Radioterapia

Soprattutto il cancro viene trattato con la radioterapia. Ulteriori informazioni sul processo e sui rischi.

Radioterapia

di radioterapia è l'applicazione medica dei raggi ionizzanti, che distruggono le cellule (chiamati anche: radioterapia, radioterapia o radiazioni). Il cancro è un motivo comune per la radioterapia. Viene anche usato in altre malattie. Leggi tutto sulla radioterapia, i possibili effetti collaterali e ciò che devi considerare in seguito.

Descrizione del prodotto

radioterapia

  • Cos'√® la radioterapia?

  • Quando effettui la radioterapia?

  • Cosa fai con la radioterapia?

  • Quali sono i rischi della radioterapia?

  • Cosa devo considerare dopo la radioterapia?

Cos'è la radioterapia?

La base della radioterapia medica è la cosiddetta radiazione ionizzante delle particelle e il loro effetto nocivo sulle cellule viventi e quindi sui tessuti. Questa radiazione ad alte dosi danneggia il materiale genetico delle cellule esposte ad esso - sia cellule sane che cellule tumorali. A differenza delle cellule sane, le cellule tumorali possono difficilmente riparare un danno simile: muoiono.

La radioterapia è suddivisa in radiazioni molli (fino a 100 kV), radiazioni rigide (oltre 100 kV) e terapie megavolt (oltre 1000 kV) basate sull'energia in essa contenuta. Le radiazioni morbide e dure sono utilizzate principalmente per i tumori superficiali, mentre la terapia megavolt viene utilizzata per tumori profondi.

Quando effettui la radioterapia?

L'irradiazione pu√≤ essere utilizzata con intento curativo o con malattia avanzata, non pi√Ļ curabile (palliativo). Allo stesso modo, viene fatta una distinzione tra la radioterapia prima di qualsiasi intervento chirurgico sul tumore (radioterapia neoadiuvante, ad esempio, per la riduzione del tumore per l'operazione) o dopo l'intervento chirurgico (radioterapia adiuvante). Il trattamento del cancro √® da solo o in combinazione con la chemioterapia (radioterapia chemioterapia).

Malattie maligne (tumori maligni)

Il pi√Ļ noto √® la radiazione nel cancro, le aree della radioterapia e dell'oncologia sono strettamente collegate. La terapia esatta di diversi tumori √® molto complessa e dipende da vari fattori ed √® quindi discussa in un gruppo interdisciplinare chiamato il Tumor Board. A titolo di esempio, i tre tumori pi√Ļ frequenti e il loro trattamento con radiazioni (cancro al seno, cancro ai polmoni e cancro alla prostata) sono descritti brevemente qui:

Radiazioni nel cancro al seno
Il cancro al seno √® il pi√Ļ comune cancro mortale delle donne e si verifica in Germania secondo l'Istituto Robert Koch (RKI) circa 70.000 volte l'anno. La radioterapia per il cancro al seno √® un'opzione terapeutica importante oltre alla chirurgia e alla terapia farmacologica (chemioterapia, terapia anti-ormone, terapia con anticorpi). La radioterapia viene solitamente utilizzata per distruggere le cellule tumorali esistenti dopo l'intervento chirurgico (radioterapia adiuvante). Il tumore al seno pu√≤ richiedere un trattamento completo di rimozione del seno (mastectomia), ma la radioterapia pu√≤ ridurre il rischio di insorgenza del cancro.

A volte i medici raccomandano la radioterapia prima dell'operazione, per esempio, quando il tumore è così grande che il seno dovrebbe essere completamente rimosso. Questa radioterapia neoadiuvante può ridurre le dimensioni del tumore in modo tale che sia ancora possibile un intervento chirurgico di conservazione del seno. Poiché i farmaci possono anche ridurre le dimensioni del tumore, questo tipo di trattamento del cancro al seno è praticamente eliminato.
In alcuni pazienti, la radioterapia viene eseguita senza intervento chirurgico. Questo pu√≤ essere il caso, per esempio, quando il cancro si √® diffuso cos√¨ tanto che non pu√≤ pi√Ļ essere rimosso chirurgicamente. Anche se la donna non √® autorizzata a subire un intervento chirurgico a causa di malattie concomitanti o non vuole un intervento chirurgico, pu√≤ beneficiare della sola radioterapia.

Irradiazione nel cancro del polmone

Il cancro al polmone √® il pi√Ļ comune tumore letale dell'uomo e si verifica in Germania circa 52.000 volte all'anno, secondo RKI. La terapia del cancro del polmone dipende da quale tipo di tumore √® presente (carcinoma polmonare a piccole cellule o a piccole cellule) e fino a che punto il tumore si √® diffuso.

Nel trattamento della chirurgia del cancro del polmone non a piccole cellule sono disponibili la chirurgia e la radioterapia e la chemioterapia. Il carcinoma a piccole cellule del polmone cresce molto rapidamente e forma tumori della prima infanzia (metastasi). Pertanto un'operazione non è sempre possibile.

Spesso viene eseguita una combinazione di chemioterapia e radioterapia (terapia multimodale). Per minimizzare il rischio di metastasi nel cervello, si esegue spesso un irradiazione cranica profilattica. In alcuni casi, questa terapia viene anche utilizzata prima dell'intervento chirurgico. Se un paziente con carcinoma polmonare non a piccole cellule non è operabile, possono essere eseguite anche radiazioni stereotassiche.

Radiazioni nel cancro alla prostata

Il cancro alla prostata √® la pi√Ļ comune malattia tumorale maschile e si verifica in Germania circa 64.000 volte l'anno, secondo RKI.Il gold standard in terapia √® solitamente la rimozione chirurgica del tumore. La radioterapia, tuttavia, √® un'altra alternativa al trattamento del cancro alla prostata. Viene utilizzato principalmente quando un'operazione non √® possibile (cattive condizioni generali) o rifiutata dalla persona interessata.

Inoltre, la radiazione è aggiuntiva alla chirurgia quando il tumore si è diffuso sopra la capsula prostatica. La radioterapia distrugge anche quelle cellule tumorali che non possono essere rimosse dalla chirurgia del cancro alla prostata. Il trattamento del cancro viene di solito eseguito in regime ambulatoriale da un radio-oncologo o radioterapista in diverse sessioni per un periodo di diverse settimane.

Quando si parla di "radiazione" a scopi terapeutici, di solito si intende l'irradiazione del corpo dall'esterno da parte di una fonte di radiazione esterna (radioterapia percutanea). Nel frattempo, una radiazione del cancro alla prostata può essere effettuata anche da una fonte di radiazioni, che viene introdotta direttamente nel corpo in prossimità del tumore. Questa "radiazione interna" è anche chiamata brachiterapia.

Indipendentemente dal tumore, la radioterapia può essere utilizzata come palliativo per alleviare il dolore, in particolare per il trattamento delle metastasi ossee dolorose. La radioterapia convenzionale riduce il dolore fino all'80% di quelli con metastasi ossee.

Malattie benigne

In Germania, circa 50.000 persone sono trattati con radioterapia per una malattia "benigna" non-tumorale legati ogni anno, il pi√Ļ delle volte a causa di una malattia degenerativa delle articolazioni dolorose (artrosi). Ulteriori aree di applicazione della radioterapia comprendono la malattia di Dupuytren, la malattia di Ledderhose e gli emangiomi vertebrali. L'irradiazione √® simile ai tumori maligni.

Sintomi importanti

  • diarrea
  • incontinenza
  • Occhi asciutti
  • chemosis
  • galattorrea
  • disturbi dell'andatura
  • raucedine
  • dolore alla spalla
  • mal di schiena
  • perdita di peso

Cosa fai con la radioterapia?

La radioterapia è pianificata attentamente. Per fare questo, il medico utilizza l'imaging (CT, RM) per determinare il campo di radiazione. L'esatta posizione del paziente per fissare in diverse settimane di procedura ripetitiva, immobilizzazione da speciali supporti corporei è necessaria, essi saranno adattati individualmente. In alcuni casi, anche i punti marker vengono applicati o tatuati per trovare i punti esatti.

Altrettanto importante è la determinazione della dose e della durata della radiazione. Anche qui, comporta il tipo di tumore nella progettazione, poiché ci sono tumori sensibili alle radiazioni (es seminoma o linfoma), che possono essere efficacemente trattate con un basso tumori dosaggio e resistenti alle radiazioni (ad esempio melanomi e sarcomi), che viene fatto reagire con una dose elevata di radiazioni trattata. Inoltre, la dose viene scelta preferibilmente in modo tale da distruggere efficacemente il tessuto tumorale, riducendo al minimo lo stress sul tessuto circostante.

In questo contesto, si parla anche del "frazionamento" della radiazione, cio√® della distribuzione della dose di radiazioni per un periodo di tempo pi√Ļ lungo (di solito diverse settimane). Ci√≤ consente al tessuto sano di recuperare e rigenerarsi tra un trattamento e l'altro.

Forme di radioterapia

Se la radioterapia dall'esterno attraverso la pelle (per via percutanea), si parla di teleterapia. Il paziente di solito si trova in una stanza luminosa su un lettino. La fonte di radiazioni √® posizionata a circa un braccio di distanza dove dovrebbe agire. La radioterapia stessa non √® n√© visibile alla persona interessata, n√© da ascoltare n√© da annusare. Di solito, la prima sessione richiede un po 'pi√Ļ tempo, poich√© controlla se i calcoli della posizione, della dose e della durata precedenti fossero corretti.

brachiterapia

L'irradiazione dall'interno per mezzo di una fonte di radiazioni introdotta nel corpo è chiamata brachiterapia. Questa radioterapia viene eseguita in anestesia. O semi radianti cosiddetti vengono impiantati e lasciati lì. O trasferire la radiazione attraverso gli aghi al sito di azione. Anche questi vengono rimossi come parte della procedura.

Irradiazione corporea totale

L'irradiazione totale del corpo (TBI) viene utilizzata nel tumore del sangue (ad es. Leucemie). Così, le cellule tumorali vengono distrutte da un lato, e dall'altro garantisce una soppressione del sistema immunitario in preparazione per un trapianto di midollo osseo.

Iodio radioattivo

Altamente radioterapia mirata è, tuttavia, applicato ad un tumore della tiroide: uno iodio radioattivo somministrata, che migra alla ghiandola tiroidea e là selettivamente distrugge il tessuto e il tumore.

Chirurgia stereotassica

Un'altra applicazione della radioterapia √® principalmente in neurochirurgia: la chirurgia stereotassica. Vengono utilizzati diversi percorsi dei raggi non paralleli. Questi si incontrano in un punto (il tessuto tumorale) e si concentrano l√¨ verso una dose terapeutica pi√Ļ forte e totale. Il tessuto sano circostante √® colpito solo dai raggi individuali, energeticamente pi√Ļ deboli e quindi risparmiato.Di conseguenza, anche gli effetti collaterali indesiderati della radioterapia diminuiscono di conseguenza. Questo metodo √® utilizzato principalmente per tumori o malformazioni vascolari del cervello. Se uno pu√≤ preferire la radiazione stereotassica alla radioterapia convenzionale √® dovuto a diversi fattori:

  • Le dimensioni del tumore: I tumori di diametro superiore a quattro centimetri non devono essere irradiati stereotassicamente, poich√© le dimensioni del tumore aumentano il rischio di effetti collaterali della radioterapia in tessuti sani vicini.
  • localizzazione del tumore: Gli effetti collaterali correlati all'irritazione dipendono dalla posizione del tumore nel cervello. Il rischio √® minore con una posizione nell'area del tempio o della fronte (lobo temporale o frontale) e pi√Ļ in alto tra le altre cose con tumori del tronco cerebrale.
  • Nervoso vicina: Sono importanti i cosiddetti nervi cranici, come il nervo ottico (nervo ottico) nelle immediate vicinanze del tumore, dovremmo anche non eseguire la radioterapia stereotassica. Il rischio di danni ai nervi causati dalla radioterapia √® troppo grande.

Ci sono diversi sistemi che ora sono usate per le radiazioni stereotassica: gamma-coltello, il CyberKnife, il Linac e il sistema robotico ExacTrac. Tutti i sistemi hanno in comune la necessit√† di fissare la testa del paziente in modo molto preciso per consentire all'OP di incontrare il tumore di imaging precedentemente presentato con la massima precisione possibile. Oltre ai diversi tipi di fissazione, i sistemi differiscono principalmente nei dettagli tecnici l'uno dell'altro. In contrasto con radioterapia convenzionale, tra l'altro nessuna suddivisione della dose di radiazioni su un periodo pi√Ļ lungo si terr√† il coltello gamma / CyberKnife ecc, la dose √® somministrata soltanto una volta durante l'intervento chirurgico.

radiazione UV

Quando la psoriasi (psoriasi) radioterapia con la luce ultravioletta (UVA o UVB irradiazione) viene eseguita: Questo si basa sulla scoperta che i pazienti con psoriasi nei mesi estivi (con aumento delle radiazioni UV del sole) hanno riportato un miglioramento della loro Sintomi segnalati La forza della radioterapia dipende dal grado della malattia. Dopo l'irradiazione UV, aumenta il rischio di tumori della pelle, pertanto si consiglia di seguire regolarmente le cure di follow-up. La radiazione UV non è adatta per le persone che hanno già avuto il cancro della pelle.

Indagini importanti

  • case history
  • artroscopia
  • biopsia
  • colonscopia
  • endoscopia
  • artrocentesi
  • Esame ginecologico
  • esame delle feci

Quali sono i rischi della radioterapia?

La radioterapia può portare a una serie di gravi effetti collaterali, a seconda della dose e della durata. Viene fatta una distinzione tra gli effetti collaterali della radioterapia acuta e gli effetti collaterali cronici della radioterapia.

Effetti collaterali di radioterapia acuta

Gli effetti collaterali acuti sono il risultato di gonfiore del tessuto indotto da radiazioni (edema), che si sviluppa principalmente nella zona irradiata. Sono dipendenti dall'area irradiata. Ecco una selezione di possibili effetti collaterali:

  • Radioterapia dell'addome: debolezza, nausea e vomito,
  • Radioterapia del torace: infiammazione delle mucose dell'esofago (esofagite) e polmonite da radiazioni, aritmie cardiache
  • Radioterapia della testa: gonfiore e dolore al collo e al collo, aumento della pressione cerebrale, convulsioni
  • Radioterapia del bacino: cambiamenti nel comportamento delle urine e delle feci.

Inoltre, può portare a cambiamenti nel midollo osseo, con una riduzione delle cellule locali. Il risultato è l'anemia con malattie da debolezza e riduzione delle prestazioni (anemia), sanguinamento (trombocitopenia), e la suscettibilità alle infezioni (leucopenia). La perdita di capelli è un effetto collaterale comune. La radioterapia porta anche ad abbassare il cibo e l'assunzione di liquidi in alcuni. La maggior parte di questi effetti collaterali acuti risalgono alla fine della radioterapia, ma completamente indietro.

Effetti collaterali di radioterapia cronica

La radioterapia è spesso seguita da effetti collaterali cronici. L'irradiazione porta principalmente a una proliferazione reattiva del tessuto connettivo (fibrosi). Ancora una volta, l'area irradiata è cruciale:

  • Radioterapia della zona addominale: disturbi dell'intestino (stitichezza, diarrea)
  • Radioterapia del torace: fibrosi polmonare, insufficienza cardiaca
  • La radioterapia della testa: stentata deficit dell'ormone della crescita, ipotiroidismo (ipotiroidismo), "la carie radiazioni" per la perdita della funzione delle ghiandole salivari, la perdita delle funzioni cognitive,
  • Radioterapia del bacino: infertilit√† (infertilit√†) a causa della distruzione del tessuto testicolare o ovarico.

Inoltre, il midollo osseo può cambiare in modo permanente.

Trattamento degli effetti collaterali della radioterapia
Il trattamento degli effetti collaterali della radioterapia è anche indicato come terapia di supporto. Dal momento che fino al 70% dei pazienti oncologici soffrono di forti dolori, una buona terapia del dolore è molto importante. Con le medicine (antiemetici) si può anche trattare la nausea molto frequente e il vomito associato.

Grande enfasi viene posta sulla profilassi dell'infezione (antibiotici, creazione di un ambiente a basso contenuto di germi, disinfezione manuale delle mani, ecc.). Un danno del midollo osseo sopra menzionato dovrebbe essere trattato con appropriate trasfusioni di sangue. Allo stesso modo, in caso di malnutrizione (ad esempio, con una riduzione dell'assunzione di cibo dovuta alla disfagia) viene pagato per una dieta ipercalorica.

La terapia aiuta con queste malattie

  • osteoartrite
  • il cancro al seno
  • cancro al colon
  • cancro ai testicoli
  • cancro della laringe
  • linfoma
  • Il cancro alla prostata

Cosa devo considerare dopo la radioterapia?

Quello che devi considerare dopo e durante la radioterapia dipende molto dal tipo di radiazioni che hai dato e, naturalmente, dalla condizione di base. Parlate con il vostro medico di ciò che non potete fare, per esempio, durante e dopo la radioterapia, se siete idonei al lavoro e cosa dovete sapere sulla vostra dieta. A lungo termine, è importante prestare attenzione allo sviluppo degli effetti collaterali cronici della radioterapia.

Infine, dovresti essere consapevole del rischio di tumori secondari, cio√® la radiazione del cancro. Ci√≤ √® particolarmente importante quando si √® giovani, perch√© potrebbero essere necessari fino a 15 anni perch√© appaia il secondo tumore. Ecco perch√© √® consigliato un controllo regolare. Esattamente i numeri non esistono, ma possono avere persone dopo la radiazione del cancro ma un rischio aumentato di otto volte di tumori secondari rispetto alla popolazione normale. Allo stesso tempo, tuttavia, il pericolo dei secondi tumori √® in calo da anni a causa dell'uso di una nuova e pi√Ļ precisa tecnologia di radiazione.

In sintesi, il radioterapia Al giorno d'oggi, un metodo terapeutico ampiamente utilizzato e consolidato con una varietà di applicazioni, ma soprattutto per il trattamento dei tumori maligni, ad esempio per il trattamento del cancro al seno.

Radioterapia


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: