Verbena

La verbena è usata insieme ad altre piante medicinali nei seni paranasali infiammati. Maggiori informazioni sull'effetto verbena e sull'applicazione!

Verbena

La vecchia pianta medicinale verbena è usato oggi principalmente come parte di una preparazione vegetale per seni paranasali infiammati. Tuttavia, la medicina popolare conosce anche altri campi di applicazione. Maggiori informazioni sull'effetto verbena e sull'applicazione!

Descrizione del prodotto

verbena

  • virtù

  • applicazione

  • effetti collaterali

  • note applicative

  • Dove acquistare

  • Per saperne di più

Quale potere curativo è in verbena?

Verbena officinalis (Verbena officinalis) ha svolto un ruolo importante come erba medicinale nei secoli precedenti, ma ora è usata solo occasionalmente a scopo terapeutico - in combinazione con altre piante medicinali come preparazione per sinusite (sinusite).

Il principale responsabile dei poteri curativi della pianta è la verbina, un rappresentante dei cosiddetti iridoidi. Promuove la produzione di melma sottile, quindi ha proprietà secretolitiche.

Altri ingredienti includono derivati ​​dell'acido caffeico (come verbascoside), tracce di flavonoidi e piccole quantità di olio essenziale, muco e sostanze amare. Verbascoside ha mostrato proprietà antibatteriche nella ricerca. Inoltre, gli estratti di verbena sono antinfiammatori, antitosse e diuretici.

La medicina popolare applica ancora la pianta medicinale ad altri problemi di salute. Questi includono, ad esempio, indigestione (come disagio lieve allo stomaco, diarrea), malattie reumatiche, sintomi della menopausa, ciclo mestruale irregolare e ulcere e ferite scarsamente curative. Verbena officinalis è anche usato come mezzo per promuovere l'allattamento nelle donne che allattano. L'efficacia della pianta in queste aree non è stata scientificamente dimostrata.

Come viene usata la verbena?

Le parti aeree essiccate della pianta sono utilizzate in medicina, cioè foglie, steli e fiori.

Internamente, la verbena viene talvolta utilizzata sotto forma di tè. Aggiungere un cucchiaino colmo (1,5 grammi) di erba secca e versare sopra una tazza di acqua bollente. Dopo dieci minuti, le parti dell'impianto possono essere filtrate. Puoi bere fino a tre volte al giorno una tazza di tè alla verbena. Piuttosto, si trova la pianta medicinale, tuttavia, in miscele di tè, come in alcuni allattamento al seno.

Tuttavia, la verbena è utilizzata principalmente come parte di una preparazione a base di erbe per i seni infiammati - insieme ad altre piante medicinali come la radice di genziana, i fiori di primavera e il fiore di sambuco. Per l'applicazione esatta e il dosaggio, si prega di leggere il foglio illustrativo o di chiedere al medico o al farmacista.

Nella medicina popolare la verbena viene anche usata esternamente, ad esempio, per le buste nelle ferite o per le irritazioni nei disturbi reumatici. A questo scopo, preparare un estratto da cinque a dieci grammi di verbena per litro d'acqua.

Quali effetti collaterali può causare la verbena?

La preparazione di combinazione per sinusite può in casi rari innescare disagio gastrointestinale. Inoltre, non sono noti effetti collaterali della sola verbena.

Cosa dovresti considerare quando usi la verbena

La verbena non è stata studiata abbastanza per chiarire i possibili effetti collaterali (come l'uso a lungo termine) o la gravidanza. La verbena può essere in grado di indurre il travaglio in donne in gravidanza. Pertanto le donne incinte dovrebbero usare la pianta in consultazione con il medico solo se si desidera l'inizio del travaglio. Inoltre non si conoscono le possibili controindicazioni, cioè le circostanze (come certe malattie) che si oppongono all'uso della pianta medicinale.

  • Immagine 1 di 16

    Bellezze pericolose

    Ditale, oleandri e poinsettia: queste piante arricchiscono i nostri giardini e salotti. Per quanto belle siano queste piante, sono pericolose quanto loro. Miglior esempio: il mughetto. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto fiori, bacche e foglie. Contiene sostanze cardioattive e saponine che hanno un effetto di dissoluzione del sangue.

  • Immagine 2 di 16

    poinsettia

    Originariamente la poinsettia viene dal Messico. A Natale la stella dell'Avvento è una famosa pianta ornamentale. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il succo di latte biancastro. Si allontana se ferisci la pianta. I principali ingredienti attivi sono beta-amyrin e germanicol.

  • Immagine 3 di 16

    Hemlock acqua

    La cicuta è originaria dell'Europa, dell'Asia settentrionale e del Nord America. In Germania è distribuito principalmente nel nord. Preferisce crescere ai bordi dello stagno, nei fossati e nelle paludi. Tutte le parti vegetali della cicuta sono velenose, ma soprattutto il succo del portainnesto. La sostanza tossica è cicutoxina, un cosiddetto veleno spasmo.

  • Immagine 4 di 16

    laburno

    Il maggiociondolo ha la sua casa nell'Europa meridionale e sud-orientale. A causa dei suoi fiori giallo oro, la farfalla è popolare in Europa centrale come arbusto ornamentale in giardini e parchi. Soprattutto fiori, frutti e semi sono velenosi.Per i neonati, fino a tre o quattro frutti o da 15 a 20 semi possono causare la morte. I principali ingredienti attivi sono i cosiddetti alcaloidi, che agiscono sul sistema nervoso centrale.

  • Immagine 5 di 16

    oleandro

    L'oleandro appartiene al Hundsgiftgewächsen e può essere alto fino a cinque metri come un albero o arbusto. Le foglie sono allungate e appuntite, coriacee e sempreverdi. Da luglio a ottobre, l'oleandro produce fiori bianchi, rossi o rosa. L'intera pianta è velenosa. I principali ingredienti attivi sono composti che agiscono sul cuore e sulla circolazione (i cosiddetti glicosidi).

  • Immagine 6 di 16

    vischio

    Il vischio è comune sia in Europa che in Asia settentrionale. Come un cosiddetto semi-parassita cresce su latifoglie e conifere e rimuove acqua e sali nutritivi dalle sue piante ospiti. Oltre agli steli sono anche foglie e bacche velenose. I principali ingredienti attivi sono le cosiddette viscotossine, che sono miscele proteiche tossiche.

  • Immagine 7 di 16

    autunno crocus

    L'Herbstzeitlose è comune nell'Europa meridionale, occidentale e centrale e cresce principalmente sui prati umidi e nei giardini. Appare in primavera.Tutte le parti di Herbstzeitlose sono velenose, soprattutto se tuberose e semi. Il principale ingrediente attivo è la colchicina, che agisce come una citotossina. Cinque grammi sono sufficienti per uccidere un adulto. I bambini hanno già tra 1,2 e 1,5 grammi di pericolo di vita.

  • Immagine 8 di 16

    ditale

    Il Foxglove rosso è comune in Europa occidentale e centrale in montagna. Si trova anche nelle radure della foresta e come pianta ornamentale nei giardini. Tutte le parti della pianta sono velenose, ma soprattutto foglie, fiori e semi. Principali principi attivi sono varie sostanze che influenzano il cuore (ad esempio digitoxin). Già 0,3 grammi di foglie secche sono tossiche per un adulto.

  • Immagine 9 di 16

    Tromba degli angeli

    La tromba d'angelo è originaria del Brasile. A causa dei suoi fiori grandi e belli, ora è una pianta contenitore popolare. Tutte le parti della pianta sono velenose. Principali principi attivi sono scopolamina, iosina e atropina, che hanno un effetto debilitante e intossicante.

  • Immagine 10 di 16

    Cappello di ferro blu

    Il giacimento blu cresce preferenzialmente in luoghi umidi nelle montagne, sulle sponde del fiume o come pianta ornamentale nei giardini. Tutte le parti della pianta del Blue Eisenhut sono velenose, ma soprattutto la radice. Principali principi attivi sono alcaloidi, che possono avere effetti diversi sull'organismo. Anche piccole quantità da 0,2 grammi sono velenose.

  • Immagine 11 di 16

    Herb Paris

    L'unicorno si verifica in Europa e in Asia Minore. Si trovano principalmente nelle foreste rivierasche e nelle foreste umide di latifoglie. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto le bacche. I principali ingredienti attivi sono le saponine, che si ritiene siano protette da insetti o funghi. In concentrazioni più elevate le saponine hanno un effetto emolitico, cioè possono distruggere i globuli rossi. In quantità maggiori, danneggiano anche i reni e il sistema nervoso centrale.

  • Immagine 12 di 16

    tasso

    Il tasso è molto diffuso. Alle nostre latitudini, cresce principalmente nelle foreste ombrose. È anche comunemente usato come arbusto ornamentale nei giardini, nei cimiteri e nei parchi: sia gli aghi che i semi sono velenosi, specialmente se li mordono. Il seme rosso, dal sapore dolce, d'altra parte, non è tossico. I principali ingredienti attivi sono gli alcaloidi. Hanno un forte effetto farmacologico.

  • Immagine 13 di 16

    Dieffenbachia

    La casa originale di Dieffenbachie è l'America tropicale. A causa delle sue foglie ben disegnate e perché non ha bisogno di molto sole, Dieffenbachie è una pianta d'appartamento popolare. L'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il tronco. Tutti gli organi contengono i cosiddetti aghi di ossalato di calcio. Questi hanno canali attraverso i quali l'acido ossalico e altre tossine possono penetrare nelle ferite aperte. Tre o quattro grammi di foglie sono considerati mortali, e anche l'acqua di ruscellamento dovrebbe essere tossica.

  • Immagine 14 di 16

    acanto

    L'artiglio dell'orso gigante originariamente proveniva dal Caucaso e raggiungeva la nostra latitudine come pianta ornamentale. Al giorno d'oggi, le piante sono spesso trovate come esemplari selvaggi in Waldschneisen e su strade forestali e lungo le strade, l'intera pianta è velenosa, ma soprattutto il succo. Questo contiene sostanze fototossiche e dannose per la pelle. I principali ingredienti attivi sono le cosiddette 6,7-furocumarine. Sotto l'influenza della luce solare (raggi UVA e UVB) vengono attivati ​​i fitochimici. Al mattino, l'effetto fototossico è più forte rispetto alla sera.

  • Immagine 15 di 16

    amarillide

    La casa di Amaryllis è originariamente nelle Ande del Perù. Al giorno d'oggi, la Ritterstern è una pianta d'appartamento popolare, che viene acquistata principalmente nei mesi da gennaio ad aprile, e quindi fiorisce. Soprattutto la cipolla di amaryllis è velenosa. Contiene alcaloidi speciali che sono citotossici e sono considerati molto tossici.

  • Illustrazione 16 di 16

    ciclamino

    La casa del ciclamino è in realtà in Medio Oriente e Asia Minore. Nel frattempo, il Primelgewächs in molti salotti ed è una delle piante d'appartamento più popolari. Soprattutto il tubero è velenoso, contiene le cosiddette saponine.Questi sono composti vegetali secondari che di solito hanno un sapore amaro e possono influenzare il metabolismo. Già 0,2 grammi di tubero sono considerati tossici, otto grammi come dose letale.

È così che ottieni la verbena e i suoi prodotti

Verbena secca e preparati corrispondenti sono disponibili in farmacia o in farmacia. Si prega di fare riferimento al rispettivo foglio illustrativo per la corretta applicazione o consultare il proprio medico o il farmacista.

Vale la pena conoscere la verbena

Il vero verbena (Verbena officinalis) è un membro della famiglia di verbena (Verbenaceae) ed era originariamente nativo per il Mediterraneo. Oggi, è distribuito in tutto il mondo nelle regioni temperate, per lo più come parte di erbacce lungo società delle strade, sulle discariche, dighe e pareti.

La pianta possiede uno stelo di vierkantigen e diventa alta fino a 60 centimetri. Nella parte inferiore è spesso lignificato e ramificato nella parte superiore. Le foglie sono profondamente tagliate a fiederteilig. La verbena produce fiori viola pallidi da luglio a settembre. Da loro si sviluppano piccoli schizocarps marroni che si disintegrano facilmente in quattro nutlet.

La verbena disponibile in commercio proviene da collezioni selvagge dell'Europa sud-orientale.

Il tè tradizionale greca di montagna, il (scardica Sideritis; famiglia Lamiaceae, Labiatae) dalla verbena greca è fatto è solo lontanamente legato alla vera e propria verbena correlate. Contiene altri principi attivi.


Ti Piace? Condividi Con Gli Amici: