficilmente.

Mito 5: "Le donne con le verruche piane o cave non possono allattare"

Racconti infermieristici per l'allattamento al seno - che cos'è?

La donna non ha capezzoli "normali", ma verruche piane o vuote, il bambino non può succhiarlo correttamente, avvertire alcuni esperti di allattamento al seno che si auto-proclamano. Tuttavia, le madri non dovrebbero essere confuse da tali affermazioni. "I capezzoli piatti e capovolti possono causare problemi durante l'allattamento, ma questo non deve essere necessariamente il caso", afferma Angela Schickhoff, consulente per l'allattamento al seno. "E quando si verificano tali problemi, possono essere superati nella stragrande maggioranza dei casi".

Nelle verruche piane e cave, il capezzolo si solleva poco o nulla dall'areola. "Le verruche piane possono essere facendo pressione con il dito indice e il pollice sul Warzenhofaußenrand o dalla stimolazione, ma portare fuori, quindi non c'è spesso problemi di allattamento", spiega Schickhoff. Si potrebbe anche stimolare la verruche piane prima di allattamento al seno, in modo che sia il caso di hervortreten.Anders capezzoli invertiti (capezzoli invertiti): Non dipendere anche con la pressione delle dita dietro l'areola o la stimolazione, ma si ritirano per l'areola, in modo che il bambino l'aspirazione è difficile. La punta del consulente in allattamento: "In capezzoli invertiti reali, può avere senso di tirare fuori prima di alimentare la verruca, ad esempio da una pompa, in modo che il bambino in grado di rilevare il seno meglio."

A volte aiuti sono raccomandati come paracapezzoli (per facilitare il posizionamento del bambino) o schermi speciali (con i capezzoli ex) che possono essere inseriti già nella gravidanza nel reggiseno e per favorire l'emergere di capezzoli. "Tuttavia, di solito puoi allattare correttamente anche senza il loro uso", afferma Schickhoff. Coloro che vogliono ancora utilizzare tali aiuti per l'allattamento al seno, devono essere attentamente informati da un'ostetrica sulla corretta applicazione e sui vari vantaggi e svantaggi. Particolare attenzione deve essere rivolta alla corretta pulizia e disinfezione, al fine di evitare infezioni nella madre e nel bambino.
Angela Schickhoff, consulente per l'allattamento al seno AFS

Mito 6: "Il latte materno non è più nutriente dopo il 6° mese"

Racconti infermieristici per l'allattamento al seno - che cos'è?

Dal sesto mese di vita, il latte materno non è più ciò di cui ha bisogno il bambino in crescita, molte madri temono. Una preoccupazione completamente infondata calma "La Leche League Germany e.V.". L'organizzazione senza scopo di lucro consiglia le donne su tutte le questioni importanti riguardanti l'allattamento al seno. Lei sa: nella seconda metà dell'anno per il bambino in crescita, il latte materno rimarrà il cibo più prezioso in aggiunta ai cibi complementari. Perché ha un contenuto calorico e nutritivo superiore rispetto a molti altri alimenti. "Non lasciarti ingannare dalla consistenza liquida", dice la Leche League. "Il latte materno ha un contenuto energetico di circa 68 chilocalorie per 100 millilitri e saturi e dopo il sesto mese di vita." In confronto, la carota bollita si riduce a circa 27 chilocalorie per 100 millilitri, 100 grammi di mela su circa 52 chilocalorie.

Particolarmente importante: la proporzione di sostanze immunitarie nel latte materno aumenta in realtà dopo sei e dodici mesi dopo l'allattamento. Una protezione importante per il bambino. "Non preoccuparti, quindi, se un bambino continua a essere allattato con la dieta complementare", affermano gli esperti di stile della Leche League. Anche se i soliti integratori alimentari potrebbero suggerire questo: il bambino non rinuncia al suo prezioso latte materno quando inizia a conoscere il nuovo cibo. Questo lo aiuta anche con la digestione di cibo non familiare.
Susanne Wittmair, autrice e consulente per l'allattamento al seno, La Leche Liga Germany e.V.

Altre domande? Qui troverai aiuto!

Se hai ulteriori domande sui miti sull'allattamento o hai bisogno di aiuto per uno specifico problema di allattamento al seno, dovresti contattare un'ostetrica o un consulente per l'allattamento al seno ben addestrato. Quest'ultimo può essere riconosciuto con il nome IBCLC.L'abbreviazione sta per "International Board Certified Lactation Consultant" e garantisce una lunga e intensa formazione supplementare come consulente per l'allattamento e la regolare partecipazione all'istruzione superiore.

Tuttavia, le ostetriche e i consulenti per l'allattamento al seno non solo hanno esperienza specialistica, ma forniscono anche supporto mentale. Ecco perché sono importanti confidenti e compagni per le madri - e anche per i padri e i bambini.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: