Pet

La tomografia a emissione di positroni (pet) può visualizzare i processi metabolici nel corpo. È particolarmente importante nella diagnostica del cancro. Leggi di più!

Pet

il Positron Emission Tomography (breve: PET) è un metodo di esame di immagini, con cui i processi metabolici nel corpo sono resi visibili. A questo scopo, le sostanze importanti sono marcate radioattivamente per il metabolismo. Particolare importanza è attribuita alla tomografia ad emissione di positroni nella diagnostica oncologica. Leggi tutto sulla linea di principio, il processo e la validità del processo e imparano cosa cercare come un paziente!

Descrizione del prodotto

PET

  • Cos'è una tomografia ad emissione di positroni?

  • Quando esegui una tomografia a emissione di positroni?

  • Cosa fai con la tomografia ad emissione di positroni?

  • Quali sono i rischi della tomografia ad emissione di positroni?

  • A cosa dovrei prestare attenzione dopo la tomografia ad emissione di positroni?

Cos'è una tomografia ad emissione di positroni?

La tomografia ad emissione di positroni è un cosiddetto studio di imaging di medicina nucleare. Con il loro aiuto, i processi metabolici in diverse parti del corpo possono essere visualizzati. Ciò avviene tramite marcatori radioattivi, che vengono somministrati al paziente, ad esempio tramite una siringa.

La PET non è uno screening o un check-up. Viene utilizzato solo come supplemento, ad esempio se altri metodi diagnostici non sono sufficientemente istruttivi.

Quando esegui una tomografia a emissione di positroni?

Il tessuto tumorale di solito ha un metabolismo diverso rispetto alle cellule sane. Questo viene fatto per il vantaggio PET: Perché sostanze radioattivi in ​​celle diverse si accumulano in misura diversa, il medico può utilizzare il PET tra tessuto sano distinguere lesioni benigne (tumori benigni, cicatrici, aderenze) e il cancro. Nelle seguenti malattie, ad esempio, il PET viene utilizzato per la diagnostica, ma anche per il follow-up:

  • Carcinoma polmonare e bronchiale
  • Tumori del tratto gastrointestinale (per esempio, il carcinoma gastrico, carcinoma esofageo o)
  • Tumori in ginecologia (mammella, ovarica, cervicale e altro)
  • carcinoma tiroideo
  • linfoma
  • il cancro della pelle
  • il cancro alla prostata
  • I tumori cerebrali

Anche se i tumori secondari (metastasi) di un tumore precedentemente sconosciuto stati scoperti, il medico può utilizzare la tomografia ad emissione di positroni per rilevare il cancro e originale per scoprire il tumore primario.

Dove viene ancora utilizzata la tomografia ad emissione di positroni?

Oltre al ruolo importante della tomografia ad emissione di positroni nella diagnosi di tumori, è utilizzato anche per lo studio dell'infiammazione (es infezione dei vasi sanguigni o protesi). Inoltre, alcuni cambiamenti neurologici possono essere visti, come la demenza o l'epilessia. In cardiologia può essere con l'inchiesta aree scarsamente diffusi del ritrovamento muscolo cardiaco: Il medico utilizza, ad esempio, per verificare la presenza di un'operazione di bypass del flusso di sangue sufficiente per il cuore.

Per queste malattie, l'esame è importante

  • Alzheimer
  • cancro al colon
  • demenza
  • Il cancro ovarico
  • tumore al cervello
  • cancro al polmone
  • cancro allo stomaco
  • polipi gastrici
  • tiroide

Cosa fai con la tomografia ad emissione di positroni?

Prima della tomografia ad emissione di positroni, il medico inietta al paziente una sostanza debolmente radiante (etichetta o tracciante proposta) in una vena, per esempio il braccio. La sostanza si diffonde entro la prossima ora nel corpo. Durante questo tempo, il paziente deve essere calmo e rilassato: Con i movimenti di lingua o più grandi muscoli sono in realtà ha sostenuto sempre il loro metabolismo è stimolato - che può portare a risultati non corretti in PET.

Se la sostanza radioattiva nel corpo è stata sufficientemente distribuita, inizia l'indagine vera e propria. Per questo, si guida il paziente simile a una TAC su un letto mobile da un dispositivo di registrazione che la radiazione in diverse parti delle misure del corpo. Ancora una volta, è importante che il paziente si mantenga il più silenzioso possibile. Solo allora può emergere un'immagine nitida, che il medico può giudicare. A seconda della regione del corpo, l'esame dura una o due ore. Il paziente continuerà ad essere servita durante questo periodo di un assistente medico-tecnico o medico e può entrare in contatto in qualsiasi momento se si sente a disagio

Combinazione PET / CT: che cos'è?

Il cosiddetto PET / CT è un metodo di esame, in cui la tomografia ad emissione di positroni è combinato con una tomografia computerizzata. Il paziente non deve passare attraverso due indagini differenti uno ad uno dal dispositivo di registrazione misura il marcatore radioattivo di PET e disegna simultaneamente immagini CT del corpo.

Così il medico arriva a un informazioni sull'attività metabolica della regione di corpo in esame e le altre immagini dettagliate delle strutture anatomiche. La procedura combinata segue la stessa procedura della tomografia ad emissione di positroni.Il paziente riceve solo per alcune domande, un mezzo di contrasto, che può anche essere iniettato tramite una vena.

Maggiori informazioni sui sintomi

  • offuscamento della vista
  • Sangue nelle feci
  • mal di pancia
  • ecolalia
  • disturbi dell'andatura
  • incontinenza
  • perdita di peso
  • vertigini
  • ptosi
  • versamento pleurico

Quali sono i rischi della tomografia ad emissione di positroni?

La tomografia a emissione di positroni utilizza marcatori radioattivi. Pertanto, molti pazienti hanno paura dell'esposizione alle radiazioni a cui sono esposti durante la procedura. L'esposizione alle radiazioni nel PET, tuttavia, è solo circa due o tre volte superiore a quella che gli esseri umani assorbono in media ogni anno attraverso la radioattività naturale dell'ambiente. Inoltre, poiché i marker radioattivi vengono somministrati solo in piccole quantità ed espulsi rapidamente, il rischio di danni a lungo termine causati dall'uso strasbic è benefico per il paziente!

Gli esami combinati PET / TC comportano una maggiore esposizione alle radiazioni poiché il paziente è esposto sia alla radiazione PET che alla tomografia computerizzata. Pertanto, questo esame viene effettuato solo dopo un'attenta considerazione.

La tomografia ad emissione di positroni può essere eseguita durante la gravidanza?

Finora, non ci sono prove che l'indagine danneggi il nascituro, ma non è stato possibile escluderlo completamente. Pertanto, il medico esegue una PET solo in donne in gravidanza se non esiste un'alternativa a questo esame.

Lo stesso vale per l'allattamento al seno perché il marker radioattivo passa nel latte materno. Se un paziente che allatta al seno deve sottoporsi a tomografia a emissione di positroni, il medico le dirà a che ora dopo l'esame potrebbe allattare nuovamente.

A cosa dovrei prestare attenzione dopo la tomografia ad emissione di positroni?

Dopo l'esame dovresti bere il più possibile, preferibilmente acqua o tè. Quindi aiuti il ​​rene, le sostanze dei marcatori radioattivi si espellono più velocemente. Poiché le sostanze nel corpo sono rapidamente degradate, di solito non c'è esposizione alle radiazioni per gli altri.

Un'eccezione sono le donne in gravidanza, i neonati oi bambini piccoli: poiché non si può escludere che siano permanentemente danneggiati dall'esposizione alle radiazioni, è necessario mantenere almeno una mezza giornata di riposo (ad esempio, non portare i bambini sulle ginocchia). Se sei incinta o allatta nel tuo ambiente circostante, chiedi al tuo medico come affrontare al meglio questa situazione e per quanto tempo dopo averla Positron Emission Tomography evitare il contatto ravvicinato.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: