Vaiolo

Il vaiolo (soffiare) è una malattia infettiva altamente contagiosa causata da virus. Qui troverai maggiori informazioni!

Vaiolo

vaiolo (L'infiammazione) è una malattia infettiva altamente contagiosa causata da virus. Grazie alla sua vaccinazione contro il vaiolo a livello nazionale, è stata ufficialmente sradicata dal 1980. Tuttavia, una recidiva di vaiolo non è completamente esclusa: potrebbe, ad esempio, venire con un uso del virus del vaiolo come arma biologica per un altro focolaio. Inoltre, ci sono specie di vaiolo che vengono trasmesse dagli animali all'uomo. Le persone infette dal virus del vaiolo soffrono inizialmente di sintomi simil-influenzali, seguiti da una grave eruzione cutanea. Nel peggiore dei casi, il vaiolo può essere mortale. Leggi tutte le informazioni importanti sul vaiolo qui.

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici di diagnosi medica validi a livello internazionale. Si trovano ad es. in lettere di dottore o certificati di incapacità. B03

Descrizione del prodotto

vaiolo

  • descrizione

  • sintomi

  • Cause e fattori di rischio

  • Esami e diagnosi

  • trattamento

  • Decorso della malattia e prognosi

Vaiolo: descrizione

Il vaiolo (chiamato anche Blattern o Variola) è una infezione virale potenzialmente letale e potenzialmente letale. È innescato da vari sottotipi del virus variola (dal genere Orthopoxviruses). I sintomi vanno da un decorso lieve al "vaiolo nero" spesso fatale. Gli ultimi casi di vaiolo si sono verificati nel 1977, da allora non sono state segnalate nuove infezioni.

Il vaiolo è considerato molto contagioso. Sono trasmessi come infezioni da goccioline e strisci tra gli umani. Inizialmente, gli individui infettati dal vaiolo lamentano sintomi simil-influenzali come febbre, dolori muscolari e affaticamento. Quindi si verifica l'eritema caratteristico, specialmente sulle braccia, sulle gambe e sul viso.

Vaiolo: storia di successo della vaccinazione

A causa dell'alto rischio di infezione, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha avviato un programma di eradicazione del vaiolo nel 1967. Il nucleo del programma era una vaccinazione contro il vaiolo in tutto il mondo. Ha mostrato effetto: in Germania, l'ultimo caso di vaiolo nel 1972 si è verificato. Nel 1980, l'OMS dichiarò ufficialmente la popolazione indenne dal vaiolo.

Tuttavia, i casi di vaiolo non sono completamente esclusi in futuro. Gli esperti ritengono che, ad esempio, il vaiolo potrebbe essere nuovamente rilasciato attraverso incidenti di laboratorio. Nessun timore irragionevole, perché nelle due stazioni di ricerca (Atlanta / USA, Kolzowo / Russia), che continuano a tenere i virus del vaiolo, c'erano già le passate malattie del vaiolo. L'uso come arma biologica negli attacchi terroristici è concepibile. Per questo motivo, paesi industrializzati come gli Stati Uniti e la Germania hanno ordinato grandi quantità di dosi di vaccino contro il vaiolo dopo gli attacchi dell'11 settembre al fine di proteggere le loro popolazioni in caso di attacco terroristico con il vaiolo.

Oltre a questi scenari, i ricercatori prevedono che vari tipi di vaiolo animale potrebbero cambiare per rappresentare una minaccia per l'uomo. Per già oggi è possibile un contagio con alcuni tipi di vaiolo di animali. Tuttavia, i sintomi sono lievi finora e quindi minacciosi per le persone con un sistema immunitario debole (come l'HIV). È particolarmente pericoloso quando il vaiolo è causato da modificazioni genetiche eventi gravi. Un esempio di questo è un focolaio di vaiolo delle scimmie nel 1997 nello Zaire, che stava minacciando in scala. Ad esempio, questa forma di vaiolo era più contagiosa di quanto non fosse noto dal vaiolo della scimmia.

Vaiolo: sintomi

Tra il momento dell'infezione e l'inizio dei primi sintomi (periodo di incubazione) ci sono dai sette ai 19 giorni per i pivieri. Di solito i primi sintomi compaiono dopo circa 14 giorni. Esistono varie forme di vaiolo, che si differenziano in termini di sintomi e gravità dei disturbi. Le forme più importanti di vaiolo sono:

  • Vero vaiolo (Variola major)
  • Vaiolo bianco (varietà minore)
  • Scimmia e vaiolo
  • Vaiolo emorragico ("foglie nere" o variola haemorrhagica)

Sintomi del vero vaiolo (varietà maggiore)

Nel vero vaiolo, la malattia di solito inizia insidiosamente. Prima di tutto, compaiono sintomi aspecifici, come si verificano anche con un'infezione influenzale. Questi includono, soprattutto, febbre alta fino a 40° C, dolori di testa e corpo e una generale incapacità di eseguire. Questi primi sintomi durano circa quattro giorni nel caso del vero vaiolo.

Successivamente, inizia il tipico rash del vaiolo (fase di eruzione), che dura da una a tre settimane. In primo luogo, il viso e le braccia e le gambe formano punti rossi pallidi che prurito e lentamente si trasformano in piccoli noduli. Da questi si formano bolle, che vengono prima riempite con un fluido della ferita, in seguito con pus, e quindi chiamate pustole. Nel corso del tempo, si asciugano e lasciano una crosta dura sulla pelle. Le pustole possono causare cicatrici sfiguranti.

Se la crosta si stacca, si verifica nuovamente un forte prurito.Inoltre, durante questa fase della malattia, una febbre a forma di onda nelle persone colpite. Inoltre, si verificano sintomi come confusione, disorientamento e delusioni. Un terzo di tutte le persone colpite muore dal vero vaiolo. Chiunque sia sopravvissuto al vaiolo, è immune da ulteriori infezioni con il vero vaiolo.

Sintomi di vaiolo bianco (Variola minor)

Il vaiolo bianco (Variola minor) è complessivamente molto più mite e più corto del vero vaiolo. I reclami sono meno pronunciati e il tasso di mortalità è solo dell'uno per cento. Chiunque soffra di vaiolo bianco, tuttavia, non ha alcuna protezione contro l'infezione da patogeno del vero vaiolo.

Sintomi di varicella e vaiolo

Negli ultimi anni, un numero crescente di scimmie e bovini è stato segnalato negli esseri umani. Queste due specie di vaiolo non sono trasmesse principalmente da scimmie o mucche agli umani, ma da animali domestici come gatti o topi domestici. Scimmia e vaiolo mostrano anche sintomi lievi rispetto al vero vaiolo. Anche le persone colpite soffrono di sintomi simil-influenzali. Si verifica anche un'eruzione cutanea. Tuttavia, qui si possono osservare solo pustole isolate e nettamente circoscritte.

Sintomi di vaiolo emorragico

Come un vaiolo nero o variola haemorrhogica chiamato una forma particolarmente pericolosa del vaiolo, che è causata da una sottospecie del virus variola. In questa forma di vaiolo, il periodo di incubazione (= tempo dall'infezione alla comparsa dei sintomi) è accorciato. Nel giro di pochi giorni, vi è un intenso sanguinamento della pelle, delle mucose e degli organi interni. La maggior parte dei pazienti muore durante la prima settimana di malattia, spesso durante le prime 48 ore.

Il vaiolo: cause e fattori di rischio

La causa del vaiolo è il virus variola, che appartiene agli ortopoxvirus. Le principali differenze sono le due sottospecie Variola major (trigger del vero vaiolo) e Variola minor (trigger del vaiolo bianco), che interessano solo gli esseri umani. Inoltre, ci sono altre specie di vaiolo come la scimmia e il vaiolo, che possono essere trasmesse dall'animale all'uomo.

Vaiolo: infezione

Il vaiolo viene trasmesso da persona a persona, di solito attraverso la saliva. Per questo, le quantità minime di saliva, come quelle derivanti dalla parola, dallo starnuto o dalla tosse, sono sufficienti (infezione da goccioline). Tuttavia, i virus del vaiolo possono sopravvivere anche sulle superfici per un certo periodo di tempo. Ad esempio, possono essere distribuiti su piatti, biancheria da letto o mani (infezioni da striscio).

Immediatamente dopo la trasmissione, il virus inizia a moltiplicarsi. Innanzitutto, influisce sul luogo in cui è entrato nel corpo. Questo di solito è il tratto respiratorio (tratto respiratorio), dove il virus invade la mucosa e da lì ai linfonodi migra. Lì può continuare a moltiplicarsi ed entrare nella milza e nel midollo osseo. Dal midollo osseo, passa quindi attraverso il flusso sanguigno nella pelle e nelle mucose. Questo porta alle tipiche alterazioni cutanee della pelle (esantema) e alle mucose (enanthem).

A quale stadio della malattia è contagioso il vaiolo?

Poiché anche piccole quantità di virus sono sufficienti e l'infezione si svolge anche sulle goccioline più piccole, il vaiolo è considerato molto contagioso. Esiste il rischio di infezione circa due giorni prima che si verifichi l'eruzione cutanea fino a quando l'ultima crosta infettiva non cade dopo circa tre settimane. In particolare, le pustole piene di liquido così tipiche del vaiolo sono molto contagiose: quando scoppiano, molti virus vengono rilasciati improvvisamente.

Trasmissione di varicella e vaiolo

Casi di vaiolo delle scimmie sono stati isolati negli Stati Uniti negli ultimi anni. È una forma lieve di espressione rispetto al vero vaiolo, che in realtà si verifica principalmente nelle scimmie. Negli Stati Uniti, tuttavia, roditori e mezzelune sono stati identificati come portatori.

Casi di cowpox si sono verificati per ultimi in Germania nel 2009. Il vaiolo è anche una forma relativamente innocua di vaiolo. Il Robert Koch Institute (RKI) aveva identificato come un vettore addomesticato casa topi e gatti.

Vaiolo: esami e diagnosi

Fondamentalmente, il vaiolo è attualmente considerato sradicato. Pertanto, una vera malattia da vaiolo è attualmente estremamente improbabile. Tuttavia, l'infezione con la varicella più lieve e il vaiolo non è esclusa.

Poiché attualmente non vi sono casi di vero vaiolo e solo un piccolo numero di casi di vaiolo trasmessi da animali, la conoscenza di questa malattia nella professione medica è attualmente bassa. Il presunto vaiolo (attualmente solo il vaiolo della scimmia e il vaiolo bovino) è quindi la persona di contatto giusta un'istituzione specializzata come un istituto per la medicina tropicale e le malattie infettive, In linea di principio, tuttavia, puoi anche informare il medico di famiglia che, se esiste un ragionevole sospetto di una malattia da vaiolo, avvierà ulteriori passaggi.

Se visiti il ​​medico, questo registrerà per prima cosa la storia medica (anamnesi). Nel fare ciò, dovresti descrivere nel modo più preciso possibile quali sintomi si sono verificati con te.Inoltre, il medico deve cercare di determinare la causa delle lesioni. Inoltre, può porre la domanda come:

  • Quando e dove si trovava l'ultima volta all'estero?
  • Dove si lavora, o stai facendo con materiali potenzialmente rischiose a contatto (per esempio in un laboratorio)?
  • Se avete altro che l'eruzione ha notato altri sintomi?
  • Hai un gatto o un ratto come un animale domestico? Avete notato il vostro animale domestico una malattia, come ad esempio un rash cutaneo?

Dopo l'anamnesi, avviene un esame fisico. Soprattutto, sono considerati i cambiamenti della pelle. Il vaiolo, il vaiolo delle scimmie e cowpox mostrano cambiamenti caratteristici della pelle, che può confermare il sospetto. Tuttavia, sono necessari per la diagnosi di vaiolo sempre più studi:

Ulteriori indagini

Al fine di escludere altre malattie della pelle, il virus causativo da rilevare direttamente. Il modo più semplice e veloce per poxvirus può essere rilevato sotto il microscopio elettronico. Per questo, un campione (biopsia) delle pustole, la crosta o qualcosa secrezione viene rimosso.

Inoltre, (anticorpo) può essere rilevata contro il vaiolo in un campione di sangue dal corpo formato deterrenti. Per analizzare la fattibilità del virus del vaiolo, possono anche essere coltivate. Tuttavia, questo è possibile solo in laboratori che soddisfano un certo livello di sicurezza. Per distinguere i singoli sottospecie del poxvirus, un microscopio elettronico o un esame del sangue non è sufficiente. Per questi processi particolari e molto complesse sono necessarie.

Vaiolo: Trattamento

La causa del vaiolo non possono essere trattati direttamente. Le seguenti misure sono da considerarsi dichiarazioni teoriche perché vaiolo sono ufficialmente considerata debellata. in realtà si verifica nuovamente un caso di vaiolo, solo i sintomi possono essere alleviati. La procedura medica più importante è quello di isolare la persona interessata (quarantena). Ill potrebbe non avere più contatto con il mondo esterno e le altre persone. L'appartamento, vestiti e altri oggetti che la persona in questione si è toccato o devono essere disinfettati. Nei primi quattro giorni dopo l'infezione di una vaccinazione contro il vaiolo può prevenire la malattia o quanto meno ridurre.

Chi soffre dovrebbero tenere il riposo a letto, al fine di proteggere il corpo. una dieta ad alta energia e ad alta assunzione di liquidi è importante. Febbre farmaci antipiretici possono essere prese. Sia i farmaci speciali contro le malattie virali (farmaci antivirali) possono prevenire la malattia non è certo, in quanto la ricerca è vietata poxvirus per oltre 20 anni.

Contro monkeypox e cowpox, ci sono alcun trattamento speciale. Anche se in precedenza non è stato osservato un trasferimento di queste due malattie negli esseri umani, dovrebbe essere coperto a titolo precauzionale, la pelle colpita e indossati in guanti cura delle ferite.

Vaiolo: corso e la prognosi delle malattie

Krankheitserlauf e la prognosi di vaiolo dipendono in primo luogo dalla forma della malattia, ma anche la salute generale della persona interessata. Il vaiolo muoiono circa un terzo delle persone colpite. La particolare forma rara di emorragico vaiolo (vaiolo nero) è ancora una volta molto più pericoloso: è fatale per quasi tutti gli interessati.

Scimmia e cowpox corrono molto più mite di vaiolo solito. Essi di solito guariscono entro tre-cinque settimane. Tuttavia, scimmia e cowpox per le persone con un sistema immunitario indebolito (ad esempio, l'HIV-positivi o ad una terapia più lunga di cortisone) possono essere pericolosi.

Se la malattia è finita, ma può ancora rimanere consequenziali. Tipici sono circa le cicatrici sulla pelle che sono visibili dopo una malattia con il vaiolo o di una vaccinazione contro il vaiolo. In aggiunta a questo difetto ottico danneggiare anche come la paralisi o intorpidimento può effettivamente ma rimangono - perché i virus attaccano anche il sistema nervoso centrale.

Prevenzione contro il vaiolo: vaccinazione contro il vaiolo

La protezione più efficace contro il vaiolo, la vaccinazione contro il vaiolo. Il vaccino contro il vaiolo è un vaccino vivo. Ciò significa che un virus funzionale e nessun componente del virus morti sono dati. Per la vaccinazione viene utilizzato il virus del vaiolo vaccino. E 'strettamente legato al virus del vaiolo, ma molto meno pericoloso. La vaccinazione contro il vaiolo e cowpox scimmie non esistono.

Il vaccino contro il vaiolo è attualmente, ma non effettuatiPerché può avere effetti collaterali potenzialmente gravi e anche grave minaccia del vaiolo non è attualmente presente. Dopo la vaccinazione contro il vaiolo sintomi simil-influenzali a volte si verificano. Molto raramente avere conseguenze gravi come l'encefalite impfbedingte ( "dopo la vaccinazione encefalite"). Anche delle singole complicanze fatali dopo la vaccinazione sono stati segnalati.

Di solito il vaccino viene iniettato nel braccio. Lì, una pustola forme. Questo pustola guarisce nel giro di pochi giorni, lasciando una cicatrice (vaiolo vaccino cicatrice). In Germania, la vaccinazione contro il vaiolo nel 1975 è stato impostato, in tutto il mondo nel 1980. Le persone che sono state vaccinate contro il vaiolo, anche prima di tale data, probabilmente un residuo di protezione contro il vaiolo.Per una protezione completa, il vaccino contro il vaiolo dovrebbe essere aggiornato ogni cinque o dieci anni.

Le persone con un sistema immunitario indebolito non dovrebbero essere vaccinate contro il vaiolo. Il virus vaccino, che è sicuro per una persona sana, può anche causare gravi complicazioni. Anche dopo un trapianto di organi o una terapia cortisonica più lunga non deve essere eseguita alcuna vaccinazione contro il vaiolo, poiché il sistema immunitario è quindi troppo debole per combattere l'agente patogeno e costruire una protezione contro il vaccino.

Il vaccino contro il vaiolo protegge anche dall'insorgenza della malattia se viene somministrato fino a quattro giorni dopo l'infezione. Se dovesse effettivamente tornare ad un focolaio di vaiolo, consiglia l'OMS a un vaccino contro il vaiolo immediato. A tale scopo, il governo tedesco dispone di un ampio stock di dosi di vaccino e il personale è appositamente addestrato per effettuare questa vaccinazione. Le forniture sono solo per il caso di una fermata. Il pericolo che in realtà porterà a un nuovo focolaio di vaiolo viene, ma è attualmente classificato come basso.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: