Psicosi: anche le sigarette normali aumentano il rischio

Non solo il consumo di cannabis può favorire l'insorgere della psicosi. Anche le sigarette normali sembrano aumentare il rischio per i giovani fumatori. In una persona che soffre di psicosi soffre di allucinazioni o delusioni. Da tempo è stato dimostrato che l'uso della cannabis può favorire l'insorgere della psicosi.

Psicosi: anche le sigarette normali aumentano il rischio

Non solo il consumo di cannabis può favorire l'insorgere della psicosi. Anche le sigarette normali sembrano aumentare il rischio per i giovani fumatori.

In una persona che soffre di psicosi soffre di allucinazioni o delusioni. Da tempo è stato dimostrato che l'uso della cannabis può favorire l'insorgere della psicosi. Ora si scopre che anche le sigarette normali aumentano il rischio per i giovani fumatori.

"Il fumo giornaliero elevato di sigarette è un fattore di rischio indipendente per la psicosi", afferma Jouko Miettunen, professore di Epidemiologia clinica, Centro di ricerca sulla salute del corso per la vita, Università di Oulu, Finlandia. Particolarmente alto è il rischio se il giovane ha iniziato la carriera di fumare in anticipo.

Triplice rischio per i forti fumatori

Gli adolescenti che fumavano più di dieci sigarette al giorno si ammalarono tre volte più spesso dei non fumatori tra i partecipanti nei successivi 15 anni. In questa valutazione del rischio, i ricercatori avevano già preso in considerazione possibili fattori psicotici come la droga e il consumo di alcol, i segni psicotici esistenti, una storia familiare con psicosi.

Prima è l'ingresso, il più rischioso

Anche chi ha iniziato a fumare all'età di 13 anni, ha sviluppato un episodio piuttosto delirante: il 5,5% di loro è diventato psicotico. Di quelli che hanno iniziato a fumare in seguito, era il 2,8%.

Tra il 2001 e il 2002, gli scienziati hanno intervistato oltre 9.000 giovani. Tra l'altro, i bambini dai 15 ai 16 anni avevano fornito informazioni sul loro consumo di sigarette, droghe e alcol. Ha mostrato che il 12% di loro fumava già giornalmente. Inoltre, un questionario speciale ha identificato la presenza di primi segni di psicosi.

Con circa 6.000 partecipanti, i ricercatori sono stati in grado di seguire il corso di salute fino all'età di 30 anni. 110 ha sviluppato una psicosi in questo periodo - che erano 1,8 per cento dei partecipanti.

Le sigarette interferiscono con lo sviluppo del cervello

"Il consumo di sigarette potrebbe interferire con la direzione di un cervello in fase di sviluppo, danneggiando la futura salute mentale", scrivono i ricercatori.

Sotto una psicosi gli esperti comprendono i disturbi mentali, in cui le persone colpite percepiscono la realtà cambiata. Tipici sono allucinazioni o che sono spesso accompagnati da ansia. La maggior parte degli episodi psicotici sono temporanei. Si verificano, ad esempio, nelle persone con schizofrenia o disturbo bipolare.

Le psicosi non sono un fenomeno raro. Circa il tre o il quattro percento delle persone sviluppa uno stato psicotico almeno una volta nella vita.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: