Distonia vegetativa

La distonia vegetativa è una varietà di sintomi associati a un malfunzionamento del sistema nervoso autonomo.

Distonia vegetativa

Distonia vegetativa è un termine collettivo per un numero di sintomi diversi relativi a un malfunzionamento del sistema nervoso autonomo - quei nervi che non sono controllati a caso. I sintomi includono nervosismo, disturbi del sonno, crampi e problemi cardiovascolari. La distonia vegetativa, tuttavia, è controversa tra gli esperti. Maggiori informazioni sulla distonia vegetativa.

Descrizione del prodotto

Distonia vegetativa

  • descrizione

  • sintomi

  • Cause e fattori di rischio

  • Esami e diagnosi

  • trattamento

  • Decorso della malattia e prognosi

Distonia vegetativa: descrizione

Una distonia vegetativa significa letteralmente "tensione disregolata (distonia) del sistema nervoso autonomo". Questo coordina molte importanti funzioni corporee, che deliberatamente difficilmente o per nulla possono essere influenzate - come il battito del cuore, la respirazione o la digestione. Di conseguenza, vari sintomi possono essere riassunti sotto il termine ombrello di distonia vegetativa - da disturbi cardiovascolari e mal di testa a mani tremanti e diarrea.

Mentre la diagnosi di "distonia vegetativa" era un fenomeno di massa negli anni '50, è stata in parte sostituita da vari sinonimi. Esempi sono disordine neurovegetativo, nevrosi autonomica e disregolazione autonomica. In generale, quando i pazienti soffrono di sintomi per i quali non esistono cause fisiche, i medici parlano generalmente di disturbi somatoformi o sindromi funzionali. Tuttavia, la distonia vegetativa non deve essere confusa con la distonia; Questo è un termine collettivo per vari disturbi del movimento, come una posizione della testa storta o crampi in diverse regioni del corpo (ad esempio, le dita, il crampo dei musicisti).

Qual è il sistema nervoso autonomo?

La distonia autonomica riguarda l'autonomo o anche sistema nervoso autonomo, Questo sistema controlla tutte le funzioni corporee che si verificano automaticamente: regola la pressione sanguigna, attiva le ghiandole sudoripare nei giorni caldi e restringe le pupille in luce abbagliante. Tuttavia, quando una persona decide consapevolmente di muoversi o di percepire, questo è quello che è sistema nervoso somatico attiva. Il più delle volte, entrambi i sistemi lavorano a stretto contatto.

Il sistema nervoso autonomo è diviso in due antagonisti funzionali:

  • il sistema nervoso simpatico (simpatico)
  • il sistema nervoso parasimpatico (parasimpatico)

Mentre il sistema nervoso simpatico stringe le persone, accelera il battito cardiaco e la respirazione e imposta tutto il corpo in una risposta di lotta o di fuga, il sistema nervoso parasimpatico è il principale responsabile dei processi di rilassamento e rigenerazione. Se l'interazione tra i nervi simpatico e parasimpatico non funziona correttamente, i sintomi sono a volte classificati come distonia vegetativa.

I reclami si basano sul fatto che la tensione si sia spostata a favore del simpatico o del parasimpatico: le persone con una maggiore attività simpatica (simpaticotonia) sono quindi soggette a nervosismo, palpitazioni, ipertensione e diarrea. Se, d'altra parte, il sistema nervoso parasimpatico è dominante (vagotonia), può essere accompagnato da bassa pressione sanguigna, mani e piedi freddi, svogliatezza e stitichezza. Tuttavia, la distonia vegetativa come diagnosi è controversa; I critici la chiamano una "diagnosi di imbarazzo" che viene fatta quando il medico non sa più cosa fare.

Distonia vegetativa: sintomi

Una distonia vegetativa può essere associata a sintomi molto diversi. I reclami sono spesso difficili da classificare.

Possibili sintomi di distonia vegetativa sono:

  • mal di testa
  • vertigini
  • diarrea
  • costipazione
  • disturbi del sonno
  • spasmi
  • aumento della sudorazione
  • aumento o diminuzione della frequenza cardiaca
  • lieve tremito delle mani

In un senso più ampio, distonia vegetativa include vari complessi di sintomi. Spesso si verificano insieme e talvolta vengono trattati come malattie indipendenti di causa sconosciuta. Un esempio è questo sindrome di cuore ipercineticache è associato a frequenti palpitazioni e grandi fluttuazioni della pressione sanguigna. Da uno intestino irritabile Si parla di indigestione cronica, che è spesso associata a dolore addominale e flatulenza. un vescica iperattiva (Vescica irritabile) può portare a minzione costante e minzione frequente. I complessi di questo tipo sono anche chiamati sindromi funzionali. Anche il dolore cronico di origine poco chiara appartiene a questo complesso di argomenti, ad esempio la fibromialgia; Tuttavia, questi di solito non sono classificati sotto il termine distonia autonomo.

Distonia vegetativa: cause e fattori di rischio

La distonia vegetativa spesso non ha una causa chiara. Non di rado, diverse circostanze fisiche, mentali e sociali svolgono un ruolo.Quindi è difficile trovare un trigger specifico per la distonia vegetativa.

Se una causa puramente fisica per i rispettivi sintomi può essere esclusa dopo tutti gli esami medici necessari, si deve cause psicosomatiche prendere in considerazione. Corpo e psiche sono in costante interazione l'uno con l'altro. E quindi non è raro che gravi stress mentali si riflettano su varie funzioni corporee. Questi includono, per esempio, lo stress permanente, il dolore, le preoccupazioni e le paure. Ad esempio, una persona che ha perso una persona cara o si sente molto infelice al lavoro può sviluppare sintomi fisici a lungo termine come mal di testa, disturbi del sonno o tremori frequenti. Questi sintomi potrebbero essere considerati dal medico come una distonia vegetativa.

Questo non significa che i reclami siano presuntuosi o "non genuini"! La distonia vegetativa può a volte portare a sintomi spaventosi (ad esempio la tachicardia) e può essere un grande onere a lungo termine. I disturbi somatoformi sono quindi altrettanto gravi di quelli che hanno cause fisiche. Entrambi richiedono un'attenta diagnosi.

Distonia vegetativa: esami e diagnosi

La distonia vegetativa non è una diagnosi nel senso di una malattia specifica, ma include un'immagine di stato non caratteristico in cui sono ovviamente disturbate ovviamente diverse funzioni del sistema nervoso autonomo. Prima di tutto, il medico chiede informazioni sulla storia medica (anamnesi). Quindi chiede quali condizioni pre-esistenti esistono, se la persona sta assumendo farmaci, da quando esistono i sintomi, in quali situazioni si verificano e se ci sono altri sintomi dolorosi. La rispettiva situazione di vita e il consumo di alcol e droghe del paziente possono fornire informazioni importanti.

Quindi segui vari esami per eliminare e escludere possibili cause fisiche del disagio:

  • un esame fisico può già fornire informazioni su alcuni sintomi. Ad esempio, in un paziente con problemi gastrointestinali comuni, il medico eseguirà la scansione della parete addominale. Se ci sono lamentele nel cuore, ascolta i suoni del cuore con uno stetoscopio.
  • un Misurazione della pressione arteriosa e del polso è particolarmente informativo per problemi circolatori. Il paziente può essere in grado di controllare le fluttuazioni durante il corso della giornata con uno sfigmomanometro manuale.
  • Con uno esame del sangue Ad esempio, è possibile verificare se i processi infiammatori si verificano nel corpo, se ci sono varie carenze nutrizionali, o se c'è un eccesso o la mancanza di ormoni specifici. Pertanto, è possibile escludere possibili cause fisiche quali disfunzioni tiroidee o carenza di ferro.
  • Se una malattia fisica non può essere esclusa e i sintomi persistono per un lungo periodo, a seconda dei sintomi - indagini speciali seguire. Esempi sono un'elettrocardiografia (ECG), un esame delle feci o delle urine o tecniche di imaging come l'ecografia e l'esame a raggi X. Di norma, il medico cerca di evitare esami inutili e possibilmente stressanti.

In definitiva, una distonia vegetativa non è diagnosticabile, ma è anche difficile da confutare. I medici di solito fanno la diagnosi quando non ci sono cause fisiche.

Distonia vegetativa: trattamento

Il modo migliore per trattare una distonia vegetativa dipende dalla sua rispettiva causa e gravità. Se la diagnosi fisica rimane senza risultati, i medici consigliano spesso di attendere e di osservare il decorso dei sintomi - i disturbi somatoformi spesso si ripetono dopo un po 'di tempo.

Se questo non è il caso, il medico di solito ne consiglia uno psicoterapia, Questo non significa che non prenda sul serio i reclami del paziente. Spesso i sintomi fisici hanno la loro radice nella psiche. La distonia vegetativa è quindi meglio trattata con misure psicoterapeutiche. Promettono la più grande possibilità di lamentela. Alcuni psicoterapeuti sono specializzati in disturbi somatoformi o distonia autonomica. Con questo supporto, la persona interessata può imparare a classificare meglio le sue lamentele e ad affrontarle nella vita di tutti i giorni - questo accade, per esempio, nel contesto di un terapia cognitivo comportamentale.

È particolarmente utile lavorare attraverso le cause e i sentimenti dietro i sintomi. Se i sentimenti stressanti come stress, preoccupazioni o dolore possono essere eliminati o elaborati in modo diverso, i sintomi fisici di solito migliorano nel lungo periodo. Molti malati sono anche in una sorta di "circolo vizioso di evitamento". Evitano sempre situazioni in cui i loro sintomi stanno aumentando. In definitiva, aumentano la sofferenza che deriva dalla distonia vegetativa. Uno psicoterapeuta può aiutare a rompere questo comportamento.

L'attività fisica ha un'influenza positiva su alcuni disturbi somatoformi, come sport o passeggiate.Alcune persone beneficiano anche di esercizi di rilassamento come rilassamento muscolare progressivo, allenamento autogeno, tai chi o yoga.

Distonia vegetativa - farmaci in terapia?

Queste misure spesso riducono i sintomi nel tempo e quindi aiutano contro la distonia vegetativa. Le medicine non sono necessarie nella maggior parte dei casi, ma possono essere usate per trattare i sintomi se c'è una grande sofferenza. Questi includono, ad esempio, antidolorifici, ma anche vari antidepressivi moderni. Il medico discute la procedura esattamente con il suo paziente e regola i farmaci individualmente per il rispettivo caso. Di regola, la distonia vegetativa non è permanente, ma solo temporaneamente trattata con farmaci.

Distonia vegetativa: decorso e prognosi

Come funziona la distonia vegetativa dipende da varie circostanze. In generale, la prognosi è buona, Una distonia vegetativa non limita l'aspettativa di vita. Nel 50-75% dei casi, i disturbi somatoformi sono lievi e i sintomi migliorano nel tempo. Nei pazienti con una visione molto ansiosa e negativa del loro disagio, comportamento severo di evitamento e malattie mentali parallele (come depressione o disturbi d'ansia), la prognosi è peggiore. Questo vale anche per i forti oneri psicosociali che non possono essere risolti. Sembra anche avere un impatto negativo sulla progressione se la persona lascia il lavoro per più di un mese o si ritira da amici e familiari.

Una distonia vegetativa a "decorso grave" significa che nel tempo i sintomi diventano più gravi e persistenti (cronicità). Tuttavia, questo non significa che i reclami persistano per sempre solo perché non possono essere trattati con successo all'inizio. C'è sempre la possibilità che il distonia vegetativa sviluppato all'indietro.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: