La febbre ghiandolare di pfeiffer (mononucleosi)

La febbre ghiandolare di pfeiffer è un'infezione infettiva del virus eppstein-barr. Maggiori informazioni su sintomi, cause e terapia della dissenteria ghiandolare.

La febbre ghiandolare di pfeiffer (mononucleosi)

Sinonimi

Mononucleosi, malattia bacio, malattia baciante, malattia di Pfeiffer

definizione

La febbre ghiandolare di Pfeiffer

febbre ghiandolare è anche mononucleosi infettiva (popolarmente conosciuta come "malattia bacio" o in inglese. malattia del bacio) chiamata. È un'infezione acuta con il virus Eppstein-Barr, che appartiene al gruppo di herpesvirus. La malattia di solito si manifesta solo quando il primo contatto salivare con il virus si è verificato nell'adolescenza o nella prima età adulta. Nell'infanzia, un'infezione solitamente funziona senza disagio.

complicazioni

Una temuta complicazione della febbre ghiandolare di Pfeiffer è la miocardite. Inoltre, è pensabile una stecca. L'infezione da virus Epstein-Barr continua ad essere un fattore di rischio per lo sviluppo di alcuni tipi di cancro. Questi includono principalmente carcinoma nasofaringeo, linfoma di Burkitt e il morbo di Hodgkin.

sintomi

La febbre ghiandolare di Pfeiffer inizia con sintomi simil-influenzali e stanchezza. Poi arriva alla febbre. Spesso, i linfonodi si gonfiano di piselli o ciliegio dimensioni e indolore nella zona del collo e della nuca, a volte sotto l'ascella o all'inguine. Una tonsillite che accompagna spesso provoca grave mal di gola. Spesso si può avvertire una milza ingrossata, più raramente un fegato gonfio. Nel sangue sono note le cosiddette cellule linfoidi. In casi molto gravi possono verificarsi complicanze quali lacrime spleniche, gravi difficoltà respiratorie o meningite.

La maggior parte dei reclami si risolve dopo circa tre settimane. Il decorso della febbre ghiandolare di Pfeiffer si prolunga a volte per lunghi periodi di tempo. Non di rado, i sintomi durano per un anno o più.

Altri sintomi a colpo d'occhio

  • mal di testa
  • anoressia
  • brividi
  • nausea
  • sudorazioni notturne
  • eruzione
  • vertigini
  • Sbalzi d'umore e depressione.

cause

La causa della febbre ghiandolare di Pfeiffer è un'infezione del cosiddetto virus Epstein-Barr del gruppo di herpesvirus. Il virus viene solitamente trasmesso dalla bocca alla bocca, ad esempio da baci, da vasche condivise o da spazzolini da denti. Come tutti i virus herpes anche rimanere virus di Epstein-Barr per la vita nel corpo e può essere riattivato ancora e ancora. Questo è particolarmente temuto nei sistemi immunitari indeboliti.

trattamento

Il trattamento della febbre ghiandolare di Pfeiffer assomiglia a quella di un'influenza o di un raffreddore. Si tratta quindi principalmente di alleviare i sintomi simili al freddo. Non esiste una terapia specifica o un vaccino contro la febbre ghiandolare di Pfeiffer.

Nei casi gravi, la febbre ghiandolare cerebellare può talvolta richiedere una terapia cortisonica. La terapia antibiotica, tuttavia, è raramente raccomandata. E se, quindi, non dovrebbe mai essere dato farmaci come ampicillina o amoxicillina. Questo può portare a reazioni cutanee estremamente gravi. Nelle curve gravi, la somministrazione di farmaci virus inibendo come ganciclovir o aciclovir è concepibile. Una lacrima splenica richiede un intervento immediato.

auto-aiuto

Con la febbre ghiandolare di Pfeifferschem puoi tranquillamente ricorrere ai rimedi domestici provati. Troverete informazioni dettagliate nelle guide su raffreddori, tosse, febbre e naso che cola.

In ogni caso, dovresti mantenere un riposo a letto stretto per dare al corpo il potere necessario per combattere il virus. Dormi il meglio e rimani in salute. A causa del rischio di rottura della milza non è difficile sollevare per due mesi.

prevenzione

Per prevenire la febbre ghiandolare, evitare il contatto ravvicinato con persone ammalate (senza baci) e, ad esempio, non usare i piatti della persona malata.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: